Cosa vedere a Mykonos: luoghi imperdibili e spiagge

Ciao viaggiatore, sei in partenza per un bel viaggio nelle isole Cicladi e cerchi informazioni su cosa vedere a Mykonos?

Innanzitutto complimenti per la scelta della meta, Mykonos è un’isola meravigliosa nel Mar Egeo (facente parte dell’arcipelago delle Cicladi a cui appartiene anche Santorini) che oltre al divertimento sa regalare angoli meravigliosi da gustarsi con gli occhi a cuoricino e da vivere con lentezza, godendo di ogni singolo momento.

Un consiglio che però mi sento di darti: se cerchi il relax e vuoi goderti l’isola in totale serenità è meglio se eviti i mesi di luglio e di agosto. In quel periodo si riempie di ragazzi provenienti da ogni angolo del mondo pronti a fare festa dal mattino alla sera. Oltretutto i prezzi dei voli e degli alloggi arrivano alle stelle e spesso ad agosto soffia anche il meltemi, un vento fastidiosetto.

Se invece ci vai proprio per divertirti in uno scenario pazzesco allora i mesi più “caldi” dell’estate sono proprio quelli che fanno al tuo caso. Costume da bagno, infradito e balli sfrenati in riva al mare!

Mykonos non è però solo per giovani in cerca di divertimento, l’offerta culturale e paesaggistica è talmente ampia da far contenti sia i grandi che i piccini, anche in piena estate. Ma lo sai ad esempio che da Mykonos partono anche gite in barca per ammirare le rovine di Delo, l’isola sacra di Apollo e di Artemide?

cosa vedere a mykonos

Entriamo ora nel vivo di questo post.

Sei pronto? Si parte!

MYKONOS: COSA VEDERE. I LUOGHI IMPERDIBILI

La città di Mykonos

mykonos cosa vedere (2)

C’è chi la chiama Chora, chi Hora, chi Mykonos, si tratta pur sempre della capitale dell’isola nonché porto principale a cui attraccano anche le navi da crociera.

La città di Mykonos è proprio quello che ci si aspetta dalle isole Cicladi: casette bianche con le finestre e le porticine colorate di azzurro, bouganville in fiore e viuzze strette ricche di negozi in cui fare shopping, taverne in cui mangiare e locali alla moda in cui trascorrere la serata.

La via dello shopping e della movida notturna è Matoyianni, che parte dal porto e arriva nei pressi di Little Venice. Non aspettarti però una via larga e sfarzosa come quelle a cui siamo abituati a vedere nelle grandi capitali mondiali. Noterai un contrasto tra quel suo fascino da villaggio tipico delle cicladi e i negozi d’alta moda e i locali trendy.

Ti consiglio di prendere a caso una delle stradine che si dipanano da Matoyianni per ammirare tutta la bellezza della città evitando il caos.

Dalle parti del molo potrai anche incontrare il pellicano Petros, mascotte della città, con una storia piuttosto singolare. Durante una tempesta marina abbattutasi su Little Venice nel 1954, Petros scelse l’isola come sua casa dove visse per oltre 30 anni. Alla sua morte gli abitanti accolsero quello che si incontra ora, innalzando anch’esso a simbolo della città di Chora.

Little Venice

cosa vedere a mykonos (2)

Così chiamata per via delle case a filo d’acqua come a Venezia, è secondo me il luogo più suggestivo di tutta Mykonos.

Ricordo ancora l’aperitivo che io e Valentina facemmo all’esterno di un localino piccolissimo posto proprio di fronte alle case a filo d’acqua lambite dal mare, con un tramonto mozzafiato a farci compagnia e a farci innamorare sempre più della Grecia.

Mulini di Mykonos

cosa vedere a mykonos (3)

Tra le cose da vedere a Mykonos ci sono senza ombra di dubbio anche i mulini risalenti al XVI secolo e utilizzati fino al XX secolo per macinare il grano coltivato sull’isola, che veniva esportato sottoforma di farina.

Puoi arrivarci comodamente a piedi dal centro città, facendo una breve salita. Il panorama dai mulini è particolarmente bello, perfetto per la classico foto ricordo e anche per un selfie da postare su Instagram. A proposito di Instagram, per condividere il tuo scatto migliore da Mykonos leggi la nostra guida Come fare belle foto in viaggio per Instagram.

Chiesa di Panagia Paraportiani

mykonos cosa vedere (3)

Non lontano da Little Venice, e precisamente nel quartiere Kastro, si trova questa bianchissima Chiesa ortodossa nata fondendo architettonicamente quattro antiche chiesette costruite una accanto all’altra tra il XV e il XVII secolo.

Ano Mera

Se Chora è meravigliosa ma tanto turistica, c’è Ano Mera che conserva ancora il fascino di un tempo. Si tratta di un piccolo villaggio che dista 8 km dalla città che proprio al centro del paesino ospita il Monastero di Panagia Tourliani. Casette dal bianco accecante e dai balconi fiori, antiche taverne, e un ritmo che scorre lento ti faranno innamorare sempre di più di Mykonos.

Si raggiunge facilmente in bus.

Faro di Armenistis

Vuoi ammirare uno dei tramonti più belli di Mykonos o vuoi trascorrere qualche momento di pura tranquillità?

Devi andare al Faro di Armenistis che, anche se in decadimento, contribuisce a creare lo spettacolo unico dell’isola. Poi dal faro si gode di una vista mozzafiato sul mare e sulle casette bianche, ma anche sulle splendide ville costruite su quella che oramai è una delle isole più belle e più famose del mondo.

Le spiagge di Mykonos

cosa vedere a mykonos (4)

Ovviamente tra le cose da vedere a Mykonos ci sono le sue spiagge.

Quelle poste a nord sono le più “selvagge” e meno affollate, quelle a sud più modaiole e quindi più famose.

Ci sono spiagge per tutti i gusti e per tutte le esigenze:

  • per chi ama fare festa ci sono Paradise, Super Paradise e Paranga: piene di beach bar e di discoteche attive dal mattino alla sera
  • per le famiglie con bambini ci sono Platys Gialos, Agios Ioannis e Ornos
  • per chi ama la natura: Houlakia, Meresini e Kalo Livàdi
  • Kalafatis per gli appassionate di surf e kitesurf
  • Psarou per chi ama la mondanità, spesso frequentata da vip
  • Elìa, Agios Sostis, Kapari e Fokos per i nudisti.

I musei di Mykonos

Ebbene sì, Mykonos non è solo un’isola effimera, bella ma culturalmente “vuota”.

Offre all’appassionato di storia ma anche al semplice curioso un’offerta museale particolarmente interessante:

  • c’è il Museo Archeologico con i reperti provenienti dalle isole di Delo, Paros e Rhina
  • c’è il Museo Marittimo dell’Egeo con antichi strumenti di navigazione e modelli della flotta pre-micenea
  • il Museo del Folklore per scoprire le tradizioni dell’isola
  • il Museo dell’Agricoltura per conoscere tutto su quello che fino al XX secolo, prima dell’avvento del turismo di massa, era la prima fonte di sostentamento per gli abitanti
  • la Casa di Lena per ammirare un’antica casa tradizionale della borghesia di Mykonos.

Cosa mangiare a Mykonos

cosa mangiare a mykonos

Dopo aver visitato Mykonos in lungo e in largo ci sta tutta una bella sosta rifocillante presso una delle sue taverne.

La cucina greca è secondo me tra le più buone del mondo e utilizza i prodotti della dieta mediterranea come l’olio d’oliva, le verdure e il basilico. Imperdibili sono le grigliate di pesce, il souvlaki (carne di maiale, agnello o pollo alla griglia) e il gyros simile al kebab turco ma fatto con carne di maiale, spesso accompagnato dalla pita (pane tipico greco). Imperdibile anche la salsa tzaztiki a base di yogurt, cetrioli, aglio e olio di oliva.

Se sei un appassionato di liquori (occhio però a bere sempre con moderazione!) devi provare l’ouzo a base di anice.

Ora che sai cosa vedere a Mykonos non mi resta che augurarti un buon viaggio. Per girarla al meglio ti consiglio di noleggiare uno scooter.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online.

comments

Luoghi da visitare e guide per viaggiare

Iscriviti alla Newsletter