| Islanda, Guide

Come raggiungere Reykjavik dall’aeroporto di Keflavik

raggiungere reykjavid dall'aeroporto di keflavik

Ciao ragazzi, come molti di voi già sanno io e Valentina abbiamo recentemente fatto una pazzia. Abbiamo trascorso il weekend in Islanda, una terra estrema ed affascinante in cui speriamo di tornare presto per approfondire la sua conoscenza.

Oggi iniziamo a raccontarvi il nostro viaggio e a darvi tutti quei suggerimenti che possano esservi utili per programmare il vostro viaggio islandese.

Iniziamo dalla base ossia come

raggiungere Reykjavik

dall’aeroporto di Keflavik.

La capitale islandese dista circa 50 km dall’aeroporto internazionale dell’Isola, peraltro piccolino ma molto grazioso.

Per raggiungere il centro della città, o meglio ancora il proprio hotel, io vi suggerisco di prendere il pullman che in circa 45 minuti porta al terminal bus della compagnia, dove ci sarà poi una navetta che vi condurrà al vostro albergo.

I pullman partono dopo 30-45 minuti dall’arrivo di ciascun volo e si trovano proprio di fronte all’uscita degli arrivi.

Noi per l’andata abbiamo optato per la compagnia Gray Line che al costo di € 16 a persona ci ha condotti al nostro hotel. Essendo venerdì pomeriggio ci abbiamo messo due ore per arrivare a destinazione perché abbiamo incontrato un mucchio di traffico. Ebbene sì, anche a Reykjavik che conta poco più di 150.000 abitanti c’è un traffico pazzesco.

Per il ritorno, e solo per una questione di orari, abbiamo scelto il servizio Flybus Plus One operato dalla compagnia Reykjavik Excursion, con un costo di 2800 ISK (corone islandesi) a persona, circa € 19,90 a persona.

Ci siamo trovati benissimo, soprattutto per il servizio di pickup in hotel perché con le condizioni metereologiche che abbiamo incontrato – bufere di neve e strade ghiacciate – sarebbe stato un pò complicato arrivare fino ai terminal delle compagnie con i nostri bagagli al seguito.

Qui trovate il nostro diario di viaggio e qui il video.

Se volete ammirare qualche foto fate un salto sulla nostra pagina facebook o sul nostro profilo instagram @vologratis.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

Guide

Iscriviti alla Newsletter