Le sette meraviglie del mondo: ecco quali sono

Se sei in cerca d’ispirazione per il tuo prossimo viaggio potresti prendere in considerazione l’idea di recarti a visitare una delle sette meraviglie del mondo, ossia quelle opere architettoniche reputate come le più belle del nostro pianeta. Fai però attenzione perché dopo averle conosciute sono sicuro che non vorrai vederne solo una ma tutte quante.

LE SETTE MERAVIGLIE DEL MONDO

Prima però di parlarti delle sette meraviglie del mondo devo fare una doverosa precisazione.

Esistono due categorie di meraviglie del mondo:

  • le sette meraviglie del mondo antico
  • le sette meraviglie del mondo moderno.

LE SETTE MERAVIGLIE DEL MONDO ANTICO

sette meraviglie del mondo antico piramide cheope
Si tratta di un elenco risalente al III secolo a. C. stilato in base ai racconti degli antichi viaggiatori Greci e Romani, e tra di esse solo una è sopravvissuta fino ai giorni nostri: la Piramide di Cheope.

Vediamo quali sono:

  • la Piramide di Cheope a Giza, in Egitto
  • il Faro di Alessandria in Egitto
  • la Statua di Zeus a Olimpia, in Grecia
  • il Colosso di Rodi, in Grecia
  • il Tempio di Artemide a Efeso, in Turchia
  • il Mausoleo di Alicarnasso in Turchia
  • i Giardini Pensili di Babilonia, in Mesopotamia.

LE SETTE MERAVIGLIE DEL MONDO MODERNO

Veniamo ora alle sette meraviglie del mondo moderno, tutte ancora visibili, che furono decretate a Lisbona il 7 luglio 2007 dopo una votazione mondiale iniziata nel 2000, promossa dalla società  svizzera a scopo di lucro “New Open World Corporation”, e non dall’UNESCO come in molti pensano.

Colosseo, a Roma

sette meraviglie del mondo colosseo
Da italiano e da romano non posso che esserne orgoglioso, anche se il nostro Bel Paese è talmente ricco di tesori storici e architettonici che ci vorrebbe una lista a parte.

L’anfiteatro Flavio – il più grande anfiteatro del mondo – fu inaugurato nell’80 d.C. e fu costruito per ospitare giochi, spesso cruenti, come le lotte tra animali, combattimenti tra gladiatori, e uccisioni di condannati da parte di animali feroci.

Si trova nel centro della Capitale, nell’area dei Fori romani, e ci si arriva comodamente con l’apposita fermata della linea B della metro di Roma. Il Colosseo può essere tranquillamente il punto iniziale di una bella passeggiata per la Città Eterna, a tal proposito leggi l’itinerario per visitare Roma in un giorno.

Il Colosseo fa comunque parte dal 1980 dei beni Patrimonio dell’Umanità UNESCO insieme a tutto il centro storico di Roma.

Qui di seguito trovi la sua esatta collocazione sulla mappa di Google

Chichén Itzá, in Messico

sette meraviglie del mondo chichen itza
Sono andato due volte in Messico e per due volte sono andato a visitare il sito archeologico di Chichén Itzá. Anzi a dire il vero ci sono andato tre volte, nel mio primo viaggio nella Riviera Maya ci sono stato di giorno, mentre nel secondo viaggio nello Yucatan sono andato a visitare Chichén Itzá sia di giorno che di notte.

È un qualcosa che lascia il visitatore a bocca aperta di fronte non solo alla bellezza delle costruzioni ma per tutto il mistero che ancora circonda la civiltà Maya-Tolteca. Piramidi, campi da gioco, templi e osservatori astronomici incantano per la loro perfezione. Il culmine della perfezione architettonica – matematica – astronomica viene raggiunto dalla piramide di Kukulkan, in cui agli equinozi di primavera e di autunno appare misteriosamente la figura del serpente piumato.

Il sito archeologico che iniziò a svilupparsi nel 500 a.C. e che ebbe il suo declino intorno al 1500 d.C. a seguito della conquista spagnola, è stato inoltre dichiarato nel 1988 bene Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Qui di seguito trovi la sua localizzazione nella mappa.

Petra, in Giordania

sette meraviglie del mondo petra
La Giordania – oramai facilmente raggiungibile anche con la compagnia aerea low cost Ryanair – custodisce al suo interno un luogo particolarmente suggestivo utilizzato anche come set per il film “Indiana Jones e l’ultima crociata”. Si tratta della città di Petra – Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1985 – con gli antichissimi sepolcri le cui facciate furono meravigliosamente intagliate nella roccia. Ci si accede attraversando la fessura del Siq che termina nel grande spiazzo in cui si trova il “Tesoro del Faraone”.

Ecco la sua esatta collocazione geografica.

Machu Picchu, in Perù

sette meraviglie del mondo machu picchu
Il terzo sito archeologico più grande del mondo dopo gli scavi di Pompei e di Ostia Antica, si trova ad un altezza di circa 2.400 metri sul livello del mare. Costruito nel XV secolo dalla civiltà Inca – pare come residenza estiva dell’imperatore Pachacùtec -si trova nella valle dell’Urubamba, nelle Ande peruviane vicine a Cuzco. È Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1983.

Si può raggiungere sia con un trekking impegnativo che comodamente in treno o in bus. In qualsiasi modo ci si arrivi è comunque impossibile non emozionarsi di fronte al suo panorama mozzafiato, unico nel suo genere.

Eccolo localizzato nella mappa.

La Grande Muraglia Cinese, in Cina

sette meraviglie del mondo grande muraglia cinese
Tra le sette meraviglie del mondo figura anche la Grande Muraglia Cinese, costruita a partire dal 215 a.C. per difendere la Cina dalle invasioni dei mongoli, e lunga circa 8.850 km. In rovina per gran parte del suo lungo tragitto, ci sono però alcune parti ben tenute e visitabili dai turisti come la sezione vicina al comune di Pechino e quella vicino a Zhangjiakou.

Dal 1987 figura tra i beni Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Cristo Redentore, in Brasile

sette meraviglie del mondo cristo redentore rio
La statua di Gesù alta 38 metri e simbolo della città di Rio de Janeiro, si trova sulla cima del monte Corcovado a 700 metri d’altezza e domina tutta la famosa città brasiliana.

È la più giovane delle sette meraviglie del mondo poiché fu costruita tra il 1922 e il 1931. C’è una cosa che lega la statua del Cristo Redentore di Rio con l’Italia: il 12 ottobre del 1931 Guglielmo Marconi mandò un impulso radio da Roma che fece accendere le lampade della statua.

Taj Mahal, in India

sette meraviglie del mondo taj mahal
Questo splendido mausoleo fatto costruire nel 1643 dall’imperatore moghul Shah Jahan per accogliere le spoglie della sua moglie preferita, si trova ad Agra, nell’India settentrionale.

Ciò che colpisce il visitatore, oltre alla sua bellezza architettonica che rasenta la perfezione, è il colore che cambia in base alle ore della giornata che gli fanno assumere colorazioni rosate, dorate e bianco candide
È bene Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1983.

Quali furono le finaliste candidate alla rosa delle 7 meraviglie del mondo moderno?

La votazione finale dalla quale uscirono le sette meraviglie del mondo di cui ti hop parlato poco fa, si tenne tra 21 opere architettoniche di indubbia bellezza:

  • la Tour Eiffel di Parigi
  • Stonehenge nel Regno Unito
  • il Cremlino e la Piazza Rossa di Mosca
  • Angkor in Cambogia
  • le statue dell’Isola di Pasqua
  • l’Alhambra di Granada
  • la Statua della Libertà a New York
  • l’Acropoli di Atene
  • il castello di Castello di Neuschwanstein in Germania
  • il teatro dell’opera di Sidney
  • il tempio di Kiyomizudera in Giappone
  • Timbuktu in Mali
  • La basilica di Santa Sofia a Istanbul, in Turchia
  • le piramidi di Giza in Egitto
  • il Colosseo a Roma
  • il Cristo Redentore di Rio de Janeiro
  • la muraglia cinese
  • il Machu Picchu in Perù
  • il Taj Mahal in India
  • Petra in Giordania
  • Chichén Itzá in Messico.

Tu in quale di queste meraviglie del mondo sei stato? Quale ti piacerebbe visitare? Fammelo sapere lasciando un commento sotto a questo post. Ti aspetto anche su Instagram e su Facebook.

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni domenica alle 14 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019.