01.07.2021

Green Pass europeo: cos’è e come funziona

passaporto vaccinale ue

Il 1° luglio 2021 è entrato in vigore il Green Pass europeo (o Green Certificate), il documento elettronico che ci permetterà di muoverci liberamente in Europa al verificarsi di alcune condizioni.

Vediamo insieme di cosa si tratta e come ci permetterà di viaggiare in Europa senza l’obbligo di quarantena e in alcuni casi senza nemmeno eseguire il tampone all’andata e al ritorno.

PASSAPORTO VACCINALE EUROPEO: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SUL GREEN PASS

Cos’è il Green Pass?
[ torna al menu ]

È un certificato che facilita la libera circolazione dei cittadini UE all’interno dell’Unione Europa durante questo periodo caratterizzato dalla pandemia da Covid-19.

Si tratta di un pass valido in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea a partire dal 1° luglio 2021, sia in formato cartaceo che digitale, nella lingua del cittadino e in quella inglese comprensibile in qualsiasi altro Paese.

Entrambi avranno comunque un QR Code che conterrà i dati necessari e una firma digitale che ne garantirà l’autenticità.

Si potrà viaggiare tra gli Stati membri dell’UE, ma anche in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera, al verificarsi di una delle tre condizioni:

  • essere in possesso del certificato di avvenuta vaccinazione (prima e seconda dose) avvenuta con un vaccino approvato dall’UE, anche se ciascuno Stato sarà libero di accettare anche altri vaccini. In generale i Paesi accetteranno il Green Pass solo trascorsi 14 giorni dopo la seconda dose (o dopo l’unica dose di Johnson & Johnson), con alcune eccezioni come la Croazia in cui basterà la prima dose di Pfizer o Moderna fatta tra i 22 e 42 giorni precedenti (22 e 84 giorni invece dalla prima dose di AstraZeneca), l’Austria e la Repubblica Ceca in cui servirà solo la prima dose fatta almeno 22 giorni prima dell’ingresso (ma comunque entro tre mesi). Prima di partire ti consiglio comunque di controllare per bene o su Viaggiare Sicuri della Farnesina, o sul sito web dell’Ambasciata Italiana nel Paese in cui ti recherai, o fare una telefonata all’Ambasciata del Paese presente in Italia.
  • aver effettuato un tampone prima della partenza con esito negativo
  • per chi ha già avuto il Covid-19 ed è guarito essere in possesso di un certificato quantitativo degli anticorpi.

Quindi in parole povere o sei vaccinato, o ti fai il tampone prima della partenza sperando nell’esito negativo, o dimostri di essere stato già affetto da Covid-19 e di avere ancora un numero consistente di anticorpi.

Non ci sarà nessun database europeo e non avverrà alcuno scambio di dati, in totale sicurezza per la privacy del cittadino.

passaporto vaccinale
© European Union

In che modo permetterà la libera circolazione tra gli Stati UE?
[ torna al menu ]

Il cittadino che sarà in possesso di questo certificato dovrà esibirlo ai controlli e potrà entrare in quel Paese senza essere sottoposto a tampone e senza la quarantena.

Ciascuno Stato membro dell’UE potrà comunque decidere autonomamente le restrizioni in ingresso però dovrà derogare a queste quando il viaggiatore sarà in possesso del Green Digital Pass.

LEGGI ANCHE Coronavirus e viaggi: un questionario della Farnesina con tutte le risposte.

Quali informazioni contiene il passaporto vaccinale o Green Digital Certificate?
[ torna al menu ]

Contiene innanzitutto le informazioni anagrafiche: nome, cognome, data di nascita, Stato emittente e un numero identificativo univoco del certificato.

Tutte le altre informazioni come il tipo di vaccino inoculato, il numero delle dosi e la data di vaccinazione, o il certificato di avvenuto test (tampone o sierologico) con esito negativo con il tipo di prova effettuata, il laboratorio in cui si è svolta, la data e l’ora della prova, e ovviamente il risultato, si trovano all’interno del QR Code.

Stessa cosa per il certificato quantitativo degli anticorpi per chi è stato già colpito da Covid-19 ed è guarito, conterrà la data del risultato positivo del test, i dati di chi ha emesso tale certificato, la data di rilascio e quella di validità.

Come funziona il certificato verde digitale?
[ torna al menu ]

Contiene un QR Code e una firma digitale che lo proteggerà da eventuali falsificazioni.

Al momento del controllo verrà effettuata una scansione che verificherà anche la firma, un po’ come il passaporto elettronico.

Ogni ente che lo emetterà (ospedale o laboratorio) avrà la propria firma digitale e la Commissione Europea realizzerà un archivio digitale con tutte le firme digitali degli enti pronte per essere verificate alla scansione del QR Code. Nell’archivio dell’UE non passeranno invece i dati del viaggiatore.

digital green certificate

In mancanza di vaccino quali Covid-Test saranno accettati?
[ torna al menu ]

Saranno accettati i cosiddetti test NAAT (test di amplificazione degli acidi nucleici) tra cui RT-PCR, e i test rapidi antigenici presenti nell’elenco stabilito sulla base della Raccomandazione del Consiglio 2021 / C 24/01.

Non saranno accettati i test fai da te.

Per quanto tempo sarà in vigore il Digital Green Certificate?
[ torna al menu ]

Sarà in vigore fino a quando l’OMS non dichiarerà la fine della pandemia. Speriamo quindi al più presto possibile, anche se ciò che sta accadendo non ci fa ben sperare.

Quanto costerà il passaporto vaccinale o digital green certificate?
[ torna al menu ]

Fortunatamente il passaporto vaccinale o digital green certificate è del tutto gratuito per il cittadino.

Sarà utilizzabile anche fuori dall’UE?
[ torna al menu ]

La Commissione Europea sta lavorando per rendere il certificato verde compatibile anche con gli altri sistemi extra UE, per arrivare a un passaporto vaccinale o che attesti la negatività al Covid-19 in grado di poter viaggiare liberamente in qualsiasi altro Paese del mondo.

Come si fa per ottenerlo sul proprio smartphone?
[ torna al menu ]

In genere, dopo un paio di giorni dall’avvenuta vaccinazione, si riceve un sms o una mail dal Ministero della Salute.

Per scaricare il green pass ci sono varie alternative:

Se trascorse 48 o 72 ore dalla vaccinazione non hai ancora ricevuto la mail o l’sms ti consiglio di accedere ugualmente all’App IO perché il certificato sarà comunque già caricato lì. È successo a mia moglie Valentina, non ha ricevuto notifiche via sms o tramite email ma il green pass era già caricato su IO.

 

Buon viaggio, ti aspetto poi sul mio profilo Instagram vologratis e TikTok vologratis in cui troverai ogni giorni tanti contenuti interessanti.

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, giocare con suo figlio Nicholas, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo insieme alla sua famiglia. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio, su Radio Capital e sulle pagine de L'Huffington Post. Ogni tanto lo trovi in radio, in tv e su giornali. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019. Il 23 luglio 2020 è uscito il libro da lui curato dal titolo "In viaggio tra i borghi d'Italia". A fine giugno 2021 uscirà il suo nuovo libro tutto dedicato ai luoghi più insoliti, segreti e curiosi di Roma.