Dove dormire a Londra low cost: hotel, appartamenti e ostelli

dove dormire londra

Dormire a Londra a prezzi accettabili è un’impresa al limite del possibile, e se è vero che è abbastanza facile trovare biglietti aerei a poco prezzo con le compagnie aeree low cost come Ryanair o easyJet, non è altrettanto semplice trovare sistemazioni decenti ed economiche per soggiornare.

Molto spesso si rischia di prenotare una camera doppia in un hotel a £ 80 e ritrovarsi poi in una struttura sporca e fatiscente, e magari con il bagno condiviso. Rabbrividisco al solo pensiero!

Per fortuna a tutto c’è una soluzione e anche nella capitale inglese è possibile soggiornare in hotel centrali e puliti spendendo  relativamente poco.

Ecco pertanto una guida su dove dormire a Londra low cost.

Tranquillo, non sotto ai ponti in riva al Tamigi, anche perché il clima inglese non è dei migliori e l’umidità rischierebbe di divorarti.

DOVE DORMIRE A LONDRA LOW COST: HOTEL, APPARTAMENTI E OSTELLI

Ostelli low cost a Londra

La soluzione più economica per dormire a Londra è sicuramente l’ostello, e se sei un tipo smart che non si fa problemi a dividere la stanza con persone sconosciute allora questa potrebbe essere la soluzione per non appesantire troppo le tue tasche. Puoi cercare ostelli sul portale HostelBookers.

Hotel low cost a Londra

Se invece cerchi la privacy e la comodità di un hotel io ti suggerisco di buttare un occhio alle catene alberghiere easyHotel e Tune Hotels.

Si tratta di low cost hotel e in quanto tali offrono un servizio base. Il prezzo iniziale comprende solo ed esclusivamente il soggiorno in camera con bagno privato, e optionals quali pulizia giornaliera della camera, il cambio asciugamani o la tv sono a pagamento e a scelta di colui che prenota.

Gli easyHotel hanno varie tipologie di camere a seconda dell’hotel scelto. In genere si differenziano in small room (6-7 mq) e standard room (tra i 7,2 e i 9 mq), e tra no window (senza finestra) e with window (con finestra). In alcuni easyHotel hanno introdotto da poco anche le triple room e le family room, tutte con finestra.

Ovviamente la small room no window costa meno della small room with window ma è sconsigliatissima a chi soffre di claustrofobia.

Le stanze sono molto piccole ma nuove, pulite e con un bagno minuscolo in camera. Vi parlo con cognizione di causa in quanto ho soggiornato per due notti in una small room no window all’easyHotel Victoria.

I prezzi partono da £ 19 a stanza in su, ovviamente più sono distanti dal centro e meno costano.

A Londra ci sono 8 easyHotel: Victoria, Earls Court, Croydon, South Kensington, Old St. Barbican, Heatrow, Luton e Paddington.

Stesso discorso per i Tune Hotels, anche loro hanno camere doppie senza finestra o con finestra, con grandezze variabili tra i 6 e gli 8 mq e tra i 10 e gli 11 mq.

A Londra ce ne sono 5: a Liverpool Street, a Westminster, a Paddington, a King Cross e a Canary Wharf.

Appartamenti low cost a Londra

Se hai invece intenzione di fermarti a Londra per più di un weekend, potresti optare per un appartamento, un ottimo sito per prenotarlo è Airbnb e qui trovi proprio un codice sconto Airbnb che ti farà risparmiare qualche bel soldino.

Se invece vuoi proprio soggiornare gratis allora affidati al Couchsurfing, un servizio che permette di soggiornare gratuitamente in casa di persone fidate.

Se hai un hotel economico da suggerire in cui hai soggiornato lascia un commento, sarà utile per tutti gli altri viaggiatori.

Spero che questi suggerimenti su dove dormire a Londra senza spendere una fortuna possano esserti utili per goderti il viaggio senza pesare troppo sulle tue finanze.

Buon viaggio e salutami la Regina!

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online.

comments

Luoghi da visitare e guide per viaggiare