Roma segreta: 21 luoghi insoliti che ti lasceranno a bocca aperta

panorama di roma

Sei stanco di visitare sempre i soliti monumenti, le solite piazze e i soliti musei, e sei in cerca dei luoghi insoliti di Roma?
Per carità, è meraviglioso andare mille volte a Piazza Navona, alla Fontana di Trevi o al Colosseo, ma nella Città Eterna ci sono tanti posti strani e curiosi, poco noti anche ai romani, che meritano di essere visitati.

Io ho avuto la fortuna di scoprirli anche grazie a mia nonna Angela (detta Angelina) e a mio nonno Cesare, che si vantavano di essere “romani da sette generazioni”, e che mi hanno fatto crescer a suon di stornelli romaneschi e a piatti di pasta alla carbonara. I miei nonni amavano così tanto la loro città che nel fine settimana prendevano la loro 126 azzurra e mi portavano a spasso per le bellezze della Capitale. Durante il tragitto cantavamo a squarciagola “la società dei magnaccioni”, “Roma nun fa la stupida stasera” e “Tanto pe’ cantà”, e una volta arrivati a destinazione, con il cuore pieno di orgoglio, nonna mi diceva “Bello de nonna, guarda ‘ndo t’avemo portato oggi, nun vedi quant’è bella Roma nostra?”. Che tempi e quanto darei per poter tornare indietro e riabbracciarli…
Mi sto commovendo quindi è meglio che inizi subito a parlarti della Roma segreta e di quei luoghi che solo in pochi conoscono.

ROMA SEGRETA: I LUOGHI INSOLITI CHE TI LASCERANNO A BOCCA APERTA

Cripta dei Cappuccini via Veneto

luoghi insoliti di roma
Tra i luoghi insoliti di Roma ce n’è uno al numero 27 di Via Veneto – la via della Dolce Vita. Lì si erge un luogo di culto dall’apparenza innocuo e tranquillo. Si tratta della Chiesa di Santa Maria Immacolata, costruita tra il 1626 e il 1631 su volere di Papa Urbano VIII, in onore di suo fratello Antonio Barberini che faceva parte dell’ordine dei frati cappuccini. Oltre alle opere di Guido Reni e del Domenichino, ospita un luogo piuttosto spettrale.

Si tratta della cripta decorata con le ossa di oltre 4.000 frati, che accoglie il visitatore con la frase “Quello che voi siete noi eravamo; quello che noi siamo voi sarete. “.

Ossa e teschi sulle pareti e sul soffitto, scheletri di frati con il saio appoggiati ai muri, croci in terra e…non hai paura vero?
Aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19 (ultimo ingresso alle 18:30), il biglietto ha un costo di € 8,50.

Piccolo Duomo e il Museo delle Anime del Purgatorio

luoghi non conosciuti roma
Sempre per rimanere in tema del macabro io ti suggerisco di recarti sul Lungotevere Prati, accanto al Palazzo di Giustizia e a due passi da Piazza Cavour. Lì troverai una chiesa neogotica che ricorda il Duomo di Milano (chiamata per l’appunto da noi romani “il Piccolo Duomo”).

Costruita tra il 1894 e il 1917, e consacrata nel 1921, custodisce al suo interno il Museo delle Anime del Purgatorio. È ospitato nella sagrestia ed espone documenti e testimonianze dell’esistenza del Purgatorio.

Ti avverto, potresti rimanere piuttosto impressionato dalle impronte di una mano su un libro di preghiere, dalle vesti marchiate a fuoco o da altre reliquie sovrannaturali.

Via Piccolomini

luoghi insoliti roma (3)
Lasciamo il macabro e il misterioso e spostiamoci in Via Nicolò Piccolomini, tra via Aurelia Antica e via Leone XIII, a due passi da Villa Pamphili. La strada è perfettamente allineata con la Cupola di San Pietro e termina in un belvedere.

Percorrila in direzione del Cupolone, e tieni lo sguardo fisso sulla Cupola (meglio se al centro della strada facendo però attenzione alle auto). Ti accorgerai che più ti avvicinerai e più la Cupola si rimpicciolirà. Ma non finisce qui, percorrendola al contrario, ti accorgerai che più ti allontanerai e più ti sembrerà grande.

Fantastico vero?

La passeggiata del Gelsomino

passeggiata del gelsomino
Tra i luoghi insoliti di Roma merita una visita la passeggiata del Gelsomino . Si tratta del binario della Ferrovia Vaticana che congiunge l’Italia allo Stato della Città del Vaticano, trasformato in una splendida passeggiata che arriva fino alle porte dello Stato Papale. Percorrendo l’ex binario si costeggiano i tetti delle abitazioni e si ammira il Cupolone da un’insolita prospettiva.

Ci si arriva dalla Stazione San Pietro (una traversa di via di Porta Cavalleggeri).

Il buco della serratura della Villa del Priorato di Malta

luoghi insoliti di roma (4)
Hai visto il film “La Grande Bellezza” di Sorrentino? C’è una scena in cui si vede la Cupola di San Pietro circondata da siepi. Si tratta della Villa del Priorato di Malta, in Piazza dei Cavalieri di Malta, sul Colle Aventino. Dal buco della serratura del grosso portone è possibile ammirare la stessa immagine.

Casina delle civette

posti insoliti roma (2)
All’interno di Villa Torlonia sulla Nomentana si trova un edificio che sembra uscito da un libro di fiabe per ragazzi. Si tratta della Casina delle Civette, dimora del principe Giovanni Torlonia jr. Fu ideata nel 1840 ma ebbe varie aggiunte e modifiche fino al primo decennio del 1900.

Una struttura dall’aspetto fantasioso ricca di torrette, di porticati, di torri, e di vetrate policrome.

Quartiere Coppedè

quartiere coppede cosa visitare
Un quartiere piuttosto bizzarro e singolare posto tra la Salaria e la Nomentana. I suoi villini dalle forme strane e fiabesche, ti trasporteranno in un’altra città, addirittura in un’altra dimensione. Per saperne di più leggi la nostra guida al Quartiere Coppedè.

Quadro motorizzato di Rubens

posti insoliti di roma (3)
Nella Chiesa di Santa Maria in Vallicella (Via del Governo Vecchio, 134), conosciuta anche come Chiesa Nuova, si trova una pala d’altare motorizzata che – grazie ad un congegno meccanico – è in grado di nascondere o mostrare un’icona miracolosa della Vergine Maria che in passato sanguinò.

Il dipinto a olio su tela fu realizzato dal famoso pittore fiammingo Pieter Paul Rubens.

Antica Farmacia di Santa Maria alla Scala

Al numero 23 di Piazza della Scala, in Trastevere, si trova il convento dei Carmelitani Scalzi.

Al primo piano del convento c’è l’antica Spezieria che all’inizio fu utilizzata solo dai frati, ma che alla fine del Seicento fu aperta a tutti i romani. Grazie alle spezie e alle erbe medicinali coltivate dai frati stessi, preparò prodotti galenici fino al 1954 e curò anche Papi e cardinali, rimanendo attiva fino al 1978.

Ora, previo appuntamento telefonico al numero 065806233, è possibile visitare i suoi antichi locali con gli oggetti e il mobilio del 1700, l’ambulatorio, lo studio del medico e il magazzino.

La Casa dei Mostri (Palazzetto Zuccari)

posti non comuni di roma
Salendo per la famosa scalinata di Trinità dei Monti ci si ritrova nella piazza omonima. Tra via Sistina e via Gregoriana si trova un palazzetto con un portone d’ingresso demoniaco. Una bocca spalancata con il naso che funge da chiave di volta.

Fu citato anche nel romanzo “Il Piacere” di Gabriele D’Annunzio.

Organi dei Papi nella Chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio

luoghi sconosciuti di roma
Proprio di fronte alla Fontana di Trevi si trova una Chiesa che custodisce al suo interno delle reliquie piuttosto singolari: gli organi racchiusi nella cavità toracica vicino al cuore, che venivano tolti ai Papi prima di imbalsamare il loro corpo.

Porta Magica a Piazza Vittorio

luoghi non conosciuti di roma (2)
Nei giardini di piazza Vittorio Emanuele II si trova questa porta alchemica, che in origine era una delle cinque porte di Villa Palombara, di proprietà di Massimiliano Palombara marchese di Pietraforte.

Secondo la leggenda l’alchimista Francesco Giuseppe Borri si unì al circolo della Villa e fece tanti esperimenti per trasformare la materia in oro. Un bel giorno fu visto scomparire attraverso la porta, lasciando dietro di sé delle pagliuzze d’oro e un foglio con enigmi e simboli magici contenente il segreto della pietra filosofale.

Massimiliano Palombara fece incidere sulle porte i simboli presenti sul foglio, con la speranza che un giorno qualcuno sarebbe stato in grado di decifrarli.

La Scala Santa

luoghi poco conosciuti di roma
Secondo la leggenda si tratterebbe della scala del palazzo di Ponzio Pilato che Gesù salì il giorno della sua morte. Si trova accanto alla Basilica di San Giovanni in Laterano (Piazza di S. Giovanni in Laterano, 14) ed è custodita all’interno di un edificio risalente alla fine del XVI secolo, fatto costruire da Papa Sisto IV.

I fedeli la percorrono ancora oggi, una volta l’anno, al fine di ottenere un’indulgenza temporanea dai propri peccati.

La Piccola Londra

piccola londra roma

Nel quartiere Flaminio c’è una stradina che ricorda quartieri della capitale britannica come Notting Hill e Chelsea, un vero gioiellino nascosto a sguardi indiscreti.

Per saperne di più leggi: Piccola Londra a Roma: cos’è e dove si trova.

Orto Botanico

Tra i luoghi insoliti di Roma c’è anche l’Orto Botanico, in cui peraltro Valentina (l’altra metà di questo blog) ha prestato servizio come borsista durante gli studi universitari. Si trova a Trastevere, in Largo Cristina di Svezia n.24, e si inerpica fino al Gianicolo. Ospita oltre 3000 specie vegetali e c’è anche un delizioso giardino giapponese.

Casino Giustiniani Massimo al Laterano

roma segreta

Hai mai visto un palazzetto affrescato con scene tratte dai capolavori della letteratura italiana?

Al numero 16 di via Matteo Boiardo, nei pressi di San Giovanni in Laterano, si trova un gioiello della Roma segreta fatto decorare nel 1817 ai Nazareni dal marchese Carlo Massimo. I Nazareni erano un gruppo di pittori tedeschi giunti a Roma per riportare l’arte sulla “via della verità”.

Le stanze al piano terra sono decorate con scene epiche tratte dalle opere di Dante, di Petrarca, di Torquato Tasso e di Ludovico Ariosto.

Un luogo di inaudita bellezza che potrai ammirare in completa solitudine.

Galleria Prospettica del Borromini

roma segreta 2

Nel cortile di Palazzo Spada – che ospita la Galleria Spada con opere del XVI e XVII secolo – si trova una chicca in grado di sconvolgere chiunque si trovi al suo cospetto. Si tratta della Galleria Prospettica del Borromini costruita nel 1653, lunga 9 metri ma che appare lunga ben 38 metri. Borromini la realizzò mettendo in pratica alla perfezione tutte le regole prospettiche: un punto di fuga centrale e le linee del pavimento e del soffitto che rispettivamente salgono e scendono. Pensa che il pavimento sale di 60 centimetri.

Mi sono reso conto di questo gioco prospettico solo quando ho visto la dimostrazione del custode che procedendo verso la statua posta nel fondo diventava sempre più gigantesco. Le ultime colonne gli arrivavano alle spalle e la statua alla vita.

Davvero incredibile!

Giudizio Universale del Cavallini

Nel convento di clausura che si trova dentro il cortile della Basilica di Santa Cecilia in Trastevere si trova un capolavoro realizzato nel 1293 dal pittore e mosaicista romano Pietro Cavallini. Il Giudizio Universale è stato riconosciuto come l’opera più importante dell’artista e alcuni critici lo collocano Cavallini per importanza addirittura sopra a Giotto.

Purtroppo è vietato scattare foto e non posso quindi mostrarti la sua bellezza, ti toccherà andarci di persona e ammirare quel che resta della meraviglia. Da lì è possibile poi ammirare dall’alto gli interni della Basilica.

Oratorio del Gonfalone

roma segreta 3

Gironzolando per i vicoli del centro storico ci si imbatte spesso in facciate di chiese poste tra un palazzo e l’altro. Al numero 32 di via del Gonfalone – una traversa di Via Giulia – ci si imbatte in un luogo favoloso ma sconosciuto anche alla maggior parte dei roma. Si tratta della chiesa di Santa Maria Annunziata del Gonfalone, costruita nel XVI secolo, e decorata con splendidi affreschi dei principali esponenti del Manierismo romano che raffigurano le storie della Passione di Cristo.

Per visitarla bisogna o assistere a uno dei tanti concerti che si svolgono durante l’anno o contattare la confraternita al numero 066875952.

Affreschi di Raffaello a Villa Farnesina

roma segreta 3

Gli affreschi di Raffaello a Roma non si trovano mica solo ai Musei Vaticani.

La rinascimentale Villa Farnesina, che si trova in via della Lungara a Trastevere, realizzata da Baldassarre Peruzzi su commissione di Agostino Chigi, è interamente affrescata con dipinti di Raffaello Sanzio, di Giulio Romano, del Sodoma, di Giovan Francesco Penni, da Giovanni da Udine, da Sebastiano del Piombo, sui disegni di Raffaello.

La villa è oggi sede di rappresentanza dell’Accademia dei Lincei ma può essere visitata come un normalissimo museo.

Il Cristo di Michelangelo

roma segreta 4

Andando al Pantheon è facile ritrovarsi di fronte alla Chiesa di Santa Maria Sopra Minerva, anche perché fuori c’è un bell’elefantino del Bernini che di certo non passa inosservato. Entrando nella Chiesa si viene colpiti dalla sua magnificenza, dagli affreschi di Melozzo da Forlì e di Filippino Lippi, dalla tomba del Beato Angelico e dal sepolcro di Santa Caterina da Siena. Quello che però passa inosservato è il Cristo di Michelangelo. Sì, hai letto bene, una statua del più grande scultore di tutti i tempi che si trova proprio alla sinistra dell’altare.

Sei pronto per andare alla scoperta di questi luoghi insoliti di Roma? Ne conosci altri? Segnalameli nei commenti.

Per tutte le altre cose da visitare a Roma ti suggerisco di leggere con attenzione i post:

e se ti servono altri consigli o suggerimenti non esitare a contattarmi, io sono di casa!

Crediti immagini:
Cripta dei Cappuccini (link immagine) No machine-readable author provided. Tessier~commonswiki assumed (based on copyright claims).

La Casina delle Civette (wikimedia) part of Villa Torlonia in Rome: By Howard Hudson This work is licensed under the Creative Commons Attribution 2.5 License
Casa dei Mostri wikimedia autore Sailko, Scala Santa wikimedia autore Carlomorino, Chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio wikimedia autore Geobia, sono sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported
Porta magica (link immagine wikimedia) autore Sailko is licensed under the Creative Commons Attribution 2.5 Generic license.

immagine di copertina pcdazero pixabay

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019.