| Lazio, Guide, Viaggiare Low Cost

Cosa vedere nella Tuscia: 5 gioielli a due passi da Roma

civita di bagnoregio lazio

Dopo tanti racconti sull’Italia e il mondo oggi voglio parlarvi della mia terra e svelarvi i miei consigli su cosa vedere nella Tuscia.

Ma partiamo dall’inizio: per chi non lo sapesse la Tuscia corrisponde alla provincia di Viterbo, nell’Alto Lazio. Una terra ricca di fascino e di storia, incastonato tra Roma, l’Umbria e la Toscana e bagnato dal Mar Tirreno. 

Il territorio della Tuscia è davvero vario e se ti stai chiedendo cosa visitare nella Tuscia avrai davvero l’imbarazzo della scelta: ci sono due sistemi montuosi importanti (i Cimini e i Volsini), due famosi laghi vulcanici (Vico e Bolsena), fitte foreste e faggete, acque termali, la pianura nota come Maremma Laziale e una costa che arriva quasi fino all’Argentario.

Ma la Tuscia non è solo natura: la mia terra ha una storia lunga millenni che potrai conoscere visitando le numerose zone archeologiche e le necropoli antiche presenti su tutto il territorio, da Tarquinia a Sutri, da Blera a Faleri Novi.

Da qui potresti fare un salto fino al medioevo, visitando la miriade di piccoli borghi incantati che costituiscono la provincia di Viterbo. E ancora arrivare in pieno Rinascimento, lasciandoti incantare da ville e palazzi cinquecenteschi e dai loro giardini all’italiana.

Cosa vedere nella Tuscia

Mi vengono in mente davvero tantissimi itinerari da consigliarti ma iniziamo con 5 luoghi imperdibili che ti faranno venire voglia di tornare.

Civita di Bagnoregio

Il “paese che muore” è forse il luogo della Tuscia più famoso nel mondo. Abitato da poco più di 10 persone, è incastonato al centro della Valle dei Calanchi ed è raggiungibile solo attraverso un ponte pedonale che arriva fino all’ingresso del piccolo borgo.

cosa vedere nella tuscia

Ph: Luca Storri

Come ci racconta Andrea nel post Civita di Bagnoregio: la città che muore, Civita è stata scelta come set per numerosi film, anche molto famosi, ed oggi è meta di turismo locale ma soprattutto estero e asiatico.

Per la sua conformazione geologica Civita è un tesoro italiano davvero fragile e ha bisogno di continui interventi di assestamento.

Ti consiglio di visitarla al tramonto, quando la luce del sole scalderà il terreno argilloso su cui si erge e tutto diventerà magico.

cosa vedere nella tuscia (2)

Ph: Luca Storri

Il Palazzo Farnese di Caprarola

Il piccolo borgo si sviluppa intorno ad un’unica strada nota come “Via Diritta” e custodisce interessanti testimonianze del passato, come chiese e palazzi. Ma il pezzo forte di Caprarola è senza dubbio il suo meraviglioso Palazzo Farnese, assolutamente da non perdere.

cosa visitare nella tuscia

Ph: Luca Storri

Nato come una fortezza che doveva resistere agli attacchi nemici, nel corso del tempo il Palazzo assunse le sembianze di una residenza elegante e sontuosa per la nobile famiglia dei Farnese.

Negli ambienti interni, che si sviluppano intorno ad un cortile centrale troviamo affreschi dei più importanti artisti dell’epoca, compreso il Vignola e Antonio da Varese che ha dipinto le carte geografiche della Sala del Mappamondo, forse la più celebre dell’intera struttura.

cosa visitare nella tuscia (2)

Ph: Luca Storri

Non sono da meno i suoi favolosi giardini, che si dividono in “Giardini Bassi” e “Giardini di sopra” e furono realizzati in tempi diversi, anche se derivano entrambi da un progetto del famoso architetto Vignola: siepi basse, panchine antiche, fontane e giochi d’acqua, un bosco e una struttura finale, la Casina del Piacere, che chiude magicamente il cerchio e regala una vista su tutta la tenuta.

Villa Lante a Bagnaia

A Bagnaia, frazione di Viterbo, sorge Villa Lante, un’opera rinascimentale in cui natura e architettura si fondono a creare uno spettacolo unico nel suo genere.

cosa vedere tuscia

 

Passeggia all’interno del bosco e lasciati trasportare dalla bellezza del luogo: ti ritroverai immerso in un’atmosfera fiabesca, tra alberi secolari, due palazzine gemelle e splendide fontane che creano giochi d’acqua risalenti al 1600: tra le più belle la Fontana dei Giganti, la Fontana della Catena e quella dei Mori.

Bomarzo e il Parco dei Mostri

Cosa vedere nella Tuscia di originale e fuori dal comune? Sicuramente il Bosco Sacro di Bomarzo!

Noto anche come Parco dei Mostri, questo luogo è unico nel suo genere e pur essendo stato realizzato nello stesso periodo del Palazzo Farnese di Caprarola e di Villa Lante di Bagnaia, non ha nulla a che fare con le loro linee classiche e armoniche.

cosa vedere nella tuscia (4)

 

Il Sacro Bosco di Bomarzo infatti non segue schemi logici, né regole prospettiche e di proporzioni, ma è il risultato di uno sfogo di creatività assoluta, che ha dato vita a statue scolpite nel peperino, una casa pendente, un tempio funerario e numerosi sedili con iscrizioni.

Ti consiglio una visita per immergerti in un’atmosfera surreale e davvero fuori dal comune. E all’uscita non dimenticare di fare un giro tra i vicoli del centro storico di Bomarzo, fino al castello da cui si gode di una vista speciale su tutto il territorio circostante.

I laghi vulcanici

Il lago di Vico e il lago di Bolsena sono due tesori inestimabili per la Tuscia. Il primo si trova vicino Caprarola e Ronciglione ed è quello che è stato meno stravolto dall’intervento umano. Prendi la macchina e fai il giro completo del lago, fermandoti nelle aree di sosta attrezzate, in un locale sulla spiaggia o nei punti di avvistamento della fauna locale, tra canneti e piccole paludi.

coe da vedere nella tuscia

 

Se invece ami più i lungolaghi attrezzati e i paesi che sorgono direttamente sull’acqua il lago di Bolsena è quello che fa per te. La cittadina è deliziosa, con il suo castello e il suo porticciolo: e Marta, Capodimonte e Montefiascone non sono da meno. Prenditi una giornata intera per goderti tutto il relax di questa zona della Tuscia, tutta da scoprire!

cose da visitare nella tuscia

 

Questi sono solo cinque consigli sparsi su cosa vedere nella Tuscia. 

E ricorda di non andartene senza aver assaggiato i prodotti tipici che si producono nelle terre di Tuscia: nocciole, castagne, olio extravergine di oliva, vini locali e molto altro ancora. E sono sicura che ti verrà voglia di tornare. In fondo siamo solo a due passi da Roma!

foto di Luca Storri

Erika Francola

Sono Erika (@erikamelie sui social), ho 29 anni e vivo con mio marito in un borgo nel cuore della Tuscia, tra Roma, l'Umbria e la Toscana. Amo la letteratura, i colori dell'autunno, i pittori impressionisti, il tè, i negozi vintage e il vino rosso. La scrittura, i viaggi e la fotografia sono le mie più grandi passioni: ho fondato per questo il mio blog Viaggideltaccuino.it e ogni giorno per lavoro ho la fortuna di raccontare storie, emozioni e luoghi che profumano di magia e bellezza.

comments

Guide

Iscriviti alla Newsletter