Noleggio auto: consigli per evitare spiacevoli sorprese

noleggio auto

Stai per partire per le vacanze e hai bisogno di consigli sul noleggio auto?

Innanzitutto ottima scelta, i viaggi on the road sono tra i miei preferiti e muoversi in automobile permette di non essere vincolato agli orari di treni e pullman, di fare soste improvvisate lungo il tragitto, e di scoprire posti nuovi facendosi guidare dal proprio istinto. Pura libertà!

In questo articolo ti darò tutte le giuste raccomandazioni su come risparmiare e, soprattutto, cosa tenere bene a mente al ritiro e alla riconsegna del veicolo, onde evitare spiacevoli sorprese che potrebbero rovinarti il viaggio.

Sei pronto? Prendi appunti.

CONSIGLI UTILI PER IL NOLEGGIO AUTO

Come trovare il prezzo migliore

Per trovare il prezzo migliore ti consiglio di dare un’occhiata alle offerte dei noleggiatori, possibilmente con largo anticipo rispetto alla data prevista del viaggio. Specialmente nei periodi di alta stagione, le tariffe tendono ad aumentare con l’avvicinarsi della data di partenza. Il sito Auto Europe – broker attivo da oltre 60 anni nel campo dell’autonoleggio con 24.000 punti di ritiro in tutto il mondo – è in questo senso molto utile, in quanto permette di confrontare, in un’unica schermata, i prezzi delle diverse compagnie di noleggio auto presenti nella destinazione scelta e le categorie dei veicoli disponibili

Come scegliere l’auto da noleggiare

La prima cosa che devi fare prima di procedere con il noleggio auto è quella di verificare l’età minima richiesta per il conducente, in molti Paesi è vietato il noleggio per i minori di 21 o addirittura di 25 anni.

Devi poi verificare se la tua patente di guida è accettata nel Paese in cui ti recherai. Non ci sono problemi nel guidare con la patente italiana nei Paesi dell’Unione Europea. Altri Paesi richiedono però la patente internazionale.

Scegli l’autovettura in base a quanti sono i passeggeri, alla capienza del bagagliaio (dipende da quante valigie avrai) e al tipo di cambio, automatico o manuale (per i Paesi con la guida a sinistra come l’Inghilterra, e l’Irlanda e l’Australia io ti consiglio il cambio automatico).

Valuta l’inserimento di optional come il seggiolino per i bambini, le catene da neve o il navigatore GPS, anche se oramai tutte le nuove automobili ne sono dotate.

Cosa fare prima di partire

Oggi prenotare l’auto con un clic è davvero molto semplice, tanto che si possono dare per scontate delle cose che invece sono molto importanti. Se hai prenotato il noleggio auto telefonicamente oppure online con un broker come Auto Europe, ti suggerisco di:

  • stampare subito il voucher e leggere attentamente i termini e le condizioni di noleggio. Nel voucher troverai tutte le informazioni relative all’autonoleggiatore (nome, indirizzo esatto, numero di telefono), cosa è incluso nel costo del noleggio e cosa no (ovvero se sono presenti costi ulteriori), il regolamento relativo alle assicurazioni e molte altre informazioni ancora. Questo ti consentirà di partire più informato e soprattutto consapevole della tua prenotazione
  • controllare la validità dei tuoi documenti, in particolar modo della patente, della carta di identità per l’espatrio o del passaporto elettronico. Presentarsi presso l’autonoleggiatore con una patente di guida scaduta o eccessivamente consunta significa vedersi rifiutare il noleggio
  • controllare la validità della tua carta di credito e l’importo del plafond mensile. Anche se la prenotazione è stata effettuata con una carta prepagata o con una carta di creditointestata ad un’altra persona, il guidatore principale (nome indicato nella prenotazione), dovrà presentare al momento del ritiro una carta di credito valida a suo nome, con credito sufficiente per il deposito cauzionale. Se questi presupposti non sono soddisfatti, anche in questo caso,
    l’autonoleggiatore può negare il noleggio. A me in Germania è successa una cosa spiacevole. Avevo noleggiato un’automobile online pagando con la mia carta di credito ma quando sono andato a ritirarla lasciando a garanzia la stessa carta me la sono vista rifiutare in quanto plafond insufficiente. Per fortuna c’era con me una mia amica blogger, inclusa nel contratto come guidatore, che ha lasciato la sua carta a garanzia del noleggio. Da quel momento in poi sto attentissimo a questa cosa, e prima di partire chiedo sempre alla banca l’aumento temporaneo del plafond.

Cosa fare momento del ritiro del veicolo presso il banco

Se hai soddisfatto tutti i passaggi che ti ho elencato sopra, il ritiro dell’auto sarà un gioco da ragazzi. Presso l’autonoleggiatore dovrai soltanto:

  • consegnare una copia del voucher e presentare i documenti previsti, ovvero la patente di guida e la carta di identità
  • fornire la carta di credito per il blocco della cauzione
  • e – se lo desideri – richiedere in loco servizi aggiuntivi che soltanto l’autonoleggiatore può fornire come la registrazione nel contratto di ulteriori guidatori o l’acquisto di ulteriori coperture assicurative.

L’autonoleggiatore ti consegnerà le chiavi del veicolo e ti indicherà la posizione esatta del parcheggio in cui andarla a ritirare.

Fai molta attenzione: al momento del ritiro dell’auto dal parcheggio, devi controllare scrupolosamente il veicolo e far riportare nel contratto eventuali graffi o danneggiamenti anche lievi della carrozzeria e dell’abitacolo qualora questi non siano già stati registrati. In questo caso ti consiglio comunque di sottoscrivere un’assicurazione totale che copra interamente la franchigia per furto o danno.

Cerca qualcuno che ti spieghi il funzionamento dell’auto. A me sono successi due episodi “simpatici” che devo assolutamente raccontarti. La prima volta che ho noleggiato un’automobile negli Stati Uniti non trovavo il freno a mano. Sarò stato 15 minuti a cercarlo ma niente. Alla fine sono andato a cercare il tizio dell’autonoleggio e sai come si azionava il “freno a mano”? Con un pedale. Un’altra volta invece in Svezia non sapevo come accendere una BMW nuova di zecca. Non c’era nessuna serratura accanto al volante ma nemmeno nessun pulsante. Per farla partire bisognava inserire il telecomando all’interno di una fessura presente sul cruscotto. Onde evitare di perdere tempo chiedi subito spiegazioni al personale.

A cosa prestare attenzione alla riconsegna del veicolo

Terminato il tuo viaggio ti basterà riconsegnare l’auto alla stazione del noleggio prestando attenzione a degli aspetti che in taluni casi possono essere sottovalutati e causare brutte sorprese. Seguendo i seguenti consigli consigli la riconsegna del veicolo si svolgerà in tutta sicurezza.

Prima di consegnare l’auto ti suggerisco di controllare nel contratto la politica di carburante legata al tuo noleggio. Ci sono compagnie che chiedono di riconsegnarla con lo stesso carburante presente nel serbatoio all’inizio del noleggio. Questo vuol dire che, se l’auto viene consegnata con il pieno, dovrà essere restituita con il pieno. Altri noleggiatori addebitano invece al cliente un pieno al ritiro e l’auto deve essere riconsegnata con il serbatoio più vuoto possibile, considerando che non è previsto alcun rimborso per il carburante non utilizzato.

Ricorda poi di restituire l’auto all’ora riportata nel voucher, dato che i ritardi possono generare costi aggiuntivi sul noleggio, e di riconsegnala nelle stesse condizioni del ritiro affinché venga sbloccato il deposito cauzionale.

Segui poi con attenzione la revisione del veicolo da parte dell’addetto. Con il suo ok otterrai lo sblocco della cauzione entro pochissimi giorni.

Buon viaggio on the road!

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni domenica alle 14 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019.