| Belfast, Diari di viaggio

Diario di viaggio: Causeway Coastal Route e Belfast

Diario-di-viaggio-Causeway-Coastal-Route-

Prima parte del racconto del nostro viaggio a Belfast.

Terzo giorno.

Il nostro terzo giorno in Irlanda del Nord lo iniziamo carichi d’entusiasmo. Oggi ci aspetta un tour lungo la scenografica Causeway Coastal Route, la strada che collega Belfast a Derry-Londonderry, e che è considerata come uno degli itinerari più belli del mondo.

Anni e anni passati a sognare posti come Giant’s Causeway e il Carrick-a-Rede Rope Bridge e siamo ad un passo dal realizzare questo sogno. La nostra emozione è alle stelle.

Per questo viaggio niente macchina a noleggio, decidiamo di prendercela comoda e di utilizzare il McComb’s Coach Travel, un tour di un giorno a bordo di un pullman con un costo veramente accettabile, £ 25 a persona, circa € 34.

Partiamo alle 9:30 davanti all’Europa Hotel di Belfast che si trova proprio di fronte al The Crown.

Il pullman è nuovo, bello e pulito, e l’autista ci racconta tante cose interessanti su ciò che visiteremo.

Nei £ 25 non è ovviamente compreso il pranzo quindi se volete risparmiare fate come noi, andate in uno dei supermercati di Belfast, c’è anche Tesco, e compratevi tramezzini, panini, acqua e se vi va un pò di frutta. Nei punti di sosta troverete solo ristoranti e pub.

La prima fermata la facciamo al Carrickfergus Castle, un castello normanno che dicono sia uno tra i castelli medievali meglio conservati dell’Irlanda del Nord, e che fino al 1928 ha svolto un importante ruolo militare.

Carrickfergus Castle diario di viaggio causeway coastal route

Una breve sosta fotografica e via verso la prossima meta, il Carrick-a-Rede Rope Bridge che raggiungiamo in poco più di un’ora.

Il paesaggio che scorre lungo i nostri finestrini è un qualcosa di spettacolare, verdi prati, scogliere e villaggi incantati come Glenarm, Carnlough e Cushendall.

Quando arriviamo a destinazione non riusciamo però a trattenere l’emozione ed esclamiamo all’unisono “Oh che meraviglia!”.

Una ripida scogliera bianca bagnata da un mare che farebbe invidia ai Caraibi fa da cornice ad alcuni isolotti, intorno si sente solo lo scroscio delle onde che si rompono sul bagnasciuga e il soffio di un vento leggero. La pace regna intorno a noi. Questa è l’Irlanda.

Carrick-a-rede rope bridge diario di viaggio causeway coastal route

Carrick-a-rede rope bridge irlanda diario di viaggio causeway coastal route

Per attraversare il ponte di corda si paga un biglietto di £ 5,90 per gli adulti e di £ 3 per i bambini. Purtroppo trattandosi di un ponte sospeso non è sempre attraversabile, e può capitare che con certe condizioni climatiche venga chiuso per motivi di sicurezza.

Paghiamo il biglietto e in una decina di minuti di passeggiata tra prati e scogliere raggiungiamo il ponte che collega Carrick Island alla terraferma.

È lungo 20 metri ed è fissato ad una scogliera ad un’altezza di circa 30 metri.

Carrick-a-rede rope bridge 2 diario di viaggio causeway coastal route

Il primo ponte fu costruito dai pescatori di salmoni circa 350 anni fa, quello di oggi invece è del 2008. Pensate che fino agli anni ’70 del secolo scorso era formato da una sola fune a cui sorreggersi e da poche assi di legno. Paura!

A guardarlo mette una certa ansia ma basta metterci un piede sopra per accorgersi della sua stabilità. Non fatevi prendere dal panico, è stabile e sicuro, si avverte solo qualche leggera oscillazione.

Carrick-a-rede rope bridge 4 diario di viaggio causeway coastal route

ponte di corda Carrick-a-rede rope bridge diario di viaggio causeway coastal route

Se la giornata è limpida, dall’isolotto di Carrick Island, è possibile addirittura vedere le coste della Scozia.

Noi ci sediamo sui verdi prati e contempliamo il paesaggio circostante. Sembra di vivere dentro a un sogno e la paura di svegliarsi è tanta.

andrea petroni vologratis in irlanda del nord diario di viaggio causeway coastal route

Carrick island diario di viaggio causeway coastal route

andrea petroni valentina venanzi vologratis Carrick-a-rede rope bridge

Restiamo così per un quarto d’ora e a malincuore raggiungiamo di nuova la terraferma attraversando il ponte.

valentina venanzi vologratis irlanda

Facciamo una sosta pranzo su uno dei tavolini che si trovano accanto al parcheggio e alle 14:20 risaliamo sul pullman per raggiungere il Selciato del Gigante, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1986.

Alle 15:30 arriviamo a destinazione. Io e Valentina ci prendiamo prima un caffè al The Causeway Hotel e poi iniziamo la nostra visita partendo dal Visitor Centre che con ricostruzioni, pannelli e filmati spiega la formazione di questa zona.

L’ingresso costa £ 9 e compreso nel biglietto c’è un’audioguida in italiano.

giant's causeway diario di viaggio causeway coastal route

giant's causeway diario di viaggio causeway coastal route 2

Secondo la leggenda il gigante Finn McCool costruì questo selciato per arrivare a piedi fino alla Scozia e combattere il gigante Angus.

Anche qui il paesaggio è mozzafiato.

giant's causeway diario di viaggio causeway coastal route 3

giant's causeway diario di viaggio causeway coastal route 4

Quarantamila colonne basaltiche formatesi da un’eruzione vulcanica avvenuta circa sessantamila anni fa, e alte fino a 12 metri, formano un paesaggio unico nel suo genere.

giant's causeway diario di viaggio causeway coastal route 5

Sembrano matite messe una accanto all’altra dallo scolaro più diligente del mondo.

giant's causeway diario di viaggio causeway coastal route 6

selciato del gigante giant's causeway diario di viaggio causeway coastal route

 

andrea petroni valentina venanzi vologratis giant's causeway

giant's causeway 7

Avendo tutto il giorno a disposizione è possibile fare belle passeggiate e raggiungere la cima delle colline.

giant's causeway 8

Alle 17:30 riprendiamo il pullman e prima di rientrare a Belfast facciamo una sosta fotografica al Dunluce Castle, le rovine di un antico castello a picco sulle scogliere.

Dunluce Castle

Curiosità per gli appassionati di musica. Questo castello appare nel booklet dell’album Houses of the Holy dei Led Zeppelin del 1973, e Gary Moore ha inciso un brano intitolato proprio Dunluce.

Rientriamo a Belfast intorno alle 19 inebriati dalle meraviglie che abbiamo avuto il piacere di visitare in questa giornata nordirlandese.

Doccia e cambio abiti in hotel e via a mangiare. Siamo al limite della chiusura delle cucine quindi andiamo sul sicuro, di nuovo al Crown come ieri sera. Valentina mangia un bel piatto di irish stew e io un crown classic cheeseburger. Anche oggi mangiamo bene spendendo circa £ 20.

valentina venanzi vologratis belfast crown

Il resto della serata lo trascorriamo al Duke of York sorseggiando una squisita birra bionda e scambiando qualche chiacchiera con la gente del posto.

duke of york belfast

Quarto e ultimo giorno.

Oggi dobbiamo salutare l’Irlanda del Nord, un volo Jet2.com delle 15:10 ci riporterà a Roma.

Ma non vogliamo perderci la mattinata e dopo una irish breakfast per me e qualcosa di leggero per Valentina, ce ne andiamo al Titanic Quarter, un quartiere oggetto di una grossa opera di riqualificazione che ospita studi cinematografici, appartamenti residenziali, negozi e il Titanic Belfast, il museo interattivo che ripercorre la tragica storia del transatlantico più famoso del mondo. Costo del biglietto £ 15,50 o £ 7,50 se ci si va un’ora prima della chiusura.

titanic belfast

titanic belfast

Ci immergiamo completamente nelle atmosfere rese celebri negli anni ’90 dal film interpretato da Leonardo di Caprio e da Kate Winslet, e diretto dal regista James Cameron.

Il Titanic fu costruito proprio a Belfast tra il 1909 e il 1912 dalla società navale Harland & Wolff.

Il suo viaggio inaugurale doveva coprire la rotta Southampton – New York passando per Cherbourg e Queenstown. Purtroppo però alle ore 23:40 del 14 aprile 1912 entrò in collissione con un iceberg che provocò l’inabissamento della nave e la morte di 1518 persone tra passeggeri ed equipaggio, su 2223 imbarcati.

Visitiamo ogni sala con attenzione e nelle orecchie non fa altro che ronzarci il brano My Heart Will Go On di Céline Dion.

Secondo noi la parte più bella del museo è quella che a bordo di una cabina porta alla scoperta delle fasi della costruzione (anche in italiano). Il caldo delle fornaci e il rumore dei martelli, tutto è ricreato con dovizia di particolari. Molto interessanti anche le ricostruzioni delle cabine delle varie classi.

Museo bello e interessante, promosso.

Di fronte al Titanic Belfast si trova invece quello che fu il suo tender, la Nomadic, una nave che serviva per trasportare i passeggeri dal transatlantico al porto di Cherbourg in Francia, e viceversa.

La Nomadic fu utilizzata anche dopo l’inabissamento del Titanic, soprattutto durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. Fu restaurata tra il 2008 e il 2012 ed è possibile visitare i suoi interni.

nomadic belfast

nomadic belfast 1

 

nomadic belfast 2

Di fronte al Nomadic c’è un posticino molto curioso che si chiama The Dock Café, si mangia e si beve e si paga a propria coscienza mettendo i soldi nell’honesty box. Purtroppo noi l’abbiamo trovato chiuso (domenica) ma se ci andate in altri giorni fateci un salto e poi diteci com’è.

Torniamo in hotel per prendere i nostri bagagli e ce ne andiamo all’aeroporto di Belfast per prendere il volo Jet2.com che ci ricondurrà in Italia. In aeroporto ci compriamo anche dei tramezzini da mangiare sull’aereo ma io li lascio sulle sedie della sala d’attesa e rimaniamo a digiuno, ma vabbè questa è un’altra storia.

Viva l’Irlanda e viva gli irlandesi, ogni viaggio nella loro terra è un toccasana per le nostre anime e per i nostri occhi.

Per approfondimenti sulla destinazione vi suggeriamo di contattare

Turismo Irlandese
Ufficio per il turismo dell’isola d’Irlanda
Piazzale Cantore 4
20123 Milano (L’ufficio è aperto al pubblico dal Lunedì al Venerdì, dalle 14 alle 17)
Tel 02 4829 6060
informazioni@tourismireland.com
www.irlanda.com
www.facebook.com/turismoirlandawww.youtube.com/turismoirlandese – www.twitter.com/TurismoIrlanda

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

  • giovannna

    Sto andando da Belfast a Dublino in aereoporto e mi sento in dovere di ringraziarti. Io e mio marito abbiamo letto il tuo diario di viaggio e siamo partiti il 15.10 seguendo passo passo il tuo percorso. Abbiamo seguito le tue visite ed i tuoi percorsi e ci siamo trovati benissimo. Abbiamo pernottato al Ramada Encore ed una notte all’Ibis Centre. Alberghi centrali anche questi. Questa e’ la ns quarta volta in Irlanda, paese che amiamo profondamente. La prima volta nel 1991. Siamo due ultrasessantenni con la passione dei viaggi. Grazie ancora e tanti saluti. Giovanna Salvador

    • Ciao Giovanna, ma che bello, mi fa molto piacere! Sono davvero contento che abbiate seguito il nostro percorso e che vi siate trovati bene. Vi auguro tanti bei viaggi in giro per il mondo. Un caro saluto!

  • No ma io quel ponticello sospeso non ce la farei mai a oltrepassarlo!!!

    • Marta ti assicuro che non si corre alcun rischio e l’emozione che si prova lì sopra è indescrivibile! 🙂

  • Oddio se non sbaglio quello è stato set del Trono di Spadeeee! Sogno! 😀

  • giovannna

    Io che soffro di vertigini ho fatto tranquillamente il ponte e mio marito, sull’altra sponda, mi ha fotografato ed ero sorridente. Mentre passavo non ho guardato giu’, pero’!

  • Guardando le foto di questo racconto non posso non confermare la mia idea: amo l’Irlanda ed i suoi colori! Mi piacerebbe tanto attraversare quel ponticello 🙂 è sulla lista dei miei desideri insieme alla Wild Atlantic Way!

    • Ciao Alessia, l’Irlanda è un Paese meraviglioso, concordo! Per i tuoi prossimi viaggi irlandesi ti consiglio sia la Wild Atlantic Way che la Causeway Coastal Route. Io ci sono già stato tre volte e non vedo l’ora di tornarci. Soffro il mal d’Irlanda! 🙂

Diari di viaggio

Iscriviti alla Newsletter