TheFork: come funziona l’app per sconti sui ristoranti nel mondo

the fork come funziona

Hai mai sentito parlare di TheFork, l’app di TripAdvisor per prenotare un ristorante approfittando di sconti fino al 50%? Ma lo sai che può essere utilizzata anche in viaggio in tanti Paesi del mondo e non solo in Italia?

In questa guida ti spiegherò dettagliatamente come funziona TheFork e alla fine sono sicuro che esclamerai: “ad averla conosciuta prima!”. Anche perché oltre ad andare a colpo sicuro, a prenotare senza dover telefonare, a sapere grosso modo quanto spenderai, potrai mangiare beneficiando di sconti dal 10 al 50%, e non solo in Italia.

THEFORK: COME FUNZIONA E COME UTILIZZARLO AL MEGLIO

Cos’è TheFork e in quali Paesi è presente

Chissà quante volte ti sarà capitato in viaggio di dover cercare un ristorante su TripAdvisor, leggere tutte le recensioni, scegliere il tuo preferito, provare a prenotare telefonicamente sperando di trovare il telefono libero e arrabattandoti con la lingua magari con frasi create precedentemente su Google Traduttore, e poi recartici sperando di non doverci lasciare metà del tuo stipendio.

D’ora in poi scordati tutto questo e corri a scaricare sul tuo smartphone l’app TheFork, disponibile sia per iPhone che per Android, o iscriviti direttamente dal tuo pc collegandoti a questo link. Sì, TheFork può essere utilizzato non solo su dispositivi mobili ma anche sul pc come un normalissimo sito web senza dover installare nulla.

TheFork è di proprietà di TripAdvisor, ed è nato in Francia con il nome di Lafourchette. È giunto in Italia con l’acquisizione da parte di TripAdvisor delle starup Mytable.it e RestOpolis.

The Fork è presente in vari Paesi del mondo e precisamente:

  • in Italia
  • in Francia
  • in Svizzera
  • in Belgio
  • in Spagna
  • nei Paesi Bassi
  • in Svezia
  • in Danimarca
  • in Argentina
  • in Cile
  • in Colombia
  • in Messico
  • in Brasile
  • in Perù
  • in Uruguay
  • in Australia

e permette di scegliere dal piccolo ristorantino fino a quello stellato. Per tutti i gusti e per tutte le tasche.

Come utilizzare TheFork

Una volta scaricata l’app bisogna procedere con l’iscrizione.

Ti basterà inserire negli appositi campi:

  • nome e cognome
  • numero di telefono
  • password di almeno 6 caratteri

o accedere tramite Facebook.

Una volta iscritto sarai pronto per navigare nell’app che si presenta in maniera semplice e intuitiva peraltro molto simile a quella di TripAdvisor.

the fork come funziona 2

Attivando la geolocalizzazione (io la tengo attiva solo durante la navigazione sull’app) ti appariranno i ristoranti nei tuoi dintorni.

In alto troverai un box di ricerca e facendoci sopra tap con il dito ti si aprirà una nuova schermata che ti darà la possibilità di scegliere tra:

  • Che cosa? Cioè se pesce, carne, pizza, sushi, messicano…o il nome del ristorante
  • Dove? La città, il cap, la zona o l’indirizzo.

the fork

Ipotizziamo di voler utilizzare TheFork a Roma e avere voglia di mangiare una buona pizza a Trastevere.

Scriviamo nel campo Che cosa? Pizza, e in Dove? Trastevere.

Ci verrà chiesto di scegliere il giorno, l’ora e il numero di persone. Volendo fare solo una semplice ricerca senza specificare quando si può cliccare su Ignora.

thefork roma

Noi però la pizza ce la vogliamo mangiare questa sera quindi selezioniamo oggi, alle 20:30 per due persone e clicchiamo su Applica.

Ci vengono proposti tutti i ristoranti della zona che cucinano pizza, mostrati anche su Google Maps.

thefork roma pizza

Per ogni ristorante viene indicato l’indirizzo, il prezzo medio, e i vari sconti previsti per la fascia oraria. Il numero a destra sulla stessa riga del nome è il punteggio medio delle recensioni, e quello sotto più piccolino è il numero delle recensioni.

Volendo è possibile affinare la ricerca cliccando su:

  • Filtri: e scremare per Voti delle recensioni, per distanza, per prezzo
  • Promozioni e restringere il campo solo alle promozioni
  • Ristoranti che accettano i punti Yums (degli Yums te ne parlerò in un altro paragrafo)
  • Gruppi
  • Tra amici
  • In famiglia.

Basterà cliccare sul nome per avere tutti i dettagli come il menù, i prezzi di ogni piatto, leggere tutte le recensioni lasciate su TripAdvisor e sull’app, guardare le foto dei piatti caricate dagli utilizzatori di TheFork e prenotare.

A Trastevere non troviamo nulla che ci ispira ma ci appare il Gazometro38 in cui peraltro si mangia benissimo (te lo consiglio) che si trova però a Ostiense.

Cliccando sopra al nome si entra nella scheda del ristorante e appare un bel “20% alla cassa”. Questo significa che prenotando si ottiene di diritto uno sconto del 20% sul costo complessivo della cena, bevande incluse.

thefork roma gazometro38

La cosa bella è che, a differenza di Groupon e Groupalia, non bisogna presentare nessun coupon e non bisogna dire “ho acquistato un coupon su Groupon” per farsi applicare la riduzione di prezzo, ma non solo, non c’è nemmeno un menù fisso o piatti tra cui scegliere come invece spesso accade con i gruppi d’acquisto. Ti siedi, mangi e a fine serata ti viene portato il conto già scontato. Senza dover ribadire nulla al personale di sala. Figo vero? Si evita anche di fare la figura del tirchio in un incontro galante.

Per prenotare basta cliccare sull’orario in basso e confermare la prenotazione. Una vola confermata ti arriverà una mail. La prenotazione può essere cancellata in qualsiasi momento.

Cosa sono gli Yums

Con l’iscrizione a The Fork si entra di diritto nel programma fedeltà che permette di ottenere punti, chiamati Yums, per ogni prenotazione effettuata, e che al raggiungimento di una soglia permettono di ottenere sconti o cene gratuite.

Per ogni prenotazione vengono accreditati 100 Yums.

Con 1000 Yums si ottiene uno sconto di € 20, con 2000 lo sconto diventa di € 50.

Il saldo degli Yums può essere controllato in ogni momento cliccando prima sulle tre linee orizzontali che si trovano in alto a sinistra nell’app e poi su “La mia area fedeltà”.

Coupon TheFork per risparmiare € 20

Anche TheFork ha il suo programma Presenta un Amico.

A ciascun iscritto viene assegnato un codice che, inviato a un amico che si iscrive, permette a quest’ultimo di ottenere 1000 Yums alla sua prima prenotazione al posto dei soliti 100, e a colui che l’ha invitato 500 Yums a seguito della prima prenotazione del suo amico.

In pratica l’amico invitato otterrà € 20 di sconto dopo la sua prima prenotazione.

Se non conosci nessuno che utilizza TheFork prendi questo mio codice invito 7F00E58B e utilizzalo per la tua prima prenotazione. Tre giorni dopo il tuo pranzo o la tua cena otterrai 1000 Yums, cioè € 20 di sconto per il tuo prossimo pasto.

Condivi successivamente il tuo codice invito con i tuoi amici, la loro iscrizione e prima prenotazione ti farà guadagnare 500 Yums.

Gli Yums sono validi fino al 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui si sono guadagnati.

The Fork Festival e gli sconti speciali

Tieni spesso d’occhio l’app TheFork perché capitano mesi in cui vengono lanciate Offerte Speciali, come il The Fork Festival che dal 19 novembre al 2 dicembre 2019 ha permesso di mangiare in  oltre 1.000 ristoranti italiani con uno sconto del 50%, e ricordati di utilizzarlo anche in viaggio!

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, giocare con suo figlio Nicholas, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo insieme alla sua famiglia. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio, su Radio Capital e sulle pagine de L'Huffington Post. Ogni tanto lo trovi in radio, in tv e su giornali. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019. Il 23 luglio 2020 è uscito il libro da lui curato dal titolo "In viaggio tra i borghi d'Italia".