Dublino: cosa vedere in un weekend e informazioni pratiche

Stai pensando di trascorrere qualche giorno in Irlanda e sei in cerca di informazioni su cosa vedere a Dublino?

Bravissimo, ottima scelta.

Dublino è una città che mi è rimasta particolarmente nel cuore. Sarà forse perché sono un grande appassionato di musica e di letteratura e la capitale irlandese trasuda cultura da ogni dove, sarà per il sorriso dei suoi abitanti o per la birra Guinness, fatto sta che io la amo e se non ci sei mai stato ti consiglio di visitarla al più presto.

Io ci sono stato varie volte e in questo post troverai tante informazioni pratiche che ti aiuteranno ad organizzarti al meglio il tuo weekend.

DUBLINO: INFORMAZIONI PRATICHE

Come arrivare a Dublino

Dublino è facilmente raggiungibile con Ryanair o con Aer Lingus.

Per cercare i voli più economici ti suggerisco di utilizzare o il Trova Tariffe Ryanair, o Google Flights o Skyscanner.

Leggi Quando prenotare un volo: dritte e strategie per risparmiare.

L’aeroporto dista 12 km dal centro che può essere raggiunto o in bus o in taxi. Per saperne di più leggi Dall’aeroporto di Dublino al centro città: i mezzi da prendere.

Dove alloggiare a Dublino

Se hai intenzione di trascorrerci un weekend ti consiglio di alloggiare in centro città in modo da ridurre al minimo gli spostamenti con i mezzi pubblici.

Per trovare un alloggio utilizza o Trivago o Airbnb (qui trovi un coupon Airbnb che ti permetterà di risparmiare qualche decina di euro). Se vuoi vivere una bella esperienza ti consiglio in maniera disinteressata e frutto della mia esperienza il Trinity City Hotel.

Per quanto riguarda le zone devi sapere che alloggiando a Temple Bar dovrai mettere in conto il “rumore” proveniente dai pub e dai ragazzi che vi si affollano soprattutto durante il fine settimana. Meglio cercare un hotel, un b&b o un appartamento nella zona intorno a St. Stephen’s Green e a Grafton Street, molto più tranquilla ed elegante, e a due passi dalle principali attrazioni.

Fuso orario a Dublino

Il fuso orario di Dublino è -1 ora rispetto all’Italia, quindi una volta atterrato dovrai mettere un’ora indietro le lancette del tuo orologio, quelle dello smartphone si aggiusteranno automaticamente.

Telefonare dall’Irlanda

Da quando l’UE ha abolito il roaming è possibile telefonare e navigare sul web dall’Irlanda utilizzando la propria offerta telefonica e senza ulteriori costi.

Come muoversi a Dublino: bus, tram, treno e taxi

A Dublino non c’è la metropolitana ma c’è un’efficiente rete di autobus (Dublin Bus), di tram (Luas) e di treni (DART).

I bus sono in funzione dalle 6 del mattino e fino alle 23:30 circa, di notte vengono sostituiti dai Nitelink.

Il sistema tariffario per i mezzi pubblici è diverso da quello a cui siamo abituati in Italia: non esistono biglietti a tempo e soprattutto non esiste una tariffa unica. Il prezzo della corsa dipende dalla distanza tra la fermata di salita e quella di destinazione, si paga direttamente all’autista, e oscilla grosso modo tra € 0,75 e € 3,30. Qui trovi comunque il calcolatore della tariffa che mostra il prezzo esatto della tua corsa. Una volta salito a bordo del mezzo dovrai comunicare la tua destinazione all’autista e lui ti indicherà la somma da pagare. Le monete vanno inserite in un apposito contenitore che si trova accanto all’autista. Fai attenzione perché non dà il resto ma in caso di un pagamento superiore al prezzo del biglietto viene rilasciato uno scontrino con il quale recarsi all’ufficio centrale di Dublinbus che si trova a ‘O Connell Street per ritirare il resto.

Non ci sono abbonamenti per i bus ma in caso di utilizzo frequente dei mezzi pubblici è possibile acquistare una carta ricaricabile chiamata Leap Card che permette di risparmiare tra il 15 e il 20% sul costo della corsa sia del bus, sia del tram e sia del trenino cittadino.

Per il tram (Luas) il biglietto si paga a terra e ha un costo di € 2 per la singola corsa al centro, e € 3,60 andata e ritorno. Ci sono anche abbonamenti giornalieri, settimanali e mensili.

La Dart collega invece Dublino con i villaggi costieri.

Una corsa in taxi all’interno del centro città costa sui € 10 ma vengono applicati costi extra per la notte, per la domenica e i giorni festivi, e per la prenotazione telefonica o tramite app.

Guidare l’automobile a Dublino

Se hai intenzione di noleggiare un’automobile per fare un bel giro in Irlanda ti consiglio innanzitutto di prenderla solo quando dovrai lasciare la città. A Dublino si guida a sinistra, il volante è al posto del passeggero e il senso di marcia è opposto al nostro, e quindi inizialmente può risultare difficoltoso guidare nel traffico cittadino.

In caso di multa per infrazione effettua subito il pagamento, fidati di me. Leggi Multa all’estero: ecco cosa si rischia a non pagarla.

Cosa e dove mangiare a Dublino

Da non perdere innanzitutto l’irish breakfast, la variante irlandese dell’english breakfast.

Per il cibo ti rimando alla mia guida Cosa mangiare in Irlanda: i piatti tipici assolutamente da provare.

Se vuoi provare una vera esperienza local io ti consiglio di mangiare in uno dei numerosi pub come ad esempio Auld Dubliner (indirizzo 24-25 Temple Bar), O’Neills (indirizzo 2 Suffolk Street), The Oval (indirizzo  e The Old Stand (indirizzo Exchequer Street). Per il fish and chips senza ombra di dubbio da Leo Burdock vicino al castello.

Per una buona birra con un sottofondo musicale rigorosamente dal vivo a suon di irish music ti suggerisco o il Brazen Head considerato come il più antico della città (indirizzo Lower Bridge Street), o il The Porter House (indirizzo Parliament Street) o l’Auld Dubliner che ti ho già segnalato nel precedente paragrafo.

Tour guidati di Dublino

Se mastichi l’inglese ti consiglio di prendere parte ai tour degli homeless, visiterai la città facendo beneficenza. Per saperne di più leggi In Irlanda i senzatetto diventano guide turistiche: così si restituisce loro la dignità.

Gli eventi più importanti di Dublino

Gli eventi più importanti che si svolgono ogni anno nella capitale irlandese sono:

  • la festa di San Patrizio che si celebra in grande stile il 17 marzo
  • il Bloomsday che culmina il 16 giugno ma che si festeggia per tutta la settimana antecedente, in onore del giorno in cui James Joyce ambientò l’Ulisse
  • il Dublin Fringe Festival nel mese di settembre con performance di artisti in ogni angolo della città
  • Halloween nella notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre
  • TradFest, il festival della musica tradizionale che si svolge nella seconda metà di gennaio.

Dove acquistare i souvenir a Dublino

Per acquistare souvenir di qualsiasi genere e di buona qualità (maglie, calzini, cappelli, felpe, tazze…) ti consiglio di fare shopping nei negozi Carrolls Irish Gifts. Ce ne sono tanti sparsi per il centro tra cui ai numeri 57/58 Upper O’Connell Street, 98/99 Talbot Street, 37 Grafton Street, 65 O’Connell Street e 68-69 Dame Street. Ti avverto, sarà difficile uscire a mani vuote, ci sono talmente tante cose sfiziose che si viene tentati ad acquistare anche le minime sciocchezze.

COSA VEDERE A DUBLINO: I LUOGHI DA NON PERDERE

Trinity College

cosa vedere dublino trinity college

Tra le cose da vedere a Dublino c’è in primis la prestigiosa Università fondata nel 1592 per volere di Elisabetta I e che annovera tra i suoi ex studenti personaggi del calibro di Oscar Wilde e Samuel Beckett.

Fai un bel giro per i suoi giardini ed entra a sbirciare le aule, c’è da morire di invidia. La prima volta che ci sono entrato ho esclamato “io ho studiato a Roma Tre in un edificio ricavato da una vecchia scuola di periferia e questi ragazzi studiano dentro questo splendore? Che ingiustizia!”.

Al suo interno si trova una meravigliosa libreria – la Old Library – con la Long Room che ricorda la biblioteca di Harry Potter, e che custodisce il Book of Kells, un manoscritto realizzato nell’800 dai monaci irlandesi e ritenuto dagli studiosi come l’opera d’arte più importante di quell’epoca. Per ammirare il Book of Kells bisogna acquistare il biglietto che ha un costo tra gli € 11 e i € 14 per l’adulto ed è gratis per i minori di 12 anni (attenzione, fino al mese di marzo 2020 il libro non sarà esposto al pubblico).

cosa vedere dublino old library

L’ingresso del Trinity College si trova in College Green.

Temple Bar

dublino cosa vedere temple bar

Tra le cose da vedere a Dublino c’è il famoso quartiere della nightlife, ricco di pub, locali e ristoranti.

Nel Medioevo era il quartiere degli artigiani e delle corporazioni, pieno di bordelli e di bettole e di notte particolarmente pericoloso. Negli anni Cinquanta iniziò il suo declino e negli anni Settanta fu occupato da qualche artista alternativo. La situazione però peggiorò al punto che si pensò inizialmente di raderlo al suolo, ma fortunatamente negli anni Novanta fu approvato un progetto di riqualificazione che gli ha conferito l’immagine che si ammira ancora oggi.

Temple Bar è il posto ideale per sorseggiare una pinta di Guinness e mangiare piatti tipici ascoltando irish music rigorosamente dal vivo, o anche solo per trascorrere una serata ammirando la vita che scorre.

Vivace, divertente a tratti rumoroso, è una botta di colore e di vita. Se vuoi scattarti una foto davanti all’iconico pub ti consiglio di andarci in mattinata, altrimenti dal tramonto in poi.

Guinness Storehouse

dublino cosa vedere guinness

Non si può andare a Dublino senza visitare la fabbrica della birra più famosa d’Irlanda e tra le più famose al mondo. Qui si fa la conoscenza della sua storia, delle sue fasi di produzione e dal Gravity Bar si ha una vista a 360° su tutta la città. Non manca un mini corso di spillatura con tanto di rilascio di attestato di partecipazione e una bella pinta di Guinness.

Per saperne di più ti rimando alla mia guida Guinness Storehouse a Dublino: tutto quello che devi sapere per visitarla.

Cattedrale di Christ Church

cosa vedere dublino christ church

È la cattedrale della diocesi anglicana di Dublino e di Glendalough e la sua costruzione risale al 1870. Nel retro si trova un delizioso giardino tutto da fotografare.

Custodisce una bella cripta medievale, il cuore di Laurence O’Toole santo patrono di Dublino, e i resti mummificati del gatto e del topo ribattezzati dai dublinesi “Tom & Jerry”.

Per visitare la Cattedrale bisogna pagare un biglietto che costa € 6 per gli adulti, € 2 per i bambini fino ai 16 anni, € 3 per gli studenti e € 4 per gli anziani.

L’indirizzo è Christchurch Place.

Cattedrale di San Patrizio

dublino cosa vedere cattedrale san patrizio

È la Cattedrale nazionale dell’Irlanda protestate e la più grande di tutto il Paese.

Fu eretta nel luogo in cui nel 450 d.C. San Patrizio battezzò alcuni pagani e proprio lì fu sepolto lo scrittore Jonathan Swift.

A proposito di San Patrizio, sai perché il trifoglio è il simbolo dell’Irlanda? Perché il santo spiegava ai fedeli il concetto della Trinità utilizzando proprio le piantine di trifoglio.

Il grigio delle pietre della cattedrale contrasta con il verde dei prati, dominati dalla torre alta 69 metri, rendendo suggestivo il colpo d’occhio.

Bellissimo il coro intarsiato e il portale in legno passato alla storia per l’aneddoto sulla pace tra il Conte di Ormond e il Conte di Kildare. Nel Quattrocento il Conte di Ormond si barricò all’interno della chiesa per difendersi dal Conte di Kildare. Quest’ultimo gli promise un atto di clemenza ma il Conte di Ormond non fidandosi si rifiutava di uscire. Per mostrare la sua buona volontà il Conte di Kildare fece un buco nel portale e infilò un braccio all’interno in cui si trovava il Conte di Ormond che volendo avrebbe potuto reciderlo con un colpo di spada. Da lì l’espressione “rimetterci un braccio”.

Anche per visitare questa chiesa bisogna pagare un biglietto d’ingresso che costa € 8 per gli adulti, € 6,50 per gli studenti, per gli anziani e per i bambini. I biglietti acquistati online sono scontati di € 0,50.

Statua di Molly Malone

foto dublino

Uno dei simboli della città. Secondo la leggenda Molly Malone era una pescivendola che di notte svolgeva l’antico mestiere della prostituta, morta in giovane età a causa di una febbre.

Pare che il suo fantasma si aggiri ancora per Grafton Street con il suo carretto del pesce urlando “mussels and cockles”, cioè “vongole e molluschi freschi”.

Ti suggerisco anche di ascoltare il brano omonimo, inno ufficioso della città.

La statua di Molly Malone si trova in Suffolk Street.

Castello

dublino cosa vedere castello

Tra le cose da vedere a Dublino ti suggerisco anche il castello, costruito nel 1204 dal re Giovanni d’Inghilterra, che fu il centro del potere inglese in Irlanda e che fu utilizzato anche come fortezza militare e come sede del Tribunale di Giustizia Irlandese. Ora vi si celebrano gli eventi di Stato.

L’esterno inganna perché non sembra un vero e proprio castello, questo perché a seguito dell’incendio del 1684 fu quasi del tutto ricostruito. I suoi interni sono però conservati alla perfezione.

È aperto tutti i giorni dalle 9:45 alle 17:45 (ultimo ingresso alle 17:15).

Per i biglietti è possibile scegliere la formula con o senza guida.

Il tour guidato in inglese per gli Appartamenti di Stato, la sezione medievale e la Cappella Reale – che dura 60 minuti – costa € 12 per gli adulti, € 10 per gli over 60 e per gli studenti, € 6 per i ragazzi tra i 12 e i 17 anni, è gratis per i minori di 12 anni.

Il singolo biglietto d’ingresso, senza tour guidato, costa € 8 per gli adulti, € 6 per gli over 60 e per gli studenti, € 4 per i ragazzi tra i 12 e i 17 anni, è gratis per i minori di 12 anni.

L’ingresso si trova in Dame Street.

Ha’penny Bridge

foto dublino

È il ponte pedonale che attraversa il fiume Liffey. Costruito in legno, ghisa e cemento, fu così chiamato perché dopo la sua costruzione avvenuta nel 1816 fu richiesto ai passanti un  pedaggio di mezzo penny. È graziosissimo, e ti consiglio di attraversarlo sia di giorno che di notte.

Si trova in Bachelors Walk, a Temple Bar.

O’Connell Street

foto dublino

La strada principale di Dublino e una delle più grandi d’Europa.

Qui vi si trova il The Spire (scultura a forma di ago alta 120 metri e costruita nel 2003) e il General Post Office costruito nel 1818, un edificio importantissimo perché nel 1916 fu il luogo in cui venne proclamata la Repubblica d’Irlanda.

La strada prende il nome dal leader nazionalista Daniel O’Connell rappresentato in una bella statua del XIX secolo.

Proseguendo in direzione Temple Bar si raggiunge Grafton Street, altra via dello shopping.

Kilmainham Gaol

dublino cosa vedere kilmainham gaol

Se hai voglia di vivere un momento adrenalinico non puoi non visitare l’antica prigione costruita nel 1796 e in cui furono rinchiusi e giustiziati numerosi leader ribelli irlandesi, ma anche bambini arrestati per piccoli reati.

La prigione fu chiusa nel 1924 e ora ospita un museo sulla storia del Nazionalismo irlandese.

Si trova in Inchicore Rd, Kilmainham, Dublin 8.

È aperta tutti i giorni e il biglietto con visita guidata di 90 minuti deve essere rigorosamente prenotato online a questo indirizzo.

Curiosità: nel 1982 gli U2 vi girarono il videoclip del brano A Celebration.

I parchi: St. Stephens Green e Phoenix Park

daini phoenix park dublino

Il grande parco cittadino in cui si rifugiano i dublinesi durante le belle giornate estive. Al suo interno si trova il giardino dedicato a William Butler Yeats con una scultura realizzata da Henry Moore e un busto che raffigura James Joyce.

Adiacente al Parco si trova la National Gallery of Ireland (ingresso gratuito) in sono custoditi dipinti di scuola irlandese, italiana e olandese, tra cui opere di Caravaggio, Beato Angelico, Tiziano e Mantegna.

Durante la bella stagione trascorri possibilmente qualche ora di relax anche al Phoenix Park, tra i parchi cittadini recintati più grandi d’Europa, in cui vive un branco di daini.

Statua di Oscar Wilde

foto dublino

È la statua a grandezza naturale che raffigura il famoso scrittore nato proprio a Dublino.

Si trova nel Merrion Square Park ed è talmente bella da sembrare vera. Uscendo fuori dal parco potrai ammirare i famosi edifici georgiani. Al numero 1 troverai invece proprio la casa di Oscar Wilde.

 Se ami gli U2 leggi invece la guida alla Dublino degli U2.

A proposito, leggi anche:

Buon viaggio, ti aspetto anche su Instagram.

musica video www.bensound.com

Un bel giorno di novembre apre per gioco il blog VoloGratis.org e si ritrova ad essere uno dei travel bloggers più seguiti e più influenti in Italia. Ama coccolare il suo bassethound Gastone, cantare sia dentro che fuori alla doccia, suonare la chitarra e viaggiare per il mondo. Odia fare la valigia e gli hotel con i bagni in comune. Per anni ha portato avanti la battaglia “più viaggi per tutti” non solo su VoloGratis.org ma anche su m2oradio e sulle pagine de L'Huffington Post. Ora lo trovi ogni domenica alle 14 su Radio Capital. Il 18 maggio 2017 è uscito il suo primo libro "Professione Travel Blogger" disponibile in tutte le principali librerie italiane, anche online. La seconda edizione è uscita a giugno 2019.