Maho Beach: la spiaggia da cui vedere l’atterraggio degli aerei a St Maarten

aeroporto st maarten maho beach

Proprio di fronte alla pista di decollo e di atterraggio dell’aeroporto di St Maarten si trova la curiosa e bellissima spiaggia di Maho Beach, famosa tra gli appassionati di aviazione perché quando gli aerei atterrano sfiorano le teste dei bagnanti.

Io ci sono stato insieme a mia moglie Valentina e a nostro figlio Nicholas di 9 mesi, e l’esperienza mi è talmente piaciuta che ho deciso di parlartene sia per raccontarti questo luogo bello quanto assurdo, sia per darti tutte le indicazioni utili per visitarlo qualora tu decida di recarti in vacanza nella splendida isola caraibica suddivisa tra la Francia e il Regno dei Paesi Bassi.

AEROPORTO DI ST MAARTEN: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE PER ASSISTERE ALL’ATTERRAGGIO DEGLI AEREI A MAHO BEACH

L’aeroporto di St Maarten – la cui sigla aeroportuale IATA è SXM mentre quella ICAO è TNCM – si trova nella parte dell’isola appartenente al Regno dei Paesi Bassi, ed è intitolato alla Principessa Giuliana che all’inaugurazione dello scalo era la Principessa Ereditaria.

È tra i principali scali dei Caraibi e la caratteristica che lo rende singolare e imperdibile è data dalla pista di atterraggio n.10 che – essendo lunga lunga soli 2.180 metri – è di poco sufficiente per grossi aerei come il Boeing 747. Considerando poi che l’atterraggio all’altra pista n.28 è vietato a causa delle montagne, i velivoli sono obbligati ad atterrare sulla n.10 arrivando dal mare e passando a bassissima quota sopra Maho Beach. Proprio per questo motivo la spiaggia è frequentatissima dai turisti che vogliono godersi lo spettacolo e immortale il momento con qualche bella foto ricordo.

Maho Beach: dove si trova

Maho Beach dista circa 15 km dal porto in cui attraccano le crociere, e si può raggiungere sia con le escursioni organizzate dalle compagnie crocieristiche e sia in autonomia con il taxi che stazionano fuori dal porto. Il tragitto diretto dal Cruise Port all’aeroporto di Sint Maarten è di circa 30 minuti traffico permettendo, da tenere in considerazione per rientrare in orario sulla nave.

La spiaggia è molto bella, anche se a mio avviso è molto più bella la vicina Mullet Bay Beach, quindi il mio consiglio è quello di goderti il mare a Mullet Bay e assistere all’atterraggio dei voli a Maho Beach controllando in anticipo gli orari sul sito web dell’aeroporto di Sint Maarten.

maho beach 2

Come assistere al decollo e all’atterraggio dei voli a Maho Beach

Gli orari dei voli sono anche scritti con i gessetti colorati su una tavola da surf rivolta sulla spiaggia e posta nel chioschetto Sunset Beach Bar and Grill, il quale nell’area esterna trasmette addirittura le comunicazioni radio tra i piloti e i controllori del traffico. Gli orari indicati sono però solo quelli dei grandi velivoli, ma durante il giorno ne atterrano anche tanti altri più piccolini ma sempre belli da vedere.

orario voli maho beach

Un cartello posto sulla recinzione della pista – da cui è suddivisa dalla spiaggia dalle due corsie stradali – invita alla prudenza, in quanto la vicinanza della pista può comportare incidenti derivanti dallo spostamento dell’aria non tanto in fase di atterraggio quanto in fase di decollo. Ti consiglio infatti di non stendere il telo in direzione della pista, ma nemmeno di posizionarti in quella zona quando un aereo sta per decollare. Lo spostamento d’aria dei motori alza un forte vento che fa volare gli oggetti lasciati sulla sabbia e potrebbe provocare cadute ai bagnanti con conseguenze anche gravi.

aeroporto st maarten

aeroporto sint maarten maho beach

Io ti consiglio di andarci sia durante una vacanza a Sint Maarten che durante lo scalo di una crociera perché ne vale davvero la pena. Non ti ricapiterà più di assistere a uno spettacolo del genere. Prepara l’attrezzatura fotografica, ti servirà. Ti assicuro che vederseli a pochi metri sopra la testa con la sensazione di riuscire quasi a toccargli la pancia, è davvero emozionante.

Buon divertimento ma fai attenzione!

sint maarten andrea petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo insieme alla sua famiglia. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni sabato alle 13:10 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019. Il 23 luglio 2020 è uscito il libro da lui curato dal titolo "In viaggio tra i borghi d'Italia".