Igiene in aereo e in aeroporto: attento a queste cose!

igiene aereo pulizia

Tranquillo, questo non è un post per metterti ansia o per sconsigliarti di viaggiare in aereo. L’aereo è il mezzo di trasporto che più amo, quello più sicuro (a tal proposito leggi Paura di volare: ecco come superarla) e quello secondo me più comodo, ma c’è da sapere che gli aerei e gli aeroporti non sono i luoghi più puliti del mondo. Negli aeroporti transitano giornalmente migliaia di  persone e gli aerei ospitano centinaia di passeggeri, e non è sempre facile per gli operatori disinfettare continuamente le superfici che entrano maggiormente in contatto con mani, scarpe e valigie.

Se sei quindi un po’ schizzinoso leggi con attenzione tutto quello che ti sto per dire e metti in pratica qualche piccolo accorgimento che ti permetterà di volare con maggiore entusiasmo e serenità.

Tengo a precisare che per scrivere questo post ho preso in esame gli studi effettuati sia da Insurance Quotes che dal professore Jonathan Van Tam dell’University of Nottingham in England e del Finnish National Institute for Health and Welfare.

IGIENE IN AEREO E IN AEROPORTO: COSE A CUI FARE ATTENZIONE

Igiene in aeroporto

Cominciamo dall’aeroporto.

Potrà sembrare strano ma i posti in cui si annidano maggiormente i germi sono:

  • le vaschette in cui vengono posizionati gli oggetti personali durante i controlli di sicurezza
  • le postazioni del self check-in.

Le vaschette non vengono mai disinfettate e dentro ci si infila di tutto, anche le scarpe, stesso discorso per le postazioni aeroportuali in cui effettuare da soli il check-in del volo che ogni giorno vengono toccate da migliaia di mani.

Sono un ricettacolo di germi anche le poltroncine in cui ci si siede e che molti prendono come un “letto” sdraiandocisi sopra e adagiandoci i loro piedoni con o senza scarpe.

Bisogna fare attenzione anche ai corrimano delle scale mobili, ai pulsanti degli ascensori e alle fontanelle in cui spesso ci si abbevera gratuitamente.

Certo, anche i bagni non sono sterili, ma almeno quelli vengono puliti e disinfettati con maggiore cura e frequenza. Per aprire la porta del bagno e per spingere il pulsante dello sciacquone ti suggerisco di utilizzare una salvietta o un pezzo di carta igienica.

Come proteggerci da questi virus? Basta portare con sé un flacone di gel disinfettante tipo l’Amuchina Gel da strofinare sulle mani dopo aver toccato oggetti o pulsanti, e le salviettine igienizzanti tipo Napisan per pulire le superficie aeroportuali con cui si entra in contatto.

Igiene in aereo

Dopo aver trascorso qualche ora in aeroporto arriva il tanto atteso momento di salire in aereo.

Ogni volta che viaggio con una low cost e sono in fila al gate d’imbarco, vedendo quelli che scendono dall’aereo in cui sto per imbarcarmi mi pongo sempre la stessa domanda: “ma come fanno a pulire per bene l’aereo durante i pochi minuti che separano  l’atterraggio e il decollo dello stesso velivolo?”. Ecco, non c’è il tempo per farlo e vengono quindi fatte pulizie sommarie.

Ma d’ora in poi non lamentarti del freddo presente in cabina. Sai perché viene tenuta bassa la temperatura interna della cabina? Proprio per evitare la proliferazione batterica. Questa e tante altre curiosità nel post 17 cose che (forse) non sai sugli aerei.

Vediamo quali sono gli oggetti e i luoghi più sporchi dell’aereo:

  • le cinture di sicurezza, sia gli agganci che le fibbie. Queste vengono toccate in continuazione dalle mani dei passeggeri e vengono in contatto con i loro abiti
  • il tavolino ribaltabile in cui ci si appoggia di tutto, soprattutto il cibo
  • lo schermo del sistema di intrattenimento, anch’esso preso d’assalto da centinaia di mani vogliose di film e di musica
  • il bagno per ovvi motivi, spesso piccolo e angusto, con lo sciacquone e il distributore di sapone toccato con mani sporche, per non parlare della maniglia…purtroppo non tutti si lavano le mani dopo essere andati in bagno. Io ho visto addirittura gente andare al wc scalza (con i calzini) e poi sedersi sul sedile e poggiare i piedi sulla seduta…
  • il poggiatesta che andrebbe cambiato a ogni volo e che invece sta spesso lì in bella mostra con macchie di vario colore
  • attenzione anche al pavimento, questo lo dico alle mamme e ai papà che a volte fanno gattonare i propri figli sul corridoio.

Anche in aereo disinfettati le mani con il gel tipo Amuchina e pulisci le superfici con le salviettine igienizzanti. Cerca però di farlo in maniera discreta e solo quando ti sarai accomodato al tuo posto, senza quindi intralciare la fila.

Non è questione di essere fobici o maniaci del pulito, è comunque un senso di rispetto per se stessi e per gli altri passeggeri. Tra quei germi si annidano spesso batteri che possono causare febbre e fastidi intestinali, e non è per niente carino iniziare il viaggio con un malessere fisico.

Le compagnie aeree più pulite

Come tra di noi c’è chi è più attento al proprio igiene personale e chi meno, ci sono anche compagnie aeree più pulite rispetto alle altre.

Secondo la classifica SkyTrax World’s Best Airline Cabin Cleanliness 2019 le compagnie aeree più pulite sono quelle asiatiche. Vediamo insieme le prime 10 posizioni:

  1. EVA Air
  2. Japan Airlines
  3. ANA All Nippon Airways
  4. Singapore Airlines
  5. Asana Airlines
  6. Hainan Airlines
  7. Swiss International Airlines
  8. Cathay Pacific Airways
  9. Qatar Airways
  10. Lufthansa.

Al 12° posto si piazza Austrian Airlines, al 15° KLM, al 16° Qantas, al 19° Thai Airways e al 20° Finnair.

Non facciamoci però prendere dal panico, i germi e i batteri si annidano ovunque, soprattutto sulle tastiere dei nostri pc e sugli schermi dei nostri smartphone. Continuiamo a volare con estrema tranquillità, magari con qualche accorgimento igienico in più.

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni domenica alle 14 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019.