| Bruxelles, Guide

A spasso tra i fumetti di Bruxelles

fumetti di bruxelles

Forse non tutti sanno che Bruxelles è la capitale del fumetto, a dire il vero fino a due anni fa non lo sapevo nemmeno io e l’ho scoperto solo pochi giorni prima di partire per la capitale belga.

Personaggi famosi come i Puffi, Lucky Luke e Tintin sono nati proprio in Belgio ed è possibile incontrarli sui muri dei palazzi della città mentre passeggiano, si divertono o compiono delle attività degne di un eroe dei fumetti.

La creazione di questi giganteschi murales ebbe inizio nel 1991 su iniziativa delle autorità locali della città di Bruxelles e da quel momento la collezione continua ad arricchirsi di 2-3 murales all’anno. Al momento se ne contano più di 50, di cui 40 in pieno centro.

Siete pronti per andare alla scoperta dei fumetti di Bruxelles? Segnatevi questi indirizzi.

Ce n’è uno bellissimo di Broussaille a Rue Marché-au-Charbon (a due passi dalla Grand Place) che peraltro è quello che vedete nella foto qui alla vostra sinistra, uno di Lucky Luke a Rue de la Buanderie 40, uni di Tintin a Rue de l’Etuve, uno di Nerone a Place Saint-Géry e uno di Albert in Rue des Alexiens 49.

Quello che più colpisce è il contrasto tra la modernità dei soggetti, i loro colori intensi e le facciate antiche e austere dei palazzi che li circondano. Un mix tra antico e moderno che non lascia indifferente lo spettatore.

Per scoprire tutti i murales della città e pianificare il vostro tuor vi suggerisco di collegarvi alla pagina di Belgio Turismo (Ente del Turismo Belga) in cui oltre alle foto troverete tutti gli indirizzi e la loro dislocazione sulla mappa, altrimenti collegatevi alla pagina di Wikipedia Brussels’ Comic Book Route.

Imperdibile anche il Centro belga del fumetto che si trova in Rue des Sables/Zabelstraat 20 – un museo tutto dedicato ai fumetti che oltre alla collezione permanente del fumetto belga ha anche una sala lettura con oltre 30.000 titoli in 15 lingue diverse – e la Casa del Fumetto che espone per lo più le opere di Joseph Gillain, alias Jijé.

In città si trova anche il Museum of Original Figurines (MOOF) che espone una collezione di statuine, figurine e oggetti relativi al fumetto. Al sui interno c’è anche il negozio dei Puffi, un vero e proprio Paradiso per gli amanti degli omini blu.

puffi bruxelles

Meritano una sosta anche le librerie Brüsel e Multi BD dove fare shopping sfrenato a base di fumetto.

Se invece volete concedervi una passeggiata guidata con delle guide esperte date un’occhiata ai tour segnalati da Visit Brussels, ce n’è qualcuno anche in lingua italiana.

Qui trovate qualche suggerimento per visitare la città e qui il diario del nostro viaggio.

A Bruxelles occhi in alto e salutatemi Grande Puffo!

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

Guide

Iscriviti alla Newsletter