Castello di Santa Severa: tutto quello che devi sapere per visitarlo

CASTELLO SANTA SEVERA

Suggestivo, imponente, patrimonio di inestimabile valore sia culturale che storico: il Castello Santa Severa è apprezzatissimo dai turisti che giungono sulla costa Tirrenica (a nord di Roma).

Vale la pena visitare il complesso monumentale e magari approfittarne per un giro nei dintorni, ricchi di altre bellezze, come Santa Marinella con un mare niente male, Cerveteri con i resti dell’antica civiltà etrusca, e la medievale Tolfa. Oltre che per godere del relax e della pace che solo il mare sa regalare proprio sotto a questo castello, ma non nei mesi di luglio e agosto quando la spiaggia libera viene preso d’assalto dai tanti romani in cerca di refrigerio dalla calura urbana.

La bellezza del Castello di Santa Severa non è solo nei suoi interni, ma soprattutto per la sua posizione a picco sul mare, scenografia perfetta per scattare belle foto soprattutto al tramonto dalla spiaggia, e per il borgo con la Chiesa dell’Assunta che si snoda tutto intorno oltrepassato il portone d’ingresso e visitabile gratuitamente.

andrea petroni al castello di santa severa

La storia del Castello Santa Severa

Il nome dell’antico borgo medievale richiama la giovane martire cristiana Severa, uccisa secondo la tradizione proprio in quell’area il 5 giugno del 298 d.C. insieme ai suoi fratelli, Calendino e Marco, sotto l’impero di Diocleziano.

Il castello sorge sull’antica città etrusca di Pyrgi, comprendente oltre all’area oggi occupata dal borgo castellano anche l’area del santuario situato all’estremità meridionale. Durante il III secolo a.C. con la romanizzazione del territorio costiero, su parte dell’abitato etrusco venne fondato il castrum romano di Pyrgi, sito abitato ininterrottamente fino al V sec. d.C. circa. Solo in seguito, sui resti del castrum, fu costruito il borgo conosciuto come Castellum Sanctae Severae.

Il Castello vero e proprio venne costruito nel XIV ma l’opera andò avanti fino al XVI secolo con diverse aggiunte ed ampliamenti. In quei secoli fu dimora anche di diversi Papi, tra cui Gregorio XIII, Sisto V e Urbano VIII. Dal 1482 passò sotto la proprietà dell’Ordine del Santo Spirito e vi rimase fino al 1980.

Dopo un periodo di massimo splendore raggiunto proprio nel Seicento, il Castello Santa Severa ha vissuto una lunga e lenta decadenza.

Il Castello è stato base strategica dei tedeschi nel corso della Seconda Guerra Mondiale, e nel corso degli anni ’70 e ’80 fu addirittura abitato da alcune famiglie romane con regolare contratto di affitto, a cui seguì un periodo di decadenza. Poi, a partire dal 2014, cominciò una profonda rivalutazione che ha portato alla riapertura ai visitatori, nell’ottica di un nuovo percorso artistico e culturale.

Oggi la proprietà appartiene alla Regione Lazio che ne ha affidato la gestione al Comune di Santa Marinella. I lavori di restauro lo hanno portato all’antico splendore, con esposizioni, mostre temporanee, attività e percorsi culturali. Da visitare: il Museo Nazionale Antiquarium di Pyrgi, il Museo del Mare e della Navigazione Antica, il Museo della Rocca con la ricostruzione in 3D del Castello curata da Piero Angela e Paco Lanciano che ripercorre la storia dal periodo preistorico fino a quello medievale, la Torre Saracena, l’esposizione di anfore antiche in cortile e le piccole botteghe d’artigianato locale, specializzato in ceramiche.

Come arrivare al Castello Santa Severa

  •  In auto: SS1 Aurelia fino al Km. 52.500 poi segui le indicazioni in direzione del mare e percorri la Via del Castello fino alla meta, meglio ancora se imposti la destinazione e ti fai guidare a destinazione da Google Maps. Arrivando in automobile puoi parcheggiare la vettura nel grosso parking a due passi dall’ingresso.
  • In treno: la stazione ferroviaria più vicina è quella di Santa Severa Nord. Da lì bisogna poi camminare a piedi per circa 15 minuti.
  • In autobus: fai affidamento ai mezzi COTRAL con fermata Santa Marinella o stazione di S.Severa.

Orari e prezzo del biglietto

  • dal 1 aprile al 30 giugno e dal 1 al 30 settembre è aperto dal martedì al venerdì dalle ore 9 alle 18, e il sabato e la domenica dalle 10 alle 19
  • dal 1° ottobre al 31 marzo è aperto dal martedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 16, e il sabato, la domenica e i festivi dalle ore 10.30 alle 17
  • dal 1° luglio al 31 agosto rimane aperto dal martedì alla domenica dalle ore 10.30 alle 15.30 e dalle 16.00 alle 23.

Resta chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio.

Il prezzo del biglietto è:

  • di 8 euro per gli adulti
  • € 6 per chi acquista una visita guidata o un’audioguida, per i bambini dai 6 ai 14 anni, per gli over 65, per gli insegnanti, per i dipendenti della Regione Lazio, del Mibac, di LazioCrea e del Teatro di Roma, gruppi di almeno 12 person
  • gratuito per i minori di 6 anni, per i residenti del Comune di Santa Marinella, per i disabili, per gli studenti di archeologia, architettura, storia dell’arte o beni culturali, giornalisti, bambini tra i 6 e i 10 anni che acquistano un laboratorio

C’è anche la possibilità di visite serali con prezzo del biglietto a 15 euro.

Per visitarlo al meglio è possibile partecipare alle visite guidate che hanno un costo di € 6 oltre al prezzo del biglietto, o noleggiare un’audioguida che ne costa € 5. Qui trovi maggiori dettagli.

Ostello del Castello di Santa Severa

All’interno del Castello di Santa Severa si trova un ostello con 14 stanze in grado di ospitare 40 persone.

Per informazioni e prenotazioni bisogna o inviare una mail a ostello@castellodisantasevera.it o telefonare a uno dei seguenti numeri +390651681778, +390651681785,  +393398927749, +393925046571.