La compagni aerea che vieta i bambini

compagnia aere ache vieta i bambini

Negli ultimi giorni stanno facendo discutere le decisioni di alcuni hotel e ristoranti che hanno deciso di vietare l’ingresso ai bambini per salvaguardare la quiete dei loro ospiti.

Da ultima ci si è messa anche la compagnia aerea indiana IndiGo che ha deciso di bandirli da alcune file dei suoi aeromobili, per garantire un volo più sereno e più tranquillo ai suoi clienti.

Gli under 12 non potranno sedersi nelle file che vanno dalla 1 alla 4, e nemmeno in quelle che vanno dalla 11 alla 14. Un’area chiamata Quiet Zone che ha ovviamente scatenato reazioni contrastanti. I genitori dei bambini hanno visto la decisione come una vera e propria discriminazione nei loro confronti, mentre alcuni viaggiatori hanno accolto la notizia con grande entusiasmo mostrandosi disponibili addirittura a pagare un supplemento per sedersi nella Quiet Zone.

A bordo dei voli IndiGo i bambini non possono già da tempo sedere nelle file con spazio extra per le gambe e in quelle vicine alle uscite di sicurezza.

Nel continente asiatico ci sono compagnie aeree come la Scott, la AirAsiaX e la Malaysia Airlines, che già da anni hanno istituito la zona Child Free acquistabile come upgrade

Nei tanti voli presi mi è capitato solo una volta di essere infastidito dagli schiamazzi incessanti di un bambino. Tornavo dal Messico con British Airways e il piccolino ha pianto per quasi tutto il volo (circa 10 ore). Poverino, lui non c’entrava nulla, la colpa era dei suoi genitori che fregandosene altamente della sua insofferenza, e non degnandolo nemmeno di uno sguardo o di una carezza, hanno continuato a guardare il loro film con le cuffie nelle orecchie. Ricordo che ignoravano addirittura le richieste dei passeggeri che, come me, volevano almeno schiacciare un pisolino.

A dire il vero ciò che mi ha infastidito non è stato il piccolino che piangeva, anzi era dolcissimo e tenerissimo (io adoro i bimbi e le mie nipotine Giorgia e Beatrice sono le mie principessine), ma il menefreghismo più totale della sua mamma e del suo papà. Li avessi visti prenderlo almeno in braccio e provare a rincuorarlo avrei sicuramente accettato la situazione.

Ci sono stati anche alcuni voli in cui sono stato incessantemente preso a calci sul sedile ma la cosa non mia ha affatto infastidito, d’altronde siamo stati tutti bambini, e so che per un genitore non è semplice gestire e calmare un bambino.

Ma poi diciamolo, sono solo i bambini ad arrecare disturbo durante un volo? Ho visto adulti fare cose allucinanti…

E se iniziassero a farlo anche le altre compagnie aeree? Tu cosa ne pensi? Saresti favorevole o contrario?

immagine di copertina skitterphoto

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

  • daniela

    Sono pienamente d’accordo sul divieto. Purtroppo non puoi dare il divieto a determinati genitori…ma solo ai bambini . Premetto che sono una madre,non odio i bambini ……ma solo quelli fuori controllo !Bisognerebbe far fuori certi
    genitori….

Viaggiare Low Cost

Iscriviti alla Newsletter