Viaggiare in macchina: consigli per un on the road perfetto

viaggiare in macchina

Viaggiare in macchina dà quel senso di libertà che nessun altro mezzo di trasporto è in grado di offrire. Non si hanno vincoli di orari e ci si può fermare dove e quando si vuole, senza contare poi che nella maggior parte dei casi i viaggi in auto permettono un risparmio non indifferente rispetto al prezzo dei biglietti ferroviari o di quelli aerei.

Un viaggio on the road è anche in grado di cementare i rapporti tra i passeggeri perché l’abitacolo si trasforma in una piccola stanzetta in cui lasciare fluire liberamente pensieri, racconti e confessioni, magari con un bel sottofondo musicale. Ma parecchie ore in macchina potrebbero risultare anche pesanti, soprattutto se si viaggia con i bambini.

In questa guida troverai tanti suggerimenti su come affrontare al meglio un viaggio in macchina, in Italia o all’estero, e io di viaggi on the road in giro per il mondo ne ho fatti un bel po’.

VIAGGIARE IN MACCHINA: CONSIGLI PER AFFRONTARE AL MEGLIO UN VIAGGIO ON THE ROAD

Programmazione prima della partenza

La prima cosa da fare è quella di pianificare in anticipo tutte le tappe. Ad esempio nel weekend per i borghi della Val d’Orcia, nella settimana trascorsa tra i mercatini di Natale dell’Alto Adige, o in quelle in Irlanda o negli Stati Uniti, ho pianificato in anticipo tutte le varie tappe in modo da avere un programma di viaggio ben strutturato che mi ha permesso di inserire soste intermedie  lungo il percorso senza uscire troppo dalla rotta e rischiare di perdere tempo prezioso. Per farlo utilizza i navigatori Google Maps o ViaMichelin, quest’ultimo è in grado di calcolare anche il costo del pedaggio autostradale e del carburante.

Cerca poi di programmare il tutto evitando di guidare per troppe ore consecutive, e nel calcolo della tempistica del viaggio inserisci soste per mangiare qualcosina, per sorseggiare un caffè, per andare in bagno e per sgranchirti le gambe. Meglio se alla guida potrai alternarti con uno dei tuoi compagni di avventura, così mentre uno guiderà l’altro potrà schiacciare un pisolino o scaricare la tensione.

Se il tuo viaggio prevede pernottamenti nelle varie tappe ti consiglio di prenotare gli alloggi con largo anticipo su Airbnb, su Trivago o in qualsiasi altro modo, così da evitare di perdere tempo a cercare un posto letto una volta arrivato a destinazione. Non è bello fare il giro degli hotel o dei b&b dopo una giornata di viaggio.

Entro i sette giorni dalla partenza porta l’automobile dal tuo meccanico di fiducia per un bel check-up, o come si dice in gergo per un tagliando, che ti controllerà l’usura degli pneumatici, quella dei freni, i livelli dei liquidi (acqua e olio), lo stato delle lampadine, varie ed eventuali.

Cosa portare: accessori indispensabili

Il bello del viaggiare in macchina è che non c’è il vincolo dei bagagli come per i viaggi in aereo, ma bisogna fare i conti con il bagagliaio della propria vettura. Prima di un lungo viaggio fai le prove con le valigie vuote in modo da avere un’idea di cosa e quanto portare. Non esagerare con i bagagli perché se soggiornerai in diverse strutture dovrai caricarli e scaricarli di continuo.

Io ti consiglio di munirti  poi di un kit per il pronto soccorso come ad esempio questo qui che su Amazon costa meno di € 20. È sempre meglio essere prudenti. Porta con te anche un barattolo di lubrificante per il motore, può sempre tornare utile.

Non dimenticare poi il giubbotto catarifrangente e il triangolo omologato.

Tra gli oggetti utili ma non indispensabili c’è il cuscino poggiatesta ortopedico, ma per i passeggeri va benissimo anche il cuscino per la cervicale che si usa per i viaggi in aereo, e il frigo per auto che si collega alla presa accendisigari in cui tenere al fresco cibi e bevande ma va benissimo anche una più economica borsa termica. Per i più esigenti c’è addirittura la caffettiera da auto per cialde Nespresso con tazzina pieghevole che funge anche da tappo.

Prima di mettersi in viaggio

Controlla la validità della tua patente di guida. Lo so, può sembrarti una banalità, ma prima di uno dei miei tanti viaggi on the road per il Regno Unito mi sono accorto che la mia patente era in scadenza (anzi sarebbe scaduta proprio pochi giorni prima della partenza) e così mi sono fiondato alla Motorizzazione Civile per rinnovarla. Fai attenzione anche a un’altra cosa: nei viaggi all’estero potrebbe essere necessaria la patente internazionale.

Nei viaggi all’estero informati se è necessario acquistare tagliandi o bollini per il transito autostradale, sulle regole del codice della strada onde evitare una multa all’estero che potrebbe avere ripercussioni anche gravi, e sul tasso alcolemico consentito per mettersi alla guida. Leggi anche Guida a sinistra: Paesi in cui è in vigore e consigli utili.

Mi raccomando, cosa fondamentale: prepara e porta con te anche il secondo mazzo di chiavi!

Ricorda anche il cavetto per ricaricare lo smartphone e collegarlo al sistema CarPlay se la tua automobile ne dispone.

Nei giorni di punta valuta partenze intelligenti

Prima di mettersi alla guida è meglio fare un pasto leggero e non bere alcolici. Un pasto pesantuccio potrebbe causare sonnolenza. Bisogna anche fare attenzione a non assumere farmaci che inducono la sonnolenza come ad esempio alcuni tipi di antistaminici.

Io ti consiglio inoltre di partire con il pieno di carburante, evitando – se possibile – di fare rifornimento nelle stazioni di servizio lungo la rete autostradale in cui i prezzi sono generalmente più alti rispetto agli altri distributori. Durante il viaggio cerca di viaggiare sempre con il serbatoio non dico pieno ma almeno mezzo pieno, perché durante il tragitto potresti avere difficoltà a trovare pompe di benzina.

Porta con te anche qualche bottiglietta d’acqua e qualcosa da sgranocchiare, magari qualche panino, pasta fredda o insalata di riso se non vorrai fermarti a mangiare negli autogrill o in qualche ristorante sulla strada.

Come evitare di annoiarsi durante un viaggio in macchina

Un lungo viaggio in auto può risultare noioso, non solo per il guidatore ma anche per i passeggeri, soprattutto se piccini.

Organizzati con un po’ di buona musica, magari con canzoni sul viaggio o con qualche altra playlist da ascoltare con Spotify o con Amazon Music. Non sono affatto male nemmeno i podcast e gli audiolibri.

Se viaggi con bambini procurati tablet o smartphone con qualche film o con YouTube, o inventati qualche gioco che possa coinvolgerli attivamente.

Non andrai con la tua automobile? Leggi con attenzione la mia guida al noleggio auto.

Buon viaggio!

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo insieme alla sua famiglia. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni sabato alle 13:10 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019. Il 23 luglio 2020 è uscito il libro da lui curato dal titolo "In viaggio tra i borghi d'Italia".