| Bagagli, Viaggiare Low Cost

Oggetti vietati nel bagaglio da stiva: cosa non mettere in valigia

oggetti vietati nel bagaglio da stiva

Ciao viaggiatore, abbiamo già visto quali sono gli oggetti vietati nel bagaglio a mano e ora dobbiamo però occuparci degli oggetti  vietati nel bagaglio da stiva, ovvero cosa non mettere in valigia e quindi cosa non si può portare in aereo.

Alcuni oggetti sono piuttosto ovvi, altri invece creano qualche problemuccio nel momento in cui ci accingiamo a preparare la valigia.

“Posso portare le bombolette spray nel bagaglio da stiva?”, “Il cibo?”, “Ci sono limitazioni per il trasporto di liquidi?”.

Oggi cercherò di fare chiarezza su questi, e su altri dubbi, che almeno una volta hanno assillato ogni viaggiatore, me compreso.

GLI OGGETTI VIETATI NEL BAGAGLIO DA STIVA

Oggetti vietati nel bagaglio da stiva: i liquidi

A differenza di quanto avviene per i liquidi trasportabili nel bagaglio a mano, per il bagaglio da stiva non sono previste limitazioni. Puoi portare quindi il tuo profumo preferito anche se la confezione supera i 100 ml, il tuo bagnoschiuma, il tuo shampoo, la crema solare, e altro, senza doverti preoccupare della loro capienza.

Oggetti vietati nel bagaglio da stiva: i materiali pericolosi

Nel bagaglio da consegnare al desk della compagnia aerea, che verrà poi trasportato nella stiva del velivolo, è assolutamente vietato trasportare –  come ovvio che sia – esplosivi, armi, munizioni e altri oggetti e materiali pericolosi. Ma ci sono alcuni oggetti che potrebbero trarre in inganno. Vediamoli insieme.

È vietato trasportare:

  • le bombolette di butano che i campeggiatori utilizzano come ricarica per i fornelletti,
  • qualsiasi veleno, pesticida o insetticida,
  • sostanze infiammabili liquide e/o solide, anche l’alcool superiore a 70 gradi,
  • fiammiferi, accendini e sigarette elettroniche (questi sono consentiti solo sulla persona),
  • su alcuni aerei, come ad esempio sui voli Alitalia, non sono ammessi dispositivi Samsung Galaxy Note 7,
  • toner e/o cartucce per stampanti il cui peso complessivo superi i 500 g,
  • congegni di allarmi e materiali magnetici di una certa potenza,
  • batteria per veicoli (lo so, stai pensando “ma chi è che si porta in valigia la batteria dell’automobile?”, potrebbe capitare, non c’è mai limite alla fantasia!),
  • sostanze magnetizzanti, reattive, ossidanti e perossidi organici,
  • torcia subacquea con torce inserite. Se sei un subacqueo puoi portare la torcia ma senza batterie, che dovrai poi acquistare in loco.

Per esperienza personale ti dico che si possono però portare i gimbal (ossia gli stabilizzatori per filmare video con gli smartphone) e i treppiedi leggeri per scattare foto.

Oggetti vietati nel bagaglio da stiva: il cibo

Stai andando a trovare tuo fratello, tuo figlio o un tuo amico che vive all’estero, che non torna in Italia da tanto tempo e che ha nostalgia dei cibi nostrani? Io ne so qualcosa, il fratello di Valentina vive in Germania e quando i genitori lo vanno a trovare gli portano un mucchio di cibo italiano, oltre alla verdura gli portano addirittura il parmigiano, le lasagne, i supplì e i cannelloni fatti in casa!

Sappi che nei Paesi dell’Unione Europa puoi trasportare in stiva cibo e bevande purché bene imballati e in recipienti ben sigillati.

Se andrai invece in un Paese fuori dall’UE, o se da quel Paese rientrerai in Europa, ti suggerisco di consultare i siti locali governativi perché potrebbero esserci delle restrizioni doganali sia sugli alimenti, sia sulle quantità trasportabili di alcuni prodotti e bevande.

Ora che sai anche quali sono gli oggetti vietati nel bagaglio da stiva non ti resta che preparare la valigia e goderti il tuo viaggio!

Per misure, pesi e dimensioni ti suggerisco ti leggere le guide che trovi nella nostra rubrica tutta dedicata ai Bagagli.

A proposito, quale sarà la tua prossima meta?

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online.

Bagagli