| Guide, recensioni

L’Oasi di Biderosa: un Paradiso nel Golfo di Orosei (Sardegna)

Dopo aver girato in lungo e in largo le spiagge della costa di San Teodoro (v. post.: La Cinta di San Teodoro) e Budoni, aver visitato l’arcipelago de La Maddalena e il Golfo di Orosei, quest’anno abbiamo deciso di recarci all’Oasi di Biderosa.

Reduci dall’esperienza negativa dello scorso anno – siamo arrivati senza prenotazione e non ci hanno fatto entrare in quanto avevano raggiunto il numero massimo di autovetture consentite – quest’anno abbiamo prenotato la visita telefonando al numero 333/3799699.


Ci è stato detto di presentarci entro le ore 10 (l’ingresso apre alle 8).

Il biglietto costa € 12 ad automobile a cui bisogna aggiungere € 1 a persona e € 1 per la prevendita.

L‘Oasi di Biderosa si trova vicino ad Orosei, esattamente al km 236 della SS 125 Orosei – Siniscola.
Alcuni navigatori hanno difficoltà a trovarla pertanto se venite come me dal Nord dell’Isola, prendete come riferimento la spiaggia di Berchida e proseguite per 6/7 km, l’ingresso si trova esattamente di fronte all’Hotel Biderosa.  Se invece provenite da Sud dovete proseguire per 13 km a Nord di Orosei.

Il biglietto si paga all’ingresso e si procede in automobile per 4,5 km lungo una strada stretta e sterrata fino ad arrivare alle cinque oasi (indicate con i numeri che vanno da 1 a 5), cinque splendide calette collegate tra loro e facilmente raggiungibili a piedi l’una dall’altra.

I 4,5 km che dall’ingresso portano alle calette si snodano attraverso una splendida foresta costiera costituita dal pino domestico, dal pino d’Aleppo, dalla sughera, dal leccio, dal ginepro e dalla palma nana. A metà percorso è possibile ammirare un bellissimo lago incastonato in uno scenario quasi “alpino”.

Le oasi sono tutte di finissima sabbia bianca, qualche scoglio e con un mare cristallino e dal fondale basso.

E’ il posto ideale per chi cerca angoli di pace anche in pieno agosto. Le spiagge sono semi deserte, pensate che le persone più vicine a noi si trovavano ad almeno 100 m di distanza. E’ un vero e proprio Paradiso!

Una raccomandazione, portatevi cibo ed acqua in quanto non ci sono punti di ristoro.

Nei prossimi giorni vi farò vedere anche un pò di foto di questa splendida oasi naturalistica.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post.

comments

Guide

Iscriviti alla Newsletter