Bolgheri: tutto quello che devi sapere per visitare il borgo del Carducci

weekend toscana bolgheri (3)

Bolgheri è un gioiello adagiato nell’entroterra della Costa degli Etruschi ma a soli 10 km dal mare. Un affascinante borgo toscano reso celebre dai versi del poeta Giosuè Carducci che nell’ode “Davanti a San Guido” del 1874, ripercorrendo i luoghi della sua infanzia, descrisse il Viale dei Cipressi che conduce all’ingresso di Bolgheri con queste parole:

I cipressi che a Bolgheri alti e schietti Van da San Guido in duplice filar, Quasi in corsa giganti giovinetti, Mi balzarono incontro e mi guardar.

Io ci sono stato con Valentina e il nostro bassethound Gastone e ho deciso di parlartene perché si tratta di un luogo piccolino ma suggestivo che vale la pena di visitare anche solo per una mezza giornata, magari con un pranzo in una delle sue trattorie o anche solo facendo un aperitivo sorseggiando un bicchiere del celebre vino di Bolgheri.

BOLGHERI: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE PER VISITARE IL BORGO DEL CARDUCCI

Bolgheri: dove si trova e come raggiungerlo

Bolgheri si trova in Toscana, in provincia di Livorno.

È una frazione del comune di Castagneto Carducci e dista:

  • 55 km da Livorno
  • 96 km da Siena
  • 97 km da Grosseto
  • 130 km da Firenze
  • 285 km da Roma.

Per arrivarci da sud in automobile bisogna percorrere la SS1 – E80 (Via Aurelia) fino a Donoratico, e poi prendere la SP39 (Vecchia Aurelia) in direzione Grosseto fino a San Guido, e svoltare poi sulla Strada Provinciale Bolgherese.

Per arrivarci da nord bisogna sempre prendere l’Aurelia (SS1 – E80) ma in direzione sud.

Alla destra del castello di Bolgheri vi è un parcheggio a pagamento.

Comunque oramai con i navigatori satellitari come Google Maps e ViaMichelin non c’è nemmeno bisogno di conoscere il percorso in anticipo, basta impostarli al momento della partenza e farsi condurre a destinazione.

Cosa vedere a Bolgheri

Per arrivare a Bolgheri ti consiglio di percorrere il famoso Viale dei Cipressi (La Strada Provinciale Bolgherese che parte dalla Vecchia Aureli), un viale lungo 5 km costeggiato da alberi secolari che rendono il percorso particolarmente suggestivo, soprattutto per ciò che evocano nell’immaginario di tutti noi italiani che sin da piccoli abbiamo studiato i famosi versi del Carducci.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ANDREA PETRONI (@vologratis) in data:

Arrivati al borgo si viene accolti dal cinquecentesco Castello in mattoni rossi, sotto la cui torre campeggia lo stemma della famiglia dei conti Della Gherardesca (la famiglia del famoso Costantino).

weekend toscana bolgheri (2)

Oltrepassando la porta d’ingresso posta sotto alla torre si arriva nel borgo, e si viene subito catapultati un un’atmosfera d’altri tempi: casette in pietra, botteghe di artigiani ed enoteche, e un senso di pace che avvolge il visitatore invitandolo a una passeggiata lenta e rilassata.

Merita subito una visita la Chiesa medievale dei Santi Giacomo e Cristoforo posta nella Piazza Teresa, ma quando sarai nella piazza cerca sulla destra la casa con la scalinata in muratura e una fontanella. Lì visse il primo amore di Carducci, e a testimonianza di ciò troverai una targa apposta sulla facciata con su scritto “qui visse Maria Banchini Ispiratrice dell’Idillio maremmano Meglio era sposar te bionda Maria!”

bolgheri

Proseguendo arriverai a Piazza Alberto, la piazza principale di Bolgheri, dove si trova la casa un cui visse Carducci da fanciullo (dal 1838 al 1848) e la statua della nonna Lucia.

bolgheri 4

bolgheri 2

 

Diciamo che non c’è altro da vedere, c’è solo da godersi lentamente il borgo, mangiare qualche piatto tipico della maremma e sorseggiare un bel bicchiere di vino di Bolgheri, come il Sassicaia, l’Ornellaia, il Bolgheri Superiore, il Bolgheri Rosso e il Bolgheri Bianco, famosi in tutto il mondo.

bolgheri vino

Cosa vedere nei dintorni di Bolgheri

Se sei un appassionato di vini ti consiglio di visitare qualche azienda vinicola come la Tenuta di Vaira o l’Ornellaia, e degustare i loro pregiatissimi vini. Io mi sono avvicinato al vino proprio dopo aver visitato la Tenuta di Vaira e aver degustato i loro vini sotto la guida esperta della loro sommelier Chiara. La spiegazione di tutto il lavoro che si nasconde dietro a una bottiglia di rosso, di bianco o di rosè, dalla scelta delle uve fino all’imbottigliamento, le sfumature che si celano dietro ogni tipo di vino di Bolgheri e i vari abbinamenti con i cibi, mi hanno fatto avvicinare a questo mondo fino a quel momento distante anni luce da me, e ora un bicchiere di buon vino in compagnia me lo bevo molto volentieri, ma senza mai esagerare. Bisogna bere sempre con moderazione e avere la coscienza di farlo quando non si deve guidare l’automobile o la moto. Perdona la paternale ma ci stava tutta!

Nei dintorni di Bolgheri troverai anche il borgo di Populonia affacciato sul Golfo di Baratti e con una necropoli etrusca, 


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ANDREA PETRONI (@vologratis) in data:

l’oasi WWF di Padule di Bolgheri, le spiagge sabbiose di San Vincenzo, di Marina di Castagneto e di Marina di Bibbona, e volendo – con 45 minuti di automobile – potrai raggiungere il porto di Piombino e imbarcarti per le splendide isole dell’Arcipelago Toscano: l’Isola d’Elba, l’Isola del Giglio, Giannutri, Capraia, Gorgona e Pianosa.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online.

Luoghi da visitare e guide per viaggiare