| Sardegna, Diari di viaggio

Vacanza in Sardegna: tra San Teodoro e Budoni

vacanza in sardegna

“La vita in Sardegna è forse la migliore che un uomo possa augurarsi: ventiquattro mila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in un mare miracoloso dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso”. Così la pensava Fabrizio De Andrè e così la pensiamo anche noi.

La Sardegna è un vero Paradiso terrestre e per noi non è estate senza respirare il profumo del mirto, senza tuffarci nel suo mare cristallino, senza mangiare le sue specialità culinarie e senza vivere a contatto con la sua gente meravigliosa.

Per fortuna i genitori di Valentina hanno casa a Budoni, e risparmiando sull’alloggio ci risulta un pò più semplice accettare il caro prezzo dei biglietti del traghetto, che come sapete negli ultimi anni ha raggiunto cifre astronomiche soprattutto per le settimane centrali di agosto. Qualcuno di voi si chiederà: “e perché allora non andate con l’aereo?”, tralasciando il fatto che portiamo con noi il nostro bassethound Gastone, raggiungere Olbia da Roma in aereo e poi noleggiare un’automobile in quel periodo supera di gran lunga il prezzo del traghetto.

Lasciamo da parte lo sfogo sul caro traghetti, che se vi va potete leggere sulla nostra pagina facebook, e iniziamo subito a raccontarvi la nostra vacanza in Sardegna, tra Budoni e San Teodoro, sperando di darvi qualche informazione utile per trascorrere una fantastica vacanza in questi luoghi.

Conosciamo abbastanza bene l’Isola, Valentina c’è già stata una ventina di volte, io una decina, quindi quest’anno abbiamo deciso di rilassarci il più possibile godendoci il “nostro” territorio senza andare troppo lontano. Negli anni passati abbiamo già visitato la parte sud, quella Ovest di Oristano e dintorni, l’Arcipelago de La Maddalena, Santa Teresa di Gallura e il Golfo di Orosei.

Budoni è una località della provincia di Olbia-Tempio, che dista circa 35 km a sud di Olbia, facilmente e velocemente raggiungibile dal porto e dell’aeroporto tramite la SS 131. Budoni è composta da vari borghi che dalla collina digradano verso il mare, come ad esempio Limpiddu, Tamarispa, San Lorenzo, Agrustos e Ottiolu.

Porto Ottiolu è un borgo esclusivo creato nel 1985 sul territorio occupato da uno stagno, grazie all’intuizione di un imprenditore milanese che sorvolando in aereo la zona se ne innamorò a tal punto da volersela comprare. A Ottiolu si trova uno dei porti turistici più importanti della Sardegna ed è un posto meraviglioso per un aperitivo, per una cena romantica o per una passeggiata serale.

porto ottiolu vacanza in sardegna

Dicono si mangi molto bene al Nautilus ma non ci siamo mai stati. Ci abbiamo solo preso un drink prima di andare al Pata Club a vedere lo spettacolo “Vita Smeralda” di Jerry Calà, peraltro divertentissimo.

Per conoscere meglio questo borgo abbiamo partecipato ad un’escursione gratuita organizzata da Budoni Welcome, l’ente del turismo locale, che ci ha portati a scoprire delle calette nascoste come Poltu Quatu (il porto nascosto), Cala de Li Franzesi – così chiamata perché negli anni ’60 vi si stabilì un gruppo di hippie nudisti francesi – e Punta Li Turchi.

cala de li franzesi vacanza in sardegna

Budoni Welcome organizza anche altre escursioni gratuite come quella alle Dune e quella che porta alla scoperta del volto autentico della cittadina tra degustazioni e incontri con l’artigianato locale.

Per maggiori informazioni sulle escursioni vi suggeriamo di consultare il sito web dell’ente del turismo.

Da Porto Ottiolu partono anche delle gite in barca a vela alla scoperta della Riserva Marina di Tavolara e di Molara. Noi abbiamo scelto quella di Venti di Vela e a bordo della Blue Queen dello skipper Massimiliano Genco abbiamo trascorso una fantastica giornata in mare.

blue queen budoni venti di vela

valentina budoni vacanza in sadegna

andrea petroni barca a vela vacanza in sardegna

Ci siamo tuffati nelle spettacolari piscine naturali di Molara, abbiamo costeggiato le bianche falesie di Tavolara – il più piccolo Regno del Mondo – e abbiamo ammirato da un’altra prospettiva La Cinta di San Teodoro, Capo Coda Cavallo e Cala Brandinchi.

isola di tavolara vacanza in sardegna

valentina vologratis in barca a vela vacanza in sardegna

Lo skipper ci ha anche preparato un delizioso pranzetto a bordo a base di prodotti locali.

La spiaggia di Ottiolu non è però il massimo che si possa pretendere dalla località. Se cercate una bella spiaggia vi suggeriamo La Baia di Budoni, lunga circa 4 km.

baia di budoni vacanza in sardegna

Sabbia bianca, mare cristallino, dune e una bella pineta utile per cercare un pò di refrigerio nelle calde giornate d’agosto. Ma non finisce mica qui. Vi è anche uno stagno popolato dai fenicotteri rosa.

stagno di budoni vacanza in sardegna

Entrando a Sa Capannizza troverete grosso parcheggio che costa € 0,30 l’ora o € 2 per tutto il giorno.

Nella pineta di Sant’Anna c’è un ristorante/bar di nome Shardana in cui dicono si mangi bene, noi ci abbiamo solo preso una bibita di sera. Speriamo di provarlo il prossimo anno.

pineta di budoni vacanza in sardegna

sant'anna budoni vacanza in sardegna

Ci sono spiagge per tutti i gusti, c’è ad esempio Porto Ainu perfetta per i bambini grazie al suo basso fondale, e Fido Beach per chi viaggia con il proprio amico a quattro zampe.

Per quanto riguarda i ristoranti abbiamo cenato da La Perla a Limpiddu, che propone un’ottima cucina a base di pesce fresco locale. Ottimi gli antipasti con assaggi di aragostina alla catalana, insalata di mare, code di gamberi alle verdure, carpaccio di tonno e rana pescatrice. Deliziosi anche i primi come la fregola ai frutti di mare e il riso venere al nero di seppia.

Non potevamo perderci nemmeno la cena sarda e come di rito siamo andati all’agriturismo Muru Idda a San Lorenzo. Tutto ottimo e abbondante come sempre: salumi, zuppa gallurese, gnocchetti sardi, ravioli di ricotta e menta, porcetto arrosto, spezzatino di manzo e seada, il dolce non -dolce a base di semola, formaggio e miele.

Di sera è imperdibile una passeggiata lungo la Via Nazionale ricca di bancarelle, con uno sguardo sempre a Piazza Giubileo in cui si susseguono spettacoli ed eventi gratuiti. Quest’anno abbiamo assistito allo show di Gene Gnocchi e ci siamo divertiti un mondo.

Percorrendo la SS 131 in direzione Olbia, da Budoni si raggiunge in una quindicina di minuti San Teodoro. La località più di tendenza della zona, perfetta per una vacanza giovane all’insegna del divertimento.

A San Teodoro si trova la nostra spiaggia preferita, La Cinta. 5 km di sabbia bianca e finissima con un mare da fare invidia ai Paesi esotici. Nel mese di agosto è piena di gente ma se si vuole un pò di tranquillità basta camminare sul lato sinistro per una quindicina di minuti per ritrovarsi da soli in un posto da sogno lontano dalla confusione.

la cinta di san teodoro vacanza in sardegna

Se amate gli aperitivi sulla spiaggia andate a La Cinta Beach Bar che dalle 17 alle 18 propone un happy hour con cocktails a € 5. Per gli aperitivi vi suggeriamo anche l’Ambra Day in pieno centro e il Bal Harbour che ogni pomeriggio organizza una festa in piscina.

Per quanto riguarda le spiagge di San Teodoro vi suggeriamo Cala Brandinchi, il cui soprannome di “la piccola Thaiti” la dice lunga sulla sua bellezza, Lu Impostu e Capo Coda Cavallo.

Da Budoni e da San Teodoro è facile poi raggiungere facilmente altre località della Sardegna come la rinomata Porto Cervo, Santa Teresa di Gallura da cui si può raggiungere Bonifacio in Corsica, La Caletta da cui partono le gite in motonave per il Golfo di Orosei, l’Oasi di Bidderosa, e Palau da cui partono sia i traghetti per La Maddalena che le gite in motonave lungo l’Arcipelago.

Budoni e San Teodoro sono nel nostro cuore, la prossima estate saremo di nuovo lì. Fateci sapere se ci sarete anche voi così ci organizziamo per un aperitivo insieme.

Tutte le altre foto che abbiamo scattato durante la nostra vacanza in Sardegna le trovate sul nostro profilo Instagram @vologratis.

Questo invece è il video della nostra vacanza.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

Diari di viaggio

Iscriviti alla Newsletter