| Diari di viaggio

Diario di viaggio: Australia

vologratis il blog per viaggiare low cost
Quello di oggi è il diario di viaggio in Australia di mia sorella Alessia (mia sorella) e Massimo.

22 – 23 Giugno

E’ arrivato il giorno della partenza per il nostro tanto sognato viaggio di nozze, meta: Australia e isole Fiji (luoghi che fin da bambina ho sempre sognato di visitare).

Partiamo in mattinata da Roma con la compagnia Cathay Pacific diretti a Sydney, con scalo previsto a Hong Kong.

Dopo 9 ore di volo atterriamo all’aeroporto di Hong Kong, è mattina presto e piove, nell’attesa del volo che ci porterà in terra aborigena ci facciamo un giro per il gigantesco aeroporto e facciamo colazione dal mitico Starbucks.

Tra un negozio e l’altro due ore passano in fretta ed è giunto il momento di imbarcarci sull’aereo della Qantas diretti in Australia.

Questo volo dura ben 12 ore, la situazione a bordo è molto tranquilla e grazie ai tanti posti vuoti riusciamo a sdraiarci e a schiacciare un pisolino.

Atterriamo a Sydney, un po’ provati dalle 24 ore di viaggio, alle 19.00 ora locale del 23 Giugno, fuori fa freschino.

Dopo aver preso le valigie ci dirigiamo all’uscita e prendiamo un taxi che ci porta al nostro hotel, il Rydges World Square – vicino al Darling Harbour – pulito, silenzioso, stanza enorme, colazione abbondante ed in ottima posizione.

Posiamo i bagagli in camera e via alla scoperta della città. Un po’ spaesati seguiamo le indicazioni per il Darling Harbour, arrivati troviamo la baia illuminata e ricca di locali ed hotel.

24 Giugno: Sidney

Dopo una ricca colazione ci dirigiamo a visitare l’Opera House, l’Harbour Bridge, The Rocks (quartiere più antico della città), il Central Business District (CBD), World Tower e il Queen Victoria Building.

25 Giugno: i dintorni di Sidney

Prendiamo il bus hop on hop off “Sydney Express” (bus Blu) che ci porta alla scoperta delle spiaggie più famose dell’Australia; siamo stati a Bondi Beach, a Manley Beach, a Coogee Beach dove abbiamo mangiato in un posto consigliato dalla Lonely Planet, il “A place called Coogee” che ha sul bancone una varietà di pesce crudo che puoi scegliere, farti cucinare sul momento, e mangiare sui tavolini all’aperto.

26 Giugno: Blue Mountain

Prendiamo il treno che ci porta alle Blue Mountain e qui ci troviamo di fronte ad uno spettacolo indescrivibile.

Questa zona è così chiamata perché i i numerosissimi alberi di eucalipto emanano una sorta di alone azzurro che conferisce al paesaggio un effetto particolare. Qui ci sono numerosi percorsi naturalistici da poter fare durante i quali si avvistano numerosi uccelli colorati.

Famosissime sono le Three Sisters, una formazione rocciosa con 3 punte, chiamate appunto le Tre Sorelle.

27 Giugno: Sydney e dintorni

Questa giornata la dedichiamo al Featherdale Wildlife Park per ammirare i tipici animali australiani.

E’ un piccolo zoo dove gli animali sono liberi, così abbiamo potuto accarezzare i canguri, i wallaby, gli emu e i koala, vi sono anche dei recinti con coccodrilli, dingo e il diavoletto della tasmania.

Nel tardo pomeriggio abbiamo fatto una romantica crociera al tramonto nella Baia di Sydney, vedere dal mare l’Opera House e l’Harbour Bridge è qualcosa di indescrivibile.

28 Giugno: il deserto rosso

Lasciamo a malincuore Sydney con destinazione Ayers Rock, il Deserto Rosso.

Appena arrivati veniamo colti da un clima decisamente più caldo di Sydney, dopo aver ritirato la nostra auto noleggiata da Roma con la società Avis, ci dirigiamo verso il nostro albergo, il Voyages the Lost Camel, hotel confortevole e pulito.

Il villaggio di Ayers Rock è un agglomerato di Hotel, locali e un piccolo supermarket.

Dopo aver lasciato i bagagli, ci dirigiamo subito verso Uluru, un luogo sacro per gli aborigeni, decidiamo, come consigliato da un cartello di non scalare il monolito, sia perchè è pericoloso sia perché è considerato un luogo sacro per la popolazione locale. Facciamo un percorso naturalistico che ci porta ai piedi della gigantesca roccia, durante il percorso ogni tanto si incontrano delle piccole caverne chiuse con una corda e con un cartello che indica che è un luogo sacro e sono vietate le foto, scorgiamo anche qualche graffito aborigeno. Tutto intorno a noi è silenzio, si respira davvero un’atmosfera sacra.

Al tramonto ci dirigiamo verso un punto di osservazione del monolito per goderci lo spettacolare tramonto che non tarda ad arrivare e ci lascia letteralmente a bocca aperta. La roccia cambia colore in base al sole che tramonta, passa da un marrone chiaro ad un arancione accesso per poi diventare marrone scuro.

La sera abbiamo mangiato in un locale del villaggio dove si acquista carne (di manzo, di coccodrillo, di canguro e di emu) e verdura per poi cucinare da soli sulle griglie messe a disposizione. Abbiamo mangiato su dei tavoli molto lunghi ascoltando musica tipica australiana.


29 Giugno: Kata Tjuta e Monti Olgas

Giornata dedicata alla scoperat delle meraviglie naturalistiche di Kata Tjuta e dei Monti Olgas.

Splendido il percorso naturalistico chiamato la Valle dei Venti,di circa 8 km di difficoltà media.

Interessante è anche il centro visitatori del parco dove lavorano gli aborigeni che vendono i loro manufatti.

30 Giugno: Darwin

Lasciamo un pezzo di cuore ad Ayers Rock e partiamo alla volta di Darwin. Il nostro aereo fa scalo ad Alice Spring ed abbiamo quattro ore di tempo da dedicare alla città. Fuori dall’aeroporto fermiamo un taxi per portarci in città, il tassista, una persona gentilissima ci ha raccontato la sua storia. Ad Alice Spring non c’è molto da vedere, abbiamo passeggiato sulla via principale, piena di negozi e di aborigeni che trascorrono il tempo bevendo birra, fumando sigarette o sdraiati nei prati.

Torniamo in aeroporto e prendiamo il volo per Darwin, che sarà la nostra base per visitare il Kakadu National Park. Appena scesi dall’aereo veniamo colti da un’afa incredibile, qui il clima è molto caldo e soprattutto molto umido; prendiamo la nostra auto a noleggio e ci dirigiamo verso il nostro Hotel, il Novotel Darwin Atrium, bellissimo! Appena entrati ci siamo ritrovati in una foresta equatoriale, piena di piante, alberi e ruscelli .

1 Luglio: Kakadu National Park

Partiamo presto diretti al Kakadu National Park (253 km da Darwin), il viaggio è abbastanza lungo e il paesaggio abbastanza monotono. Il Parco a partire dal 1981 è stato dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Il parco è popolato da tantissimi pappagalli bianchi.

Visitiamo degli antichi insediamenti e il piccolo villaggio di Jubiru.

La notte la trascorriamo all’Aurora Kakadu, un tipico villaggio immerso nella foresta, la stanza era un grande bungalow abbastanza pulito.

2 Luglio: Yellow Water

Abbiamo fatto una bellissima crociera sullo Yellow Water alla scoperta dei coccodrilli che vivono numerosi in queste acque, e di molti uccelli tipici. Spettacolo magnifico!

Siamo ripartiti alla volta di Darwin dove, la mattina seguente, avendo il volo per Brisbane nel pomeriggio, abbiamo fatto un giro per la città e abbiamo visitato il giardino botanico di Charles Darwin e la baia.

3 Luglio: Brisbane

Arrivati a Brisbane in tarda serata, siamo tornati al clima freddo, abbiamo pernottato al Portal Hotel, albergo molto minimal, stanza piccola ma bagno grande, molto pulito e silenzioso.

4 Luglio: Brisbane

Giornata dedicata interamente alla visita di Brisbane. Cittadina piccola ma piacevole da girare a piedi.

Lungo il fiume Brisbane hanno ricreato con delle piscine artificiali una location di mare con spiagge bianche e palme, vi sono anche dei giardini subtropicali e una Pagoda donata alla città in occasione delle Olimpiadi.

5 Luglio:

Lasciamo a malincuore l’Australia ma felici di andare alle Isole Fiji. Il volo dura circa 5 ore e sull’aereo cominciamo a respirare l’atmosfera fijiana con canzoni tipiche e il sorriso delle hostess.

Ma questo ve lo racconteremo nel prossimo diario di viaggio.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

  • Grazie per avere inserito il mio diario di viaggio!!!

  • Grazie a te!
    Siamo tutti in attesa di leggere il seguito del vostro viaggio di nozze alle Fiji! 🙂
    A presto

Diari di viaggio

Iscriviti alla Newsletter