| Francia, Guide

Castelli della Loira: quali non perdere

castelli della loira

Un on the road alla scoperta dei Castelli della Loira è uno dei viaggi più romantici che si possano fare in Francia. La Valle della Loira – inserita nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO – è una zona famosa soprattutto per le sue dimore storiche e, ognuna con i propri retroscena, i propri giardini e personaggi di spicco. Basta prendere un’auto e partire per scoprirli tutti.

Nei pressi del fiume della Loira (il fiume più lungo della Francia) e dei suoi affluenti (Cher Indre e Vienne) si trovano più di cento castelli rinascimentali, medievali, pubblici e privati, sparsi per in un territorio unico.

Ma quali inserire assolutamente nell’itinerario? Ecco quali sono i

Castelli della Loira da vedere assolutamente!

Buon viaggio!

Château de Chambord

Castelli della Loira (2)

Chambord è il mio preferito. È il più grande tra i regali palazzi della Loira e uno dei castelli da favola che ha ispirato i disegnatori della Bella e la Bestia. Venne costruito per volere di Francesco I e, pare, su disegno di Leonardo Da Vinci. È imponente e spettacolare, soprattutto visto dal parco.

Da non perdere: lo scalone d’onore, che è realizzato in modo che chi sale e chi scende non si incontrino mai.

Château de Villandry

Castelli della Loira (3)

Il Castello di Villandry è famoso soprattutto per i suoi bellissimi giardini. Ogni pianta che vi è stata piantata ha un proprio significato ed è bello seguire i sentieri e scoprire cos’hanno da dire.

Da non perdere: il jardin d’amour, con i cespugli e le aiuole sagomati in modo da rappresentare l’amore passionale, quello romantico, quello tragico e quello volubile.

Château d’Amboise

castelli della loira (4)

© C. Mouton – CRT Centre – Val de Loire

Il Castello di Amboise è un edificio ricco di storia. Soprattutto, è il luogo dove pare sia sepolto Leonardo Da Vinci. Fu anche teatro del complotto degli Ugonotti contro Francesco II° e, ancora oggi, si possono vedere i ganci di ferro ai quali vennero appesi i corpi dei cospiratori.

Da non perdere: la Cappella di Saint Hubert, dove si può vedere la tomba del genio toscano, e la vista sul fiume Loira.

Château de Azay-Le-Rideau

Castello della Loira Francia

Il Castello di Azay-Le-Rideau sorge su un’isoletta ed è circondato da un fossato creato per scopi decorativi. Nacque come luogo di villeggiatura sotto il regno di Francesco I°, offre tutto lo charme del Rinascimento e dà il meglio di sé durante la bella stagione.

Da non perdere: la scalinata d’onore alta quattro piani, particolare perché dritta e non a spirale, e il riflesso del castello sull’acqua.

Château de Chenonceau

Castelli Loira da visitare

Il Castello di Chenonceau è forse il più romantico tra quelli inseriti in questa lista. È famosissimo soprattutto per la sua struttura, che lo solleva di pochi metri dal livello dell’acqua. Ciò che vediamo oggi è il risultato dell’intervento delle più influenti donne degli ultimi secoli, da Caterina de’ Medici a Luisa di Lorena.

Da non perdere: la Grande Galerie in stile fiorentino voluta da Caterina De’ Medici e il castello visto “dalla terraferma”.

Château de Blois

castelli della loira da vedere

© Gillard & Vincent – CRT Centre Val de Loire

Il Castello di Blois fu per anni la dimora reale prima che la corte si trasferisse a Parigi nel 1598. Forse è anche per questo che può essere considerato una piccola Versailles. La Salle des Etats, che ospitava il consiglio, è la sala gotica meglio conservata di tutta la regione della Loira.

Da non perdere: la scala ottagonale di Francesco I°.

 

Quale tra questi castelli della Loira ti attira di più? Da quale inizieresti il tuo viaggio? In quali invece sei già stato?

 

Immagini dove non specificato nella didascalia pixabay

immagine di copertina ©PBousseaud_CRTCentreValdeLoire

Per essere sempre aggiornato sul magico mondo dei viaggi seguici anche su Facebook, su Instagram e su Twitter, e iscriviti alla nostra newsletter.

Martina Sgorlon

Martina, 24 anni, laureata in giornalismo e travel blogger quasi per caso. Adora le tazze colorate, il tè caldo e la pizza, non importa come, dove e quando. Innamorata di New York City da tempi immemori ha realizzato il suo sogno di vederla di persona e adesso non vede l'ora di realizzare tutti gli altri. Viaggia dal 1993 e non ha mai smesso.

comments

Guide

Iscriviti alla Newsletter