| Giappone, Guide

Cosa vedere a Tokyo: i quartieri da non perdere

cosa vedere a tokyo

Cosa vedere a Tokyo? La prima domanda che balena nella mente di tutti quelli che hanno acquistato il biglietto per la capitale nipponica o sono in procinto di farlo.

La capitale giapponese è una città complessa, enorme, la seconda al mondo per dimensioni dopo Pechino. Non è facile parlare di lei senza fare un po’ di confusione, senza perdersi tra le mille aree nelle quali è suddivisa.

Tokyo ha ventitrè quartieri, ognuno con una propria personalità e ciascuno avrebbe bisogno di più di un giorno per essere scoperto fino in fondo. Sono così tanti che è molto difficile riuscire a scoprirli tutti con un solo viaggio.

cosa vedere a Tokyo (5)

Oggi, quindi, ti voglio suggerire

cosa vedere a Tokyo

partendo proprio dai suoi quartieri. Sei pronto per scoprirli?

Eccoli!

Shinjuku

cosa vedere a Tokyo (2)

© Martina Sgorlon

Shinjuku è caleidoscopico. Si sveglia soprattutto verso sera, quando le tantissime luci colorano le vie affollate. Qui si trova la stazione ferroviaria più trafficata del mondo ed è impossibile non perdersi al suo interno, soprattutto all’ora di punta. Dicono sia una delle esperienze da fare se si passa di qui. Chi ama vedere le città dall’alto può salire invece sulla cima del Tokyo Metropolitan Government Building, è gratuito e permette di avere la capitale ai propri piedi.

Shibuya

cosa vedere a Tokyo (3)

Shibuya è giovane e, come il vicino Shinjuku, la notte dà il meglio di sé. Questo quartiere è famoso per il suo incrocio pedonale affollatissimo e per la statua del cagnolino Hachiko. Non è solo un simbolo di fedeltà e il ricordo di una storia strappalacrime, ma anche un vero e proprio punto di incontro. Un altro luogo da non perdere è il santuario Meiji-Jingu, immerso nel verde.

Taitō

cosa visitare a tokyo

© Martina Sgorlon

A differenza dei due quartieri precedenti, Taitō è molto meno frenetico, anche se non mancano le zone vivaci. È noto soprattutto per lo splendido parco di Ueno, dove in primavera moltissimi giapponesi si incontrano per festeggiare la fioritura dei ciliegi, e per il complesso templare buddhista Sensō-ji, il più antico della capitale. Diversa e molto più moderna è invece la zona di Akihabara, interamente dedicata agli appassionati di manga e anime. Una sua parte rientra nel quartiere di Chiyoda.

Chiyoda

cosa visitare a tokyo (2)

© Martina Sgorlon

Il quartiere di Chiyoda è fatto soprattutto di uffici e palazzi in vetro, ma è anche la sede del Palazzo Imperiale di Tokyo, il Kōkyo. L’edificio non è accessibile al pubblico se non il 2 gennaio e il 23, giorno del compleanno dell’imperatore.

Chūō

cose da vedere a Tokyo

© Martina Sgorlon

Chūō è formato dalle aree di Ginza, Tsukiji e Nihombashi. La prima è il paradiso dello shopping, meta di tutti coloro che cercano una Tokyo occidentalizzata. Il secondo è la sede del mercato del pesce della città, un luogo vivacissimo perfetto per tutti coloro che vogliono invece assaggiare cibi autentici e veramente tipici. Il terzo è un’area commerciale ricca però di storia: era il cuore della vecchia Tokyo.

Minato

cose da vedere a Tokyo (2)

È difficile riassumere Minato, perché tra i quartieri di Tokyo è forse uno dei più particolari. Da una parte i giardini, dall’altra divertimento, shopping e uffici. Tra le aree da non perdere c’è senza dubbio quella dell’isola di Odaiba (divisa con il quartiere di Kōtō), perfetta per distrarsi. In questo quartiere sorge anche un altro punto panoramico e uno dei simboli della città: la Tokyo Tower.

 

Ora che conosci cosa vedere a Tokyo, partendo dai quartieri più interessanti, non ti resta che cominciare ad organizzare il tuo viaggio. Da quale quartieri vorresti iniziare a scoprire la città?

Immagini, dove non specificato, pixabay

Martina Sgorlon

Martina, 24 anni, laureata in giornalismo e travel blogger quasi per caso. Adora le tazze colorate, il tè caldo e la pizza, non importa come, dove e quando. Innamorata di New York City da tempi immemori ha realizzato il suo sogno di vederla di persona e adesso non vede l'ora di realizzare tutti gli altri. Viaggia dal 1993 e non ha mai smesso.

comments

Guide

Iscriviti alla Newsletter