Libri di viaggio: i 10 più divertenti

libri viaggi

“La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno.”

diceva il drammaturgo e scrittore francese Francis de Croisset, e secondo me aveva proprio ragione, soprattutto ora in cui siamo chiusi in casa per sconfiggere il coronavirus.

Noi in preda alla sindrome di wanderlust, noi che amiamo viaggiare più di qualsiasi altra cosa al mondo abbiamo però delle armi pacifiche per combattere la noia e dissetare seppur parzialmente la nostra sete di conoscenza del mondo che ci circonda. Queste potenti “armi” sono i libri di viaggio, porte grazie alle quali veniamo catapultati in luoghi lontani e misteriosi, in situazioni più o meno avventurose che ci fanno entrare in contatto con personaggi di fantasia che pagina dopo pagina diventano nostri amici.

Io sono un grande divoratore di libri di viaggi e oggi voglio condividere con te quelli più simpatici da me letti, sperando che possano farti trascorrere qualche ora spensierata durante questo difficile momento.

LIBRI DI VIAGGI: I 10 PIÙ DIVERTENTI

Una cosa divertente che non farò mai più (David Forster Wallace)

Se mi segui su Instagram o su Facebook sai già che sono un appassionato di crociere. Ne ho già fatte 5 e spero presto di farne altre.

Questo libro di David Forster Wallace riguarda proprio il mondo crocieristico, e racconta il viaggio dell’autore a bordo di una crociera extra lusso ai Caraibi in qualità di inviato per la rivista Harper’s. Un reportage piuttosto critico e divertente sulla sua esperienza descritta in ogni minimo particolare.

150 pagine che scorrono velocemente tra una risata e una riflessione. Lui l’esperienza non la rifarebbe mai più, io sì nonostante il libro mi sia piaciuto!

Notizie da un’isoletta. Viaggio in Gran Bretagna (Bill Bryson)

Io adoro Bill Bryson. I suoi libri sono simpaticissimi e fanno venire anche tanta voglia di visitare i luoghi descritti seppur con ironia e cinismo.

In questo libro lo scrittore americano, dopo aver trascorso 20 anni in Inghilterra, decide di tornare negli Stati Uniti ma prima di farlo si concede un ultimo viaggio nell'”isoletta” partendo da Dover e visitando Londra, le Cotswolds, Stonehenge, Manchester, Edimburgo, Glasgow e altri luoghi iconici. Quello che ne viene fuori è un racconto pungente di un Paese che seppur grande a lui appare piccolino.

Il libro è del 1995 e racconta una Gran Bretagna molto diversa da quella attuale ma per certi versi ancora molto attuale.

Piccola grande Isola (Bill Bryson)

20 anni dopo Bill ci riprova e riparte per un nuovo viaggio in Gran Bretagna, ma essendo un personaggio stravagante si inventa un percorso tutto suo: la Bryson Line, la linea retta più lunga che si possa tracciare tra due località dell’Isola partendo da Bognor Regis nel sud e arrivando fino a Cape Wrath in Scozia, con qualche piccola deviazione. Un racconto divertente ma ricco di aneddoti storici che ti faranno venire voglia di fare un bel viaggio da quelle parti.

Una città o l’altra. Viaggio in Europa (Bill Bryson)

Con questo libro Bryson si sposta in Europa e racconta il suo viaggio da Nord a Sud, partendo da Hammerfest in Norvegia e arrivando a Istanbul. Leggendo le sua disavventure rivivrai sicuramente le emozioni dei tuoi weekend in Europa e scoprirai posti in cui probabilmente non sei ancora mai stato. Tutto in chiave ironica e un po’ dissacrante.

America Perduta. In viaggio attraverso gli USA (Bill Bryson)

Sempre Bill (te l’ho detto che ho una passione per lui!) ma questa volta nel suo Paese. Un viaggio nell’America delle piccole città a bordo di una vecchia Chevrolet, in posti in cui il tempo sembra essersi fermato alla metà del 1900.

Non è secondo me uno dei suoi libri migliori, però se sei appassionato di Stati Uniti ti consiglio di leggerlo.

In un Paese bruciato dal sole. L’Australia (Bill Bryson)

Tra le pagine di questo libro Bill ci porta in viaggio attraverso l’Australia. Sidney, Canberra, Ayers Rock e la grande barriera corallina sono solo alcuni dei luoghi dai lui raggiunti in treno, in automobile e in nave, e che lo hanno fatto entrare in contatto con aborigeni, surfisti, hippy e canguri. Il tutto ovviamente raccontato con il suo stile ironico.

Autostop con Buddha. Viaggio attraverso il Giappone (Will Ferguson)

Se sei un appassionato di Giappone non puoi perderti questo libro. L’autore – che già conosce il Paese del Sol Levante perché ci ha vissuto diversi anni – racconta il suo viaggio in autostop seguendo la fioritura dei ciliegi, spostandosi da sud verso nord, incontrando personaggi singolari che tramite i loro comportamenti mettono in risalto la cultura nipponica piuttosto diversa da quella occidentale.

I Love Tokyo (La Pina)

Sempre a proposito di Giappone c’è la simpatica guida interattiva scritta dalla famosa dj La Pina, con musiche composte da suo marito Emi e tanti fumetti. La Pina conosce molto bene la capitale nipponica (c’è stata più di 40 volte), e con il suo inconfondibile stile dà tante dritte per visitarla, racconta il modo di vivere dei giapponesi e il loro rapporto con se stessi e con gli occidentali.

I Love Tokyo ti porterà dritto tra le strade della futuristica metropoli pur rimanendo sdraiato sul tuo divano.

Un italiano in America (Beppe Servegnini)

Il giornalista Beppe Servegnini è l’autore italiano di libri di viaggi divertenti che più mi piace.

Ti avverto, questo è un libro un po’ datato. È stato scritto nel 1995 e racconta il suo anno trascorso a Washington in un’America un po’ diversa da quella di oggi. Però la sottile ironia con cui parla della sua vita quotidiana mette in risalto caratteristiche degli americani che sono ancora attuali. A me ha fatto comunque venire voglia di tornare negli States.

Inglesi (Beppe Servegnini)

Perché i lavabi britannici hanno due rubinetti separati? Perché le ragazze escono durante le fredde serate invernali con le gambe scoperte? In questo libro che ha oramai 20 anni ma è per certi versi ancora attuale, Servegnini cerca di fare luce sulle bizzarrie della società britannica: dai loro gusti culinari ai loro modi di fare. Tutto esposto in maniera ironica ma intelligente.

Interessante se si vuole conoscere la cultura dei sudditi del Regno di Sua Maestà la Regina Elisabetta II.

Buona lettura!

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo insieme alla sua famiglia. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni sabato alle 13:10 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019. Il 23 luglio 2020 è uscito il libro da lui curato dal titolo "In viaggio tra i borghi d'Italia".