| Roma, recensioni

Dar Filettaro a Santa Barbara (Roma)

filettaro a santa barbara roma interno

Mangiare un filetto di baccalà fritto Dar Filettaro a Santa Barbara è una di quelle cose che un romano o un turista in visita a Roma deve assolutamente fare almeno una volta nella vita.

Si tratta di un’esperienza culinaria memorabile, impreziosita dal contesto caratteristico fatto di romanità verace.

Er Filettaro – come si dice a Roma – si trova in pieno centro, al numero 88 di largo dei Librari, una traversa di Via dei Giubbonari, la via che da Campo dè Fiori porta a Via Arenula.

Accanto alla chiesetta di Santa Barbara, da cui prende il nome, vi è una porticina con l’insegna “Filetti di Baccalà”.

Il locale è piccolo e caratteristico, tipico da trattoria romana, ed è talmente famoso e apprezzato che per mangiare seduto al tavolo bisogna mettersi in coda ed aspettare il proprio turno.

Già solo sbirciando dalla porta a vetri ci si accorge dell’atmosfera, e poi il cameriere che chiama i clienti per farli accomodare è un vero spasso.

Appesi al muro fanno bella mostra quadri e targhe, tra cui una che riflette tutto l’amore dei proprietari per la Città Eterna, “se moro e poi rinasco…prego Dio de rinasce a Roma”.

Come dice il nome, la sua specialità sono i filetti di baccalà impastellati e fritti, magari da accompagnare con le puntarelle. Si può scegliere sia di mangiarli al suo interno (e hanno un costo di € 5) che take away (€ 4,50), e gustarseli a passeggio, o seduti sulle scale della Chiesa di Santa Barbara, o ai piedi della statua di Giordano Bruno a Campo dè Fiori.

Il menù è molto semplice.

Come antipasto si può scegliere tra

  • acciughe con burro
  • salame
  • zucchine fritte
  • formaggio
  • funghetti
  • giardiniera mista sott’olio
  • fagioli

Come piatto principale c’è ovviamente sua maestà il “filetto di baccalà”.

Tra le insalate è possibile scegliere tra:

  • puntarelle (di stagione)
  • insalata gallinella
  • insalata

Tra i dolci ci sono

  • tozzetti e ciambelline al vino
  • tartufi e coppe di gelato
  • torte

Noi abbiamo mangiato i filetti di baccalà, croccanti fuori, soffici all’interno, e poco unti. Una sola parola, divini.

Come contorno le puntarelle, buone come quelle fatte in casa, con aglio e pasta d’acciughe,

puntarelle dar filettaro a santa barbara roma

e un piatto di fagioli con cipolla.

fagioli con cipolla dar filettaro a santa barbara roma

Da bere acqua e birra.

In due abbiamo speso € 25,50.

Abbiamo mangiato benissimo, ci siamo divertiti un mondo in quanto i camerieri sono simpaticissimi, e siamo usciti sazi e soddisfatti.

Er Filettaro è un’istituzione, un viaggio nei sapori tradizionali di Roma in un’ambiente difficile da dimenticare.

Vi lascio al video della nostra esperienza.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

recensioni

Iscriviti alla Newsletter