Cosa vedere a Riva del Garda, cosa fare e dove alloggiare

riva del garda cosa vedere

Se stai cercando cosa vedere a Riva del Garda sei nel posto giusto, ci sono stato talmente tante volte che mi merito quasi la cittadinanza onoraria, e credo di conoscerla abbastanza bene da darti tutti quei suggerimenti utili per visitarla al meglio, e per trascorrere piacevolissimi momenti in qualsiasi stagione tu decida di andarci. Anche perché c’è sempre un motivo per andarci e per tornarci non una, ma due, tre, dieci volte.

In questo post troverai sia cosa vedere a Riva del Garda, sia cosa vedere nei suoi dintorni, ma anche qualche suggerimento su dove mangiare, dove alloggiare e su dove fare un aperitivo molto ma molto interessante.

COSA VEDERE A RIVA DEL GARDA: I LUOGHI IMPERDIBILI E INFORMAZIONI UTILI PER IL SOGGIORNO

La Rocca e il Museo dell’Alto Garda (MAG)

riva del garda cosa vedere
Il simbolo di Riva del Garda è la splendida Rocca, una fortezza medievale edificata nel 1124 per difendere il porto, che nel 1516 – sotto al dominio asburgico – divenne la residenza del principato vescovile di Trento. Nell’Ottocento fu utilizzata come caserma e dagli anni Cinquanta del secolo scorso ospita il Museo dell’Alto Garda (MAG).

Il MAG è un museo interessantissimo che ospita sia una collezione d’arte legata al territorio, che reperti e suppellettili dall’epoca primitiva ai giorni nostri che permettono di conoscere e ripercorrere tutta la storia di Riva del Garda. Sono sincero, avevo qualche perplessità su questo museo e ci sono entrato solo in occasione dell’iniziativa dei musei gratis la prima domenica del mese (non prendermi per tirchio, però quando si può risparmiare su una cosa che a pelle non ti convince lo si fa molto volentieri), e poi stanza dopo stanza mi sono così appassionato all’esposizione che quando sono uscito ho esclamato “sono stato proprio stupido a non entrarci prima”. Oltretutto dalla terrazza si gode di una vista mozzafiato su tutta Riva del Garda e oltre. Io te lo consiglio soprattutto per conoscere la storia del luogo, ti basterà poco più di un’ora per portare a termine il tuo percorso, ma credimi, alla fine apprezzerai ancora di più quello che visiterai in città. Per capire il presente bisogna sempre conoscere il passato.

Se ami scattare belle foto la Rocca è il posto giusto per sfogare tutta la tua vena artistica, la sua posizione strategia affacciata sul lago la fanno apparire come un quadro vivente dipinto da un pittore impressionista. Bellissima!

Piazza 3 novembre

riva del garda cosa vedere 3
La piazza più bella di Riva del Garda, il cuore della città incastonata tra palazzi antichi con le facciate colorate e i portici, e le acque del lago.

In questa piazza, perfetta per un caffè all’aperto, per un aperitivo o una cena nelle calde serate estive, si trova il Palazzo Pretorio, il Palazzo Municipale e la Torre Apponale.

Torre Apponale

Sulla Piazza 3 novembre si trova questa torre seicentesca alta 34 metri, sulla cui cima è adagiato da oramai molti secoli Anzolim, un angelo in bronzo simbolo di Riva del Garda.

Non è stato semplice vederlo per me che sono miope e che non porto mai gli occhiali da vista (quella volta però li avevo in tasca), ma spero che tu abbia una vista migliore della mia.

Piazza Catena

Altra splendida piazza che si trova praticamente accanto a Piazza 3 novembre. Prende il nome dalla catena che veniva messa sopra l’acqua del lago a difesa del porto. Fino al 1929 ha ospitato il dazio imperiale.

Da qui partono i battelli (aliscafi, motoscafi, piroscafi, motonavi e catamarani) che collegano le varie località del Lago di Garda. Un modo piacevole per muoversi in totale relax, e visitare altre cittadine.

Centrale idroelettrica

cosa vedere riva del garda
Impossibile non vederla, specialmente da Piazza 3 novembre. Realizzata negli anni ’20 e progettata da Giancarlo Maroni, l’architetto che realizzato il Vittoriale di D’Annunzio, può essere visitata al suo interno per ammirare il processo di trasformazione dell’acqua in energia pulita. Molto interessante per grandi e per piccini, soprattutto in un periodo come questo in cui il nostro povero mondo sta gridando aiuto e l’ambiente ha bisogno di dare un taglio netto all’inquinamento utilizzando sempre di più l’energia alternativa.

Chiesa dell’Inviolata

cosa vedere riva del garda 2
Bellissima chiesa barocca costruita nel 1603 e consacrata nel 1636.

Al suo interno è possibile ammirare confessionali lignei intarsiati, dipinti a olio, affreschi, stucchi e marmi sul pavimento. Dietro all’altare maggiore si trova invece l’immagine della Madonna miracolosa, molto cara agli abitanti di Riva.

Lungolago


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ANDREA PETRONI (@vologratis) in data:


Io ti consiglio di fare una bella passeggiata, magari al mattino, partendo dalla Rocca e costeggiando il lago in direzione dell’hotel Lido Palace. Ti ritroverai a passare in mezzo a giardini curatissimi affacciati sul lago, che seguendo il ciclo delle stagioni assumono i colori più disparati, e potrai rilassarti seduto su spiaggette acciottolate in compagnia di qualche paperella. Volendo, passo dopo passo, potresti arrivare a Torbole.

Anche qui non dimenticare la macchina fotografica, ma so che avrai con te il tuo fidatissimo smartphone sempre pronto a cogliere l’attimo.

Il Bastione

riva del garda cosa vedere bastione
Alzando gli occhi verso il monte Rocchetta si scorse il Bastione, uno dei simboli di Riva del Garda.

Fu costruito nel XVI secolo a scopo difensivo, ma fu distrutto nel 1703 dalle truppe francesi. Si raggiunge a piedi con una passeggiata nella natura, gratificata dalla vista sul lago che si apre davanti agli occhi di chi non si è fatto intimorire dal dislivello che però cela un piacevole sentiero nient’affatto impervio.

Piazza delle erbe

cosa vedere riva del garda 3
Un’altra piazzetta che a me piace molto, che trovo particolarmente pittoresca, è Piazza delle erbe, realizzata subito dopo la prima guerra mondiale per ospitare il mercato. Bellissimo il loggiato del pesce. Anche qui foto a manetta da condividere su Instagram in perfetto stile “influencer lifestyle”.

Porta San Michele

riva del garda cosa vedere porta san michele
Partendo dalla Rocca e percorrendo per qualche minuto Via Giuseppe Mazzini, si arriva a Porta San Michele, antica porta d’ingresso alla città, che divide ancora la parte antica da quella più moderna. La cosa curiosa è che la torre funge da torre campanaria per la vicina chiesa parrocchiale, che non è proprio attaccata all’edificio di culto.

Terme romane

terme romane riva del garda
Tra cosa vedere a Riva del Garda un romano come me non poteva non segnalarti le terme romane. Recentemente scoperte, sono state datate al I secolo d.C. ed erano formate da un edificio a forma rettangolare e da stanze collegate.

Passeggia senza meta


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ANDREA PETRONI (@vologratis) in data:


Queste sono secondo me le cose principali da vedere a Riva del Garda, però – essendo una città piccolina – io ti consiglio di fare una bella passeggiata senza meta perdendoti tra le viuzze del centro storico: ti imbatterai in Via Fiume con i suoi edifici storici, sbucherai a Piazza San Rocco, ai Giardini Verdi, ti ritroverai di fronte a Porta Bruciata e a Porta San Marco. Però mi raccomando, quando arriverai nella Vecchia Stazione non metterti in attesa del treno, non giungerà nessun convoglio, si tratta della stazione che dal 1891 al 1936 ha collegato l’Alto Garda con la linea del Brennero, oramai in disuso ma ben conservata.

Trekking a Riva del Garda

A proposito di camminate, ma di quelle serie…sei un appassionato di trekking? Bene, allora potresti percorrere il sentiero del Ponale che parte dalla centrale idroelettrica o  quello dei Forti del Monte Brione grazie al quale potrai ammirare gli antichi forti, le trincee e le strade militari.

Molino Pellegrini

cosa vedere dintorni riva del garda
Non è un monumento e non è nemmeno un museo, ma io ti consiglio di visitarlo per conoscere e capire tutto ciò che ruota intorno alle farine di mais e grano saraceno. Noi siamo abituati a comprarle al supermercato, belle pronte e imbustate, e come succede spesso non ci soffermiamo a pensare a quanto lavoro si nasconda dietro al prodotto finito.

Il Molino Pellegrini è un antico mulino a gestione familiare (la parte più antica risale addirittura al 1700), in cui la lavorazione del mais e del grano avviene ancora con le antiche macchine, con la stretta supervisione dell’uomo, e con un procedimento più lento rispetto a quello industriale ma che permette di ottenere un prodotto di alta qualità.

Per visitarlo, abbinandoci magari una degustazione, è possibile prenotarsi inviando una mail a ufficio@molinopellegrini.it.

Si trova in Via Varoncello 27, Varone di Riva del Garda.

I dintorni di Riva del Garda

Riva del Garda è una buona base di partenza per visitare un territorio, quello del Garda Trentino, ricco di bellezze naturalistiche e non solo. Ci sono le suggestive cascate del Varone incastonate nella montagna, il lago di Tenno dai colori caraibici (tra i laghi più belli del Trentino), il delizioso borgo medievale di Canale di Tenno, l’elegante città di Arco con il castello, ma anche la vicinissima Torbole meta amata dagli appassionati di windsurf.

Eventi a Riva del Garda


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ANDREA PETRONI (@vologratis) in data:


A Riva del Garda c’è sempre qualcosa da fare e qualche evento a cui partecipare.

Gli eventi più importanti sono:

Riva del Garda: dove si trova e come si raggiunge

Lo so, ti ho parlato di cosa vedere a Riva del Garda senza inquadrarla geograficamente. Rimedio subito.

Si trova nella parte settentrionale del Lago di Garda –  il lago più grande d’Italia – ha una popolazione di circa 17.000 abitanti, ed  è inglobata nella provincia di Trento.


Dista:

  • 21 km da Rovereto
  • 45 da Trento
  • 75 km da Verona.

È facilmente raggiungibile in treno grazie all’alta velocità, quindi sia con Italo che con le Frecce, scendendo però alla stazione di Rovereto. Da lì poi o si può prendere un pullman, o il taxi.

In automobile si raggiunge:

  • da sud percorrendo l’autostrada del Brennero (A22) e uscendo a Rovereto Sud/Lago di Garda Nord
  • da Nord – Ovest (tipo Milano e Torino) percorrendo l’A4 prima e poi la SS45bis.

Basta comunque impostare il proprio navigatore satellitare Google Maps o ViaMichelin per farsi condurre a destinazione senza alcun tipo di problema.

Volendo ci si può arrivare anche in aereo atterrando all’aeroporto di Verona, prendendo un bus fino alla stazione di Verona e poi il treno per Rovereto.

Riva del Garda: dove alloggiare


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ANDREA PETRONI (@vologratis) in data:


A Riva del Garda ci sono alloggi per tutti i gusti e per tutte le tasche, dalla pensione a gestione familiare all’hotel di lusso, ai bed and breakfast e alle case vacanza prenotabili anche su Airbnb.

Avendone provati diversi io ti posso suggerire:

Riva del Garda: dove mangiare e dove fare un buon aperitivo

Per avere un’idea di cosa potrai assaggiare a Riva del Garda io ti suggerisco di leggere la nostra guida Cosa mangiare sul Lago di Garda Trentino.

Prima di scatenarti con antipasti, primo, secondo e dolce, ti consiglio di andare ad “aprirti lo stomaco” all’Hotel Luise che si trova in Viale Rovereto n.9. Lì fanno una cosa molto simpatica ma anche molto buona: lo psicoaperitivo. Tu arrivi, ti siedi, compili una scheda in base alla tua personalità, e il bartender crea il cocktail adatto a te. Poi ti riempiono di delizie salate realizzate dagli chef dell’hotel che ogni giorno sfornano pane, pizza e altre bontà.

Se poi posso suggerirti un posto in cui mangiare, in maniera del tutto disinteressata in quanto non ci guadagno assolutamente nulla, ti consiglio di andare al ristorante Leon d’Oro che si trova in via Fiume 28. Un luogo informale e a gestione familiare, in cui potrai fare un viaggio nei sapori del Garda Trentino, tra carne salada, pesce di lago, ottimi vini e interessantissimi olii. A fine pasto però chiedi un bicchiere di vino santo, fidati di me.

Ora che sai cosa vedere a Riva del Garda ti auguro di trascorrere una fantastica vacanza, o anche solo un weekend, in questa deliziosa cittadina trentina, che fa anche rima!

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni sabato alle 14 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019.