Alhambra di Granada: orari, costo del biglietto e come arrivare

granada alhambra

Visitare l’Alhambra di Granada è secondo me una di quelle cose da fare almeno una volta nella vita. Ci si ritrova catapultati in atmosfere arabeggianti da Mille e una Notte, tra suntuosi palazzi, fontane zampillanti e giardini curati in ogni minimo dettaglio.

Se hai in programma un viaggio a Granada, la perla dell’Andalusia, qui troverai tutte le informazioni necessarie per organizzarti al meglio la visita: dove si trova, come ci si arriva, quali sono gli orari di apertura, dove si acquistano i biglietti e quanto costano.

ALHAMBRA DI GRANADA: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE PER VISITARLA AL MEGLIO

Cos’è l’Alhambra

L’Alhambra è un insieme di palazzi andalusi, una città fortificata posta sulla cima del della Sabika che domina Granada.

Il primo palazzo dell’Alhambra fu fatto costruire nel 1238 da Muḥammad ibn Naṣr, riconosciuto da Ferdinando III di Castiglia come sovrano di Granada in cambio dell’aiuto alla conquista della città di Siviglia. Il palazzo fu fortificato dal figlio Muhammad II e nel corso dei secoli venne ampliato con aggiunta di altri edifici come scuole, moschee e botteghe, che resero il complesso autonoma rispetto alla città. L’Alhambra divenne Palazzo Reale quando nel 1492 i Re Cattolici conquistarono Granada e proprio per questo motivo non venne distrutta come invece accadde ad altri monumenti e palazzi islamici a seguito della Reconquista.

Dal 1984 l’Alhambra, insieme al Generalife, è Patrimonio dell’Umanità Unesco.

alhambra (2)

Cosa vedere all’Alhambra

Dedica alla visita dell’Alhambra almeno una mezza giornata, anche un giorno intero per assaporarla lentamente soprattutto durante la primavera, quando i giardini esplodono in un tripudio di colori e odori, ed è un piacere gustarsi un’intera giornata a contatto con tanta bellezza.

I luoghi da visitare possono essere suddivisi in:

  • Alcazaba: la zona militare con le torri di sorveglianza, visibile dalla città di Granada
  • Palacios Nazaries: costruiti intorno al 1330 e in cui risiedeva la corte. Qui si trova uno dei luoghi più belli di tutto il complesso, il Patio del Los Leones, ma tutte le stanze e i patii lasciano a bocca aperta il visitatore con pavimenti di marmi policromi, piastrelle che decorano le pareti, scritte in arabo, statue mitologich e intarsi nel marmo

alhambra granada (2)

  • Palazzo di Carlo V: costruito dai re Cattolici dopo la Reconquista del 1492, in cui oggi si trova anche il museo de l’Alhambra
  • Generalife: la residenza estiva dei sultani, con giardini meravigliosi in cui fermarsi a contemplare tutta la bellezza del creato.

Tra questi giardini e palazzi ci si imbatte anche nei Bagni Arabi, nel Convento di San Francesco e nelle Torri (Torre de los Siete Suelos, Torre de la Cautiva e Torre de las Infantas).

Mi raccomando, macchina fotografica e smartphone sempre in mano pronto a scattare belle foto sia ai palazzi che al panorama su Granada che si ammira soprattutto dall’Alcazaba.

alhambra granada (3)

Alhambra di Granada: dove si trova e come si raggiunge

Ora che ti ho dato un’infarinatura sulla sua storia e sui luoghi da visitare, vediamo dove si trova esattamente e come ci si arriva.

L’indirizzo esatto dell’ingresso da impostare sul navigatore o da cercare sulla mappa è Calle Real de la Alhambra.

Puoi arrivare all’Alhambra in bus prendendo o il C3 da Plaza Isabel La Católica, o il C4 che effettua le fermate Barranco del Abogado – Cementerio – Plaza Isabel la Católica.

Puoi raggiungerla anche in automobile prendendo la circonvallazione “Ronda Sur”che circonda la città in quanto il centro storico è chiuso ai veicoli privati. In questo caso imposta il navigatore sull’automobile o sul tuo smartphone e lasciati guidare.

Potresti arrivarci anche a piedi dal centro, da Plaza Isabel la Católica ci si impiega poco più di 15 minuti, la distanza è di 1.100 metri ma c’è un discreto dislivello.

Giorni di apertura e orari dell’Alhambra

L’Alhambra è aperta tutti i giorni tranne il 25 dicembre e il 1° gennaio.

Gli orari differiscono in base al periodo:

  • dal 1° aprile al 14 ottobre osserva l’orario 8:30 – 20, il martedì e il sabato effettua anche l’apertura serale dalle ore 22 alle ore 23:30
  • dal 15 ottobre al 31 marzo rimane aperta dalle 8:30 alle 18, il venerdì e il sabato anche dalle 20 alle 21:30.

alhambra biglietti

Biglietti per l’Alhambra: prezzi e tipologie

Un consiglio spassionato: onde evitare di recarti alla biglietteria dell’Alhambra e non trovare biglietti disponibili, acquistali online con largo anticipo sul sito ufficiale del monumento.

Vediamo le varie tipologie:

  • biglietto Alhambra General: costa € 14 e permette di visitare tutto il sito durante tutto il giorno (ma non durante l’apertura serale). Gli studenti muniti di tesserino e gli over 65 dela UE pagano € 9, chi ha una disabilità superiore al 32% e chi ha un’eta compreso tra i 12 e i 15 anni paga € 8
  • biglietto Alhambra Experience: costa € 14 e permette di visitare in notturna i Palacios Nazaries e durante il giorno l’Alcazaba e il Generalife, in due giorni consecutivi
  • biglietto Night Visit to Nasrid Palaces: costa € 8 e permette di visitare in notturna solo i Palacios Nazaries
  • biglietto Gardens, Generalife and Alcazaba: costa € 7 
  • biglietto Night visit to Gardens and Generalife: costa € 5
  • biglietto combinato Alhambra e Rodriguez Acosta Foundation: costa € 17 e permette di visitare anche lo studio del pittore José María Rodríguez-Acosta e la sua collezione di opere

I bambini d’età inferiore ai 12 anni entrano gratis ma va comunque acquistato – a costo zero – anche il loro biglietto.

Una volta acquistato il biglietto online puoi ritirarlo in loco o nelle macchinette automatiche presenti all’ingresso, inserendo la carta di credito che hai utilizzato per acquistarli, o alla biglietteria presentando la stampa della ricevuta dell’acquisto o la carta di credito utilizzata per comprarli, o anche presentando il documento (carta d’identità o passaporto elettronico) dell’acquirente se presente.

Ti consiglio di scaricarti gratis la guida ufficiale per iOS e Android che potrai consultare durante la tua visita all’Alhambra di Granada. Al tuo rientro voglio poi conoscere le tue impressioni, nel frattempo ti aspetto anche su su Instagram e su Facebook.

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Porta avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online.

comments

Luoghi da visitare e guide per viaggiare