Documenti per un viaggio in Thailandia. La guida completa

documenti viaggio thailandia

Quali sono i documenti per un viaggio in Thailandia? Serve il visto? C’è bisogno di effettuare delle vaccinazioni?

Queste sono alcune delle domande che ho ricevuto sia quando ero in Thailandia che al mio ritorno.

Il Paese dei sorrisi è una delle mete più ambite dai viaggiatori di tutto il mondo, con questo post chiarirò ogni dubbio in merito alla questione documenti per la Thailandia, in modo che tu possa partire tranquillo e goderti al massimo il tuo viaggio.

DOCUMENTI PER UN VIAGGIO IN THAILANDIA: COSA SERVE PER ENTRARE NEL PAESE

Passaporto per la Thailandia

Per entrare in Thaliandia bisogna essere in possesso di un passaporto con una validità residua di almeno 6 mesi, e almeno due pagine libere per apporre il timbro del visto.

Bisogna sempre portare con sé il proprio passaporto da mostrare in originale su richiesta delle autorità di polizia.

Visto per la Thailandia

Se il tuo viaggio avrà una durata inferiore ai 30 giorni e sarà solo per turismo, non dovrai fare nessun tipo di richiesta particolare all’ambasciata thailandese. Una volta entrato nel Paese, aver compilato il foglietto per l’immigrazione che ti verrà consegnato in aereo (ma che troverai anche in aeroporto prima della dogana) e averlo consegnato all’autorità di frontiera, ti verrà apposto un timbro sul passaporto che avrà validità di visto. Ti verrà consegnato un cedolino (una parte del foglietto dell’immigrazione da te compilato) che dovrai riconsegnare al momento dell’uscita dal Paese, fai attenzione a non perderlo.

Il visto turistico potrà essere esteso una sola volta per altri 30 giorni  recandosi presso gli Uffici di Immigrazione.

A chi si reca in Thailandia via terra il periodo di validità del visto potrebbe essere limitato a 15 giorni.

Vaccinazioni per la Thailandia

Non c’è alcun tipo di obbligo relativo alle vaccinazioni per la Thailandia. Il Paese è particolarmente sicuro dal punto di vista sanitario e non ci sono grossi rischi di contrarre malattie infettive. È comunque buona cosa rivolgersi al proprio medico curante e chiedere il suo parere in base al proprio stato di salute.

Io ti consiglio di leggere anche le indicazioni di Viaggiare Sicuri della Farnesina circa eventuali focolai di malattie che potrebbero svilupparsi improvvisamente (eventualità aperta a qualsiasi Paese del mondo).

Porta però sempre con te spray repellenti per le zanzare.

Assicurazione sanitaria per la Thailandia

Non è obbligatoria ma importantissima!

Non succede ma se succede… questo è proprio il caso in cui è meglio prevenire che curare.

In viaggio gli imprevisti sono dietro l’angolo e – facendo gli opportuni scongiuri – potrebbe capitare di doversi rivolgere a un medico per un problema di salute, anche sciocco. Invece di vedersi poi recapitare a casa un conto salato anche solo per una banale visita medica, è meglio munirsi di un’assicurazione sanitaria. Sono tante le compagnie assicuratrici che le propongono, basta fare un giro sul web per scegliere quella più idonea alle proprie esigenze e alle proprie tasche. Io ad esempio ho la Multirischi – Viaggi Nostop Vacanza di Europ Assistance che tra le altre cose mi garantisce una copertura delle spese mediche, ospedaliere e farmaceutiche fino a 1.000.000 di euro, assistenza sanitaria con una centrale operativa attiva 24 ore su 24, protezione del bagaglio e degli effetti personali.

Ora che sai quali sono i documenti per un viaggio in Thailandia non ti resta che preparare le valigie e goderti la vacanza in uno dei Paesi più affascinanti del mondo.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online.

comments

Luoghi da visitare e guide per viaggiare