Cambio valuta in viaggio: come risparmiare ed errori da evitare

cambio valuta viaggio estero

Il dilemma che attanaglia tutti noi viaggiatori in procinto di recarci in un Paese che non adotta come moneta l’euro riguarda il cambio valuta.

Te lo dico, il cambio valuta in viaggio è una cosa che mi stressa non poco, perché tra i soldi cambiati all’andata e quelli cambiati al ritorno ci si rimette sempre un bel po’ sia sul tasso di cambio che sulle commissioni. Ma non solo, un altro problema  che riguarda il momento del cambio valuta è “quanto cambio? € 50, € 100 o € 200?”.

Dato che durante i miei viaggi mi sono trovato spesso ad affrontare questo problema, ho pensato fosse per te utile avere delle indicazioni per risparmiare sul cambio valuta ed evitare alcuni errori che potrebbero farti rimettere qualche soldino.

CAMBIO VALUTA IN VIAGGIO: DOVE FARLO E GLI ERRORI DA EVITARE

Paesi e Continenti in cui bisogna fare il cambio valuta

cambio valuta
La cosa può sembrare banale ma non lo è, nel senso che anche in Europa ci sono Paesi che non adottano l’euro e in cui per effettuare pagamenti bisogna fare un cambio valuta.

I Paesi dell’Europa intesa come continente che non adottano l’euro sono:

  • Regno Unito (e quindi anche Irlanda del Nord)
  • Svizzera
  • Danimarca
  • Svezia
  • Ungheria
  • Repubblica Ceca
  • Polonia
  • Bulgaria
  • Norvegia
  • Romania
  • Croazia
  • Islanda
  • Albania
  • Bielorussia
  • Bosnia Erzegovina (anche se la moneta è agganciata all’euro)
  • Liechtenstein
  • Moldavia
  • Russia
  • Serbia
  • Ucraina.

L’euro non è ovviamente adottato:

  • nel Continente americano
  • in Asia
  • in Africa
  • in Oceania.

Ci sono però delle eccezioni. Potrà sembrarti strano ma l’euro è adottato anche in Guyana Francese, Guadalupa, Martinica, Riunione, Mayotte,  Saint-Barthélemy e la parte francese di Saint-Martin, in quanto appartenenti al territorio francese.

Ora che sai quali sono i Paesi che non adottano l’euro e in cui bisogna fare il cambio valuta passiamo ai consigli pratici.

Paga in valuta locale

Il primo consiglio che mi sento di darti è quello di pagare in valuta locale. Capita spesso che venditori ed esercizi commerciali di altri Paesi non aderenti all’Euro accettino lo stesso la nostra valuta. Ecco, tu evita di pagare in euro. Il cambio applicato è sempre molto sommario e favorevole a loro ma non a te.

Quindi effettua il cambi valuta da euro alla valuta locale.

Per controllare poi il costo di un determinato bene io ti consiglio di utilizzare applicazioni gratuite come Conversione Valuta XE disponibile sia per iOS che per Android, o di collegarti al convertitore di valuta di Yahoo Finance o di scrivere “convertitore valuta” o “cambio valuta Google” sulla barra di ricerca di Google per avere subito uno strumento da utilizzare cercando tra i menù a tendina la valuta da convertire in euro.

cambio valuta google

Evita di cambiare grosse somme

Cambiare grosse somme di denaro significa spesso finire poi la vacanza con un gruzzoletto di monete locali da ricambiare poi in euro prima del rientro in Italia. In questo caso ci si rimette per la seconda volta pagando nuovamente le commissioni.

Devi farti due conti prima della partenza cambiando solo lo stretto necessario che pensi di spendere tutto durante il viaggio. Cambiare pochi soldi implica però il dover tornare nuovamente all’ufficio del cambio e ripagare le commissioni.

Cambia i soldi nella tua banca

Prima di partire per un Paese che non accetta gli euro io consiglio sempre di cambiare qualche soldo nella banca in cui si detiene il conto corrente.

Ok che oramai quasi tutti gli esercizi al mondo accettano le carte di credito, ma avere qualche soldo in contante può essere sempre utile per effettuare piccoli pagamenti e per acquistare beni di prima necessità.

Per fare il cambio valuta nella propria banca c’è bisogno però di richiedere tale servizio con almeno una settimana di anticipo, soprattutto per valute particolari e non comuni come ad esempio il dollaro o la sterlina.

Ovviamente la banca applica delle commissioni che sono però in genere inferiori a quanto ti verrebbe applicato ad esempio all’ufficio del cambio in aeroporto.

Se hai poi confidenza con l’impiegato bancario potresti chiedergli di monitorare per te l’andamento della valuta e di farti il cambio in un momento particolarmente favorevole, ma in questo caso dovrai avvertirlo non con una settimana di anticipo, ma almeno qualche mese prima della tua partenza.

Acquista la valuta online

Una delle opzioni più convenienti per procurarsi valuta straniera prima di partire è rappresentata dai servizi di prenotazione online. Esistono diversi siti internet in cui cambiare euro in dollari e nelle altre principali monete mondiali. Tra i più convenienti ti segnalo Ria Currency Exchange. Visitando il portale www.riacurrencyexchange.com è possibile prenotare valuta online senza commissioni aggiuntive, usufruendo di tassi di cambio vantaggiosi.  Il cambio valuta può essere prenotato anche telefonicamente. Il ritiro avviene in una delle filiali Ria, presenti su tutto il territorio italiano. E si può cambiare anche la valuta che avanza dal viaggio, a patto che si tratti di banconote e non monete.

Uno dei vantaggi principali di questo servizio è che, a differenza di quanto avviene in banca, non serve dare un preavviso. Si può prenotare il cambio e ritirare il denaro contante il giorno stesso. Inoltre al momento della prenotazione non occorre inserire il numero della carta di credito, perché il pagamento avviene direttamente al momento del ritiro in negozio.

Evita il cambio valuta in aeroporto

Capita spesso che si atterri e ci si rechi immediatamente all’ufficio del cambio valuta (o dal cambia valuta come spesso diciamo per comodità) per convertire gli euro in valuta locale.

Purtroppo gli uffici del cambio presenti in aeroporto applicano commissioni piuttosto alte. Il tasso di cambio è uguale per tutti ma il loro guadagno è frutto delle commissioni applicate.

Meglio cercare uffici del cambio valuta in città, chiedendo magari informazioni alla reception dell’hotel, alla propria guida turistica, al tour operator o all’agenzia di viaggio in cui hai prenotato la vacanza. Loro sapranno sicuramente consigliarti sull’ufficio migliore per effettuare tale operazione.

Preleva negli sportelli ATM o paga con il bancomat (carta di debito)

cambio valuta atm
Se possiedi un conto corrente bancario e hai una carta bancomat (carta di debito) associata a un circuito internazionale come ad esempio Cirrus Maestro o Visa Electron, invece di cambiare soldi negli uffici del cambio valuta io ti suggerisco di prelevare nei vari sportelli ATM presenti in aeroporto e nelle città, come se fosse un normalissimo prelievo in Italia.

Ciò che cambia è che invece degli euro usciranno fuori banconote locali.

Tutti i prelievi di contante vengono convertiti in base al tasso di cambio reale del giorno, però c’è da considerare l’applicazione delle commissioni.

Per quanto riguarda le commissioni applicate per i prelievi bisogna suddividere il mondo in:

  • area Sepa
  • area extra Sepa.

Nei Paesi dell’aerea Sepa (i 28 Stati Membri dell’Unione Europea più’ Islanda, NorvegiaLiechtenstein, Svizzera, Principato di Monaco, San Marino, Principato di Andorra e Città del Vaticano) le commissioni applicate per i prelievi sono le stesse che vengono applicate in Italia.

Nei Paesi extra Sepa le commissioni sono più elevate (in genere qualche euro a operazione) e non tutti e due i circuiti (Cirrus Maestro o Visa Electron) vengono accettati.

Prima di partire informati per benino con la tua banca chiedendo esattamente informazioni:

  • sul circuito
  • sulla commissione per il prelievo
  • sulla commissione per il cambio valuta
  • sui massimali di prelievo all’estero.

Il bancomat – o carta di debito – può essere utilizzato anche per pagare tramite POS negli esercizi commerciali convenzionati. In questo caso ricordati di chiedere di effettuare il pagamento in valuta locale e non in euro.

Stai attento però a non prelevare negli ATM con la carta di credito, i costi sono decisamente maggiori rispetto al bancomat.

Paga con carta di credito

cambio valuta carta credito
Non c’è nulla da fare, le carte di credito sono comodissime e ci evitano l’ansia di perdere il denaro. In caso di smarrimento basta una telefonata alla propria Banca (tienilo sempre tra i contatti del tuo smartphone) per evitare spiacevoli sorprese.

Come ti dicevo poco fa prelevare negli ATM con la carta di credito è più oneroso rispetto al bancomat. Però il pagamento negli esercizi convenzionati è su per giù lo stesso.

Prima della partenza devi però informarti con la tua banca:

  • se il circuito della tua carta di credito è accettato nel Paese in cui ti recherai
  • a quanto ammontano le commissioni per il cambio valuta
  • a quanto ammonta il tuo plafond.

Io ti consiglio di comunicare alla tua banca il Paese in cui ti recherai e il periodo esatto del viaggio. In questo modo loro sapranno che in caso di pagamenti effettuati in quella determinata zona sarai stato tu ad effettuarli e non scatterà il blocco di sicurezza.

La prima volta che sono andato negli Stati Uniti non sapevo di questa cosa e quando andai a pagare degli acquisti fatti in un grande magazzino non riuscii a portare a termine il pagamento a causa del blocco della carta. Chiamai poi la banca che mi sistemò tutto fino alla fine del viaggi. Dal quel giorno, prima di partire, chiamo la mia banca e la informo dei miei spostamenti.

La carta di credito è poi importantissima per noleggiare un’automobile e molto spesso viene richiesta dagli hotel a garanzia del soggiorno.

Porta sempre con te anche il PIN perché facendo pagamenti in alcuni POS ti verrà richiesto al posto della firma.

Non cambiare in nero

So che non ti passa nemmeno per l’anticamera del cervello, ma io devo ugualmente metterti in guardia.

Potrebbe capitarti di essere avvicinato da qualcuno con fare sornione ti proponga un cambio particolarmente conveniente. Evitalo come la peste.

Proteggi i tuoi soldi e le tue carte

Ora che sai come effettuare il cambio valuta in viaggio io ti suggerisco di leggere la guida su come proteggere soldi e documenti in viaggio: consigli per evitare furti, è sempre meglio avere mille accortezze per evitare di perdere i soldi guadagnati con sudore e messi da parte con sacrificio.

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni domenica alle 14 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019.