Scambio casa: come soggiornare gratis nel mondo

scambio casa

Lo scambio casa è insieme al couchsurfing un modo per viaggiare low cost che permette di tagliare completamente i costi dell’alloggio, e che dà la possibilità di girare il mondo anche a chi ha a disposizione un budget ridotto da dedicare ai viaggi.

A differenza però del couchsurfing in cui si ottiene gratis solo un posto letto, con lo scambio casa si ottiene un intero appartamento in cui trascorrere la vacanza.

In questo post ti spiegherò cos’è, come funziona e quali sono i migliori portali per lo scambio casa, in modo che tu possa valutare l’idea di entrare in questo circuito mondiale di viaggiatori disposti a scambiarsi l’alloggio per un determinato periodo di tempo.

SCAMBIO CASA: COS’È E COME FUNZIONA

Come dice il nome stesso, lo scambio casa è un vero e proprio scambio di alloggio tra persone.

Nato in Europa negli anni ’50 del secolo scorso per iniziativa di un gruppo di insegnanti appassionati di viaggi in cerca del modo più economico di fare vacanze cercando alloggio nella loro cerchia di amici, lo scambio casa è oramai molto utilizzato anche dai viaggiatori italiani.

Io scambio gratuitamente la mia casa a Roma con la tua a New York per un determinato periodo di tempo, ed entrambi ci impegniamo con un contratto messo a disposizione dal portale a rispettare i rispettivi alloggi. Al termine della nostra vacanza rilasceremo la recensione della nostra esperienza che servirà poi agli altri viaggiatori.

Nello scambio può rientrare anche l’automobile, cosa molto comoda per vivere il viaggio in totale libertà tagliando anche il costo del noleggio auto.

Lo scambio casa – che può essere anche non simultaneo – può essere effettuato sia per brevi periodi come un weekend che per lunghi come due settimana, un mese o più, ed avviene in maniera del tutto gratuita. L’unica spesa da sostenere è la quota d’iscrizione ai portali che mettono in comunicazione tra di loro i vari proprietari, e che garantiscono la sicurezza e l’affidabilità degli utenti e delle loro abitazioni mediante il sistema delle recensioni sotto stretto controllo del portale stesso.

I principali portali per lo scambio casa

I principali portali per lo scambio casa sono:

  • HomeLink: community nata nel 1953, conta circa 13.000 iscritti sparsi in ogni parte del mondo. Il servizio ha un costo di € 65 per 6 mesi, di € 125 per 12 mesi e di € 155 per 12 mesi compreso il fondo di garanzia.
  • HomeExchange: ha due piani di abbonamento. Il più semplice (piano Essenziale) costa € 10 a notte mentre il piano Optimum ha un costo di € 130 all’anno. HomeExchange regala poi un secondo anno gratuito al titolare dell’abbonamento Optimum che nel primo anno d’iscrizione non è riuscito ad effettuare lo scambio casa. È possibile anche guadagnare punti mettendo a disposizione la propria abitazione o completando alcune operazioni come ad esempio l’invio dei propri documenti, l’invito di amici che poi si iscrivono al portale e la sottoscrizione al piano Optimum. Grazie ai punti – chiamati GuestPoints – è possibile soggiornare gratis in altri alloggi senza dover scambiare il proprio alloggio con quello dell’ospitante
  • Love Home Swap: ha un costo compreso tra i € 9 e i € 26 al mese
  • Third Home: è un portale dedicato allo scambio casa di lusso. Non c’è un costo mensile o annuale da sostenere, ma per ogni scambio casa bisogna pagare una quota che varia dai $ 395 ai $ 1295
  • Stay4Free: ha un costo dai 12 ai 35 € al mese
  • IVHE: ha piani di abbonamento che vanno dai € 159 ai € 375 all’anno.

I portali di scambio casa funzionano tutti alla stessa maniera:

  • ci si iscrive con i propri dati
  • si inserisce la descrizione della propria abitazione con tutti i dettagli e le foto
  • si specificano le mete alle quali si è interessati
  • si naviga tra i vari Paesi e tra le varie città in cerca dell’abitazione più adatta alle proprie esigenze e si contatta il proprietario direttamente dalla loro scheda. Nella richiesta bisogna specificare il numero di persone e se tra di loro ci sono bambini e animali.
  • o si attende l’offerta di scambio da parte di un altro proprietario.

Il proprietario dell’alloggio dovrà lasciare l’appartamento pulito e ordinato, dovrà lasciare un po’ di spazio negli armadi per gli indumenti degli ospiti, mettere a loro disposizione lenzuola e asciugamani, e perché no, far trovare nel frigo beni di prima necessità come latte, pane, pasta, frutta e verdura. Il tutto nel valore sacro dell’ospitalità, fulcro dello scambio casa.

 

Cosa ne pensi dello scambio casa? Hai già avuto una simile esperienza? Se ti va di raccontarla lascia un commento sotto a questo post.

Ti aspetto anche su Instagram e su Facebook.

 

Andrea Petroni

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online.

Luoghi da visitare e guide per viaggiare